LATINA SI FA BiELLA PER NATALE

Ultima gara al Palabianchini per augurare buone feste e salutare l’anno che verrà

 

Lawrence4

” In attacco segnamo tanto per i nostri ritmi alti, però dall’altra parte difendiamo male. Sono le nostre due peculiarità”.

Impressioni, oramai assodate da tutti gli addetti ai lavori,  di Coach Franco Gramenzi dopo l’incredibile epilogo della trasferta infrasettimanale a Bergamo, vinta 109-106 , grazie ad un Fabi da 8/8 dall’arco dei tre punti e i due stranieri, oltre i 20, con un Lawrence rinato dopo l’opaca prova di domenica contro Treviglio, che ha preceduto questo inizio settimana che termina nell’ultima sfida domenicale tra le proprie mura del Palabianchini, quando faranno visita i piemontesi di Biella.

Assieme a Latina, i ragazzi di Coach Carrea condividono, in un bel gruppetto di sette squadre, a sottolineare il regnante equilibrio del girone ovest, la terza piazza ed entrambe hanno perso solo 1 gara nelle ultime cinque. Treviglio ha spezzato la striscia di tre vittorie consecutive per la Benacquista, la stessa che Biella porta avanti dalla 10 giornata.

Stato di forma sottolineato anche da Coach Franco Gramenzi , aggiornando lo stato di salute della sua squadra non granchè eccelso .“Veniamo da una settimana breve dal punto di vista degli allenamenti, perché siamo tornati a Latina soltanto mercoledì, inoltre abbiamo potuto allenarci solo a ranghi ridotti per via della forte influenza che ha colpito anche Allodi e Cucci e dei problemi fisici che stanno avendo Carlson, alle prese con i postumi di un colpo preso al ginocchio durante il match a Bergamo, Fabi per un dolore alla schiena e Tavernelli per un problema muscolare. Domenica, come del resto ogni anno, ci sarà da soffrire nella gara con Biella, che è una squadra molto atletica e in salute, reduce da 3 importanti vittorie consecutive conquistate su buone squadre come Tortona, Siena e Trapani”.

Andrew Lawrence, rinato a Bergamo, dopo i problemi di salute che hanno oscurato le uscite precedenti, analizza l’importanza del gioco corale, chiave dell’ultima vittoria. “Nella precedente gara con Bergamo la cosa fondamentale è stata aver giocato di squadra, ossia tutti pronti a condividere, passare la palla e difendere insieme. Il lavoro di squadra è il fattore più importante in un gruppo. Ovviamente anche con Biella domenica, dobbiamo giocare forte e di squadra. Ci aspettiamo una gara molto difficile domenica, sappiamo che Biella è una squadra molto buona, come, del resto, ogni team in Serie A2. I tifosi sono stati stupendi per tutta la stagione, spero continuino a supportarci anche in questa gara prenatalizia, noi daremo il massimo”.

Il massimo se lo aspettano anche sugli spalti, abituati adesso a vittorie, pur sul filo di lana. Ci sarà da soffrire parecchio contro il temibile duo Sims- Harrell, migliori realizzatori di Biella e con grandi abilità all’interno del pitturato, la zona più debole della Benacquista.

Con il rischio di poche rotazioni, utilizzare la zona, come avvenne a Rieti, potrebbe essere una chiave fondamentale nelle chiusure difensive, ma ripetere la splendida circolazione offensiva di Bergamo divertirebbe chiunque e lascerebbe quel pizzico di serenità e ambizioni ben più alte per il 2019.

Annunci