Play off qualificazione ai mondiali Svezia-Italia

Di Matteo Giovanni Troiani

I ragazzi di Giampiero Ventura si giocheranno il tutto per tutto  per far  parte dei mondiali che si disputeranno nel 2018 in Russia. Il C.T. della Nazionale Italiana non ha nemmeno preso in considerazione il pensiero di non parteciparvi per cui, mettendoci la faccia in prima persona, ha caricato tutto l’ambiente: vincere o vincere, alternative non ce ne possono essere. L’impegno non è dei più semplici anche perché anche gli svedesi hanno promesso battaglia. A quanto è dato sapere, Krafth e Rodhen che giocano in Italia rispettivamente nel Bologna e nel Crotone, hanno imparato le parolacce italiane da indirizzare ai diffidati Verratti, Chiellini, Parolo e Immobile nel tentativo di far ”beccare” un cartellino giallo e non essere quindi presenti nel match di ritorno. Leggende metropolitane avvalorate dal ricordo del biscotto di qualche anno fa…

Immagine correlata

Le gare si disputeranno questa sera alle 20.45 in casa svedese e lunedi alle 20:45 in Italia. Oviamente, le due gare saranno trasmesse su RAI UNO.

I ragazzi di  Jan Andersson non sono da sottuvalutare. Per nostra fortuna, il loro giocatore più rappresentativo, Zlatan Ibrahimovic, si è ritirato dalla Nazionale già da tempo. Questa, ad ogni buon conto, è la stessa compagine che, nel 2015, sorprese tutti vincendo gli Europei 2015 Under21.  

Ecco le probabili formazioni di questa sera 

Svezia (4-4-2) – 1 Olsen, 16 Krafth, 4 Granqvist, 3 Lindelof, 6 Augustinsson, 17 Claesson, 7 S.Larsson, 8 Ekdal, 10 Forsberg, 9 Berg, 20 Toivonen

Sostituti: (12 Johnsson, 5 Ollson, 14 Helander, 2 Jansson, 15 Durmaz, 13 Johansson, 19 Rohden, 22 Sema, 18 Svensson, 11 Guidetti, 21 Thelin, 23 Nordfeldt) All.: Andersson

Italia (3-5-2): 1 Buffon, 15 Barzagli, 19 Bonucci, 3 Chiellini, 6 Candreva, 8 Parolo, 10 Verratti, 16 De Rossi, 4 Darmian, 9 Belotti, 11 Immobile

Sostituti: (12 Donnarumma, 21 Spinazzola, 2 Zappacosta, 19 Rugani, 18 Jorginho, 5 Gagliardini, 20 Florenzi, 13 Bernardeschi, 7 Insigne, 22 Zaza, 17 Eder, 14 Perin). All.: Ventura.

Arbitro: Cakir (Turchia)

Risultati immagini per italia ritiro

 

Annunci

Inter 3-Milan 2 Icardi abbatte i rossoneri con una tripletta

Di  MATTEO GIOVANNI TROIANI

Dopo la stagione 2016/2017  che hanno visto entrambe le milanesi non riuscire  a trionfare l’una  sul’altra,nella stagione attuale nel primo viso è la squadra nerazzura ad aggiudicarsi la vittoria.

La partita è stata uno spettacolo per un tifoso neutrale, ma per un tifoso di una delle due squadre è stata una partita  non molto tranquilla.

Il Milan è  riuscito a trovare il pareggio per due volte,ma nel finale non è riuscito a confermarsi dopo il 3 a 2 su rigore di Mauro Icardi.

INTER: Handanovic; D’Ambrosio, Skriniar, Miranda, Nagatomo; Borja Valero (40′ st Eder), Gagliardini; Candreva (28′ st Joao Cancelo), Vecino, Perisic; Icardi (48′ st Santon).    A disp. Padelli, Berni, Ranocchia, Karamoh, Dalbert, Pinamonti. All. Luciano Spalletti.

MILAN: Donnarumma; Musacchio, Bonucci, Romagnoli (33′ st Locatelli); Borini, Kessié (1′ st Cutrone), Biglia, Bonaventura, Rodriguez; Suso, André Silva.                                          A disp. A. Donnarumma, Storari, Abate, Calabria, Gomez, Paletta, Zapata, Gabbia, Mauri, Montolivo. All. Vincenzo Montella.

Arbitro: Tagliavento di Terni.

Note: ammoniti Miranda (I), Romagnoli (M), Vecino (I), Gagliardini (I), Perisic (I), Rodriguez (M), Icardi (I), Eder (I). Totale spettatori: 78.328. Incasso: 4.864.749 euro.

Il derby parte a ritmi  lenti, i rossoneri che aspetta dietro e lascia l’iniziativa ad un’Inter non troppo accativante. Antonio  Candreva al quarto d’ora scambia palloni  con Borja Valero e con un leggero destro becca la traversa. Il Milan non  trova mai Suso e André Silva, mentre gli interisti alzano  i ritmi d’azione e al 28’ passano. D’Ambrosio  per Candreva, dopo due passi e crea un cross giusto  in mezzo per il preciso tap-in di Mauro Icardi di destro. L’1-0 insacca  il Milan e  fà esaltare i tifosi dell’Inter, che gioca 10 minuti di altissimo livello. Proprio poco della fine della prima frazione, però, i rossoneri di Montella hanno occasione per l’uno a uno: Kessiè  filtra una palla  per Borini, che ci va di destro, ma  Handanovic para, poi di nuovo Borini  di testa,ma va  sull’esterno della rete.

Inter Milan

Nella ripresa Vincenzo  Montella cambia Cutrone per Kessié e il Milan è in cambiamento. I primi 10 minuti i rossoneri creano quattro  occasioni : Silva becca il palo (poi Musacchio insacca in rete  ma in netto fuorigioco), Suso  impensierisce Handanovic da fuori, Borini lo imiti, Cutrone non centra la porta con un bel sinistro su cross di Rodriguez. Il  pareggio milanista arriva al 56’: Suso si centra e piazza un mancino da fuori  angolatissimo, che beffa Handanovic. L’ex viola, Vecino ha subito dopo l’occasione del 2-1, ma mette la mette a  largo. Poi Samir Handanovic  blocca Bonaventura e nel contropiede   l’Inter raddoppia: Perisic vola a sinistra e crossa per il grande destro coordinato di Icardi, che fà  doppietta e sentenzia ancora la sua.

Risultati immagini per inter 3 milan 2

Il Milan non molla  e cerca di non arrendersi e all’80’  riesce a pareggiare. Rodriguez trova   Borini, che crossa per il sinistro di Bonaventura: deviazione, para Handanovic, palla sul palo e poi Handanovic la trascina dentro.

Il Milan riesce  ad agguantare il 2-2 che sancisce  un punto in più per entrambe le squadre.Il gol è sembrato regalare a Milano il terzo pari di fila nel derby dopo 80 anni .

Risultati immagini per inter 3 milan 2 bonaventura

Nel finale però nuove emozioni per gli interisti. All’44 del secondo tempo da calcio d’angolo Rodriguez affonda Danilo  D’Ambrosio e procura il rigore.

Dal dischetto si presenta il capitano interista,riesce a traformare il riore e a portarsi a casa il pallone.

Inter-Milan 3-2: Icardi show, nerazzurri secondi a -2 dal Napoli

Il distacco tra Inter e Milan a fine serata è arrivato a dieci punti,e la prossima giornata è importante per il vertice che vede Inter e Napoli darsi battaglia per i tre punti e la testa della classifica.

Dopo Milito nel 2012 non è mai capitato che un giocatore delle  milanesi facesse tre gol,ma Mauro Icardi da capitano nel 2017 ha abbattuto questo record.

Risultati immagini per inter 3 milan 2 festeggiamenti

Rieti 6- Latina1932 0 non ci sono né parole ne scusanti

Di Matteo Giovanni Troiani

Oggi pomeriggio il Latina ha subito una sonora sconfitta da parte dei reatini. Non c’è stata storia per i nerazzuri che sono andati subito in svantaggio già al decimo minuto del primo tempo con la rete dell’ attaccante Luigi Scotto. Dopo mezz’ora di nuovo sotto con la rete dell’argentino Coffa. E non succedere nulla fino allo scadere del primo tempo (se non l’espulsione di Vona che lascia in dieci i compagni).

Nella ripresa di nuovo dopo cinque minuti ed è rete per Luigi Scotto e solo due minuti dopo, al dodicesimo, segna l’ex centrocampista nerazzuro Tirelli che evita di esultare.

Il risultato è di nuovo in trasformazione: al quindicesimo del secondo tempo (dopo tre minuti del gol di Tirelli) Francesco Marcheggiani si unisce al tabellino dei marcatori.

Quando tutto sembrava finita l’agonia col cinque a zero, al trentottesimo, va di nuovo in gol Scotto su rigore e sancisce una tripletta e un altra freccia di dolore per i pontini.

Chiappini dovrà rivedere bene i suoi ragazzi in allenamento in modo da evitare altre vergogne future. Così non va. Lasquadra nerazzurra, infatti, è stata costantemente in balia di un avversario sicuramente forte ma che ha saputo trasformare in rete ogni conclusione verso la porta avversaria. Questo è un Latina ingiudicabile ancorché inguardabile ma, se vogliamo, da bocciare a prescindere. Non ci sono parole e neppure scusanti: bisogna che la società prenda seri provvedimenti che riguardino il settore tecnico e si badi bene che tali provvedimenti devono essere assolutamente tempestivi e risoluti per salvare il salvabile. Così non si va nessuna parte ed anche la salvezza sarebbe soltanto un lontanissimo miraggio. Non vogliamo spendere altre parole e non dobbiamo trovare alcuna scusante perché sarebbe come non voler guardare in faccia la realtà che risulta abbondantemente nuda e cruda.

Rieti-Latina 1932 debutto in Serie D. Le formazioni

Di Matteo Giovanni Troiani

Oggi alle 15 inizia la l’esordio in serie D.

I PREZZI-  I biglietti della gara  vanno dai 20 euro in tribuna d’onore al 5 del ridotto in curva. Prezzo medio, in tribuna laterale, 10 euro.

A dirigere la gara di oggi pomeriggio a Rieti è il livornese Pelegatti.

Le parole di Parlato:

“Intanto facciamoci un in bocca al lupo, ognuno per il suo ruolo. È la prima gara, ci teniamo a fare bella figura contro un avversario di tutto rispetto. Avere rispetto non significa avere paura, ma semplicemente evitare di sottovalutare l’impegno ed iniziare con un risultato pieno. La squadra è ancora in fase di apprendimento, stiamo cercando di trovare la quadra tra vecchi e nuovi, tra giovani e meno giovani per ottenere il massimo, ma chi andrà in campo darà il 100%. Ai ragazzi chiedo sempre di giocare in undici in ambo le fasi, essere partecipi in ogni momento. Latina? Bei ricordi d’infanzia, ero appena diciottenne e furono due stagioni positive, ma domani il mio obiettivo è un altro: batterla. La formazione? Mi sono fatto un’idea di massima, ma di solito io “partorisco” tra sabato sera e domenica mattina dopo un intenso travaglio”.

Rieti (4-3-1-2) Scaramuzzino; Rossi, Biondi, Dionisi, Ispas, Giunta, Cuffa, Luciani, Tirelli, Scotto, Marcheggiani. All. Parlato.
Latina (4-2-3-1) Bortolameotti, Belvisi, Vona, Cossentino, Rizzo; Barberini, Catinali; Cittadino, Rabbeni, Natale, Iadaresta. All. Chiappini.

Spagna-Italia qualificazioni ai mondiali 2/9/17

DI Matteo Giovanni Troiani

La partita si disputerà al Santiago Bernabeu di Madrid, l’Italia   cerca una vittoria che potrebbe aprire le porte di Russia 2018.

La partita si disputerà alle , ore 20.45,  in caso di pareggio infatti sarebbe quasi certo l’addio al primo posto e per guadagnare l’invito ai Mondiali bisognerebbe passare dagli spareggi. Le posizioni dell  due squadre in questo momento sono  in testa alla classifica del Gruppo G con 16 punti ma gli spagnol  hanno una differenza reti migliore (+18 contro +14). Ventura sembra orientato a schierare un’Italia molto offensiva con Insigne e Candreva sulle fasce a supporto di Belotti e Insigne. La difesa, priva dell’infortunato Chiellini, dovrebbe prevedere Spinazzola e Darmian laterali con Barzagli e Bonucci in mezzo.

 

SPAGNA (4-1-4-1): De Gea; Carvajal, Sergio Ramos, Piqué, Jordi Alba; Busquets; Isco, Koke, Iniesta, David Silva; Morata. Ct. Lopetegui

ITALIA (4-2-4): Buffon; Darmian, Bonucci,Barzagli, Spinazzola; De Rossi, Verratti; Candreva, Belotti, Immobile, Insigne. Ct. Ventura

Napoli, sistemazione esuberi in attacco

Di Matteo Giovanni Troiani

Il Napoli deve pensare a sistemare i suoi attaccanti che non rientrano nei piani tecnici, loro sono :Duvàn Zapata e Leonardo Pavoletti.

PAVOLETTI

Per Pavoletti c’è un interesse da parte del Cagliari,dopo l’addio di Borriello il Cagliari cerca una nuovo attaccante  titolare per affrontare il nuovo campionato: la dirigenza rossoblù sta cercando lo sprint decisivo per Leonardo Pavoletti, ormai in uscita dal Napoli. L’ostacolo principale secondo ‘La Gazzetta dello Sport’ è lo  stipendio, per il quale il club partenopeo non vuole fare sconti.  D’altronde  il Cagliari tenta di far quadrare i conti cercando un prestito con diritto di riscatto.

Attenzione alla concorrenza, su Pavoletti non c’è solo il Cagliari: sull’ex bomber del Genoa ci sono infatti anche Benevento, Sampdoria e Chievo, che farebbe un ultimo pensierino nel caso in cui dovesse partire Inglese. Invece anche  l’Atalanta sembra ad essere coinvolta, infatti il “Gasp” potrebbe convincere il suo ex  giocatore ai tempi del Genoa.

ZAPATA

La  Sampdoria pensa a Duvan Zapata. Il Napoli  fa  muro alto e chiede 25 milioni di euro, mentre i blucerchiati  hanno messo sul piatto 15 milioni, comprensivi di bonus. A 20 milioni  la trattativa potrebbe chiudersi, ma a Genova si pensa , dal fatto che il colombiano verrebbe pagato gli stessi soldi che il Siviglia ha sborsato per Muriel e a quel punto tanto valeva tenersi il giocatore.

ooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo

I convocati di Ventura,torna Perin 27/8/17

Di Matteo Giovanni  Troiani

Gian Piero Ventura,ha ufficializzato i 25 convocati per gli impegni contro la Spagna (2 settembre a Madrid) e l’ Israele (5 settembre a Reggio Emilia),importanti per l’accesso diretto al Mondiale in Russia.

Portieri: Gianluigi Buffon (Juventus),  Mattia Perin (Genoa), Gigi  Donnaruma ( Milan)

Difensori: Davide Astori (Fiorentina), Andrea Barzagli (Juventus), Leonardo Bonucci (Milan), Giorgio Chiellini (Juventus), Andrea Conti (Milan), Danilo D’Ambrosio (Inter),Matteo Darmian (Manchester United),Leonardo Spianazzolla (Atalanta), Daniele Rugani ( Juventus)

Centrocampisti: Riccardo Montolivo (Milan),Daniele De Rossi (Roma), Marco Parolo (Lazio), Lorenzo Pellegrini (Roma), Marco Verratti (Paris Saint Germain). Esterni: Federico Bernardeschi (Juventus), Antonio Candreva (Inter), Stephan El Shaarawy (Roma), Lorenzo Insigne (Napoli).

Attaccanti: Andrea Belotti (Torino), Eder Citadin Martins (Inter), Manolo Gabbiadini (Southampton), Ciro Immobile (Lazio).