Nel giro di poche ore ecco tre nuovi Bari

di Redazione | 27.7.2018 | 20.31

Risultati immagini per bari città

Questa mattina è nata la Società Sportiva Dilettantistica Bari che ha di fatto rilevato il titolo sportivo del Bari in questo momento nelle mani di Decaro. La gestione di questo nuovo soggetto sportivo sarà affidata a Gianvito Giannelli, Marcello Danisi e Gianni Di Cagno. L’obiettivo della società è di realizzare un piano triennale partendo da un capitale sociale pari a 640mila euro. Gli otto imprenditori aderenti al progetto sono: Sebastiano Ladisa (FINLAD S.r.l.), Angelo Disabato (ARIETE Soc. Coop.), Francesco Rossiello (ASSITRADE S.r.l.), Eugenio Bernard (F.lli Bernard S.r.l.), Giuseppe Volpe (La Lucente S.p.A.), Raffaele Catalano (ASSIDEA S.r.l.), Domenico Di Paola (Merula S.r.l.) e Antonio Maria Vasile.

Passano poche ore ed arriva una seconda Associazione Sportiva che si chiama As Bari 1908, costituita nel primo pomeriggio di oggi niente popo’ di meno che a Milano. Il capitale è così diviso: il 70% in mano all’Avvocato Fulvio Monachesi ed il 30% all’Avvocato Emiliano Nitti. A riportarlo tuttocalciopuglia.com che ha pure indicato Perinetti nel possibile ruolo di Direttore Sportivo.

E, per non farsi mancare nulla, nel tardo pomeriggio è nata una terza società facente capo a Nicola Canonico: l‘Asssociazione Sportiva Dilettantistica Bari 1908 (ASD Bari 1908). Nel progetto anche alcune vecchie glorie come Totò Lopez (assumerebbe il ruolo di vicepresidente), Sandro Tovalieri e Pietro Maiellaro.

Risultati immagini per bari tifosi

Annunci

Il Como ha un piede e mezzo in serie C

di Redazione | 27.7.2018 | 18.01

Risultati immagini per tifosi como calcio

Alla fine il Como l’ha spuntata riuscendo, nei termini previsti, a presentare la domanda di ripescaggio in Serie C completa delle garanzie finanziarie tra cui la fondamentale fideiussione che fino a stamattina era la preoccupazione dei tifosi. A questo punto possiamo dare per certa la presenza degli azzurri lariani in serie C. Questa la comunicazione della società: ”La Società Como 1907 comunica di aver adempiuto nei termini previsti a tutte le prescrizioni della FIGC per la domanda di ripescaggio. Per motivi di riservatezza federale saranno successivamente forniti i dettagli dell’istanza”.

Il Messina invoca il ripescaggio

di Redazione  | 27.7.2018 | 15.56 | per Latinasport.info e RegginaUnicoAmore

Risultati immagini per MESSINA CALCIO ACR

E spuntò anche il Messina per il quale, con le possibili bocciature di Como e Prato, il ripescaggio non può essere considerato un semplice miraggio. Il presidente Pietro Sciotto, con un breve comunicato, ha d’altronde comunicato ufficialmente le proprie intenzioni: “L’Acr Messina comunica che, nonostante non sia ammessa a presentare domanda di ripescaggio in questa fase, ha già provveduto ad inoltrare al Presidente del Coni, Giovanni Malagò, al Commissario Straordinario della Figc Roberto Fabbricini, al Presidente della LegaPro Gabriele Gravina e al Presidente della LND Cosimo Sibilia, una lettera con la quale – in deroga al regolamento – chiede il ripescaggio in serie C”.

Alle 13 di oggi venerdì 27 luglio scadeva il termine per la presentazione delle domande di ripescaggio per le società inserite in graduatoria e, solo  in serata o al massimo domani, si potrà realmente conoscere la situazione e i posti disponibili in terza serie. Il club giallorosso, quindi, resta in attesa di buone nuove che possono giungere da Firenze.

C’è sempre e comunque l’incognita rappresentata dal Santarcangelo che ha invocato la riammissione in C dopo il playout perso con il fallito Vicenza. E pende, tra l’altro, il ricorso al Coni dell’Avellino ma c’è chi prefigura – in caso di riammissione degli irpini – una serie B a 23 squadre, che lascerebbe comunque un posto libero in C.

Il Messina quindi rimane alla finestra in considerazione del fatto che, restando fuori dalle graduatorie che comprendevano le 36 squadre partecipanti agli ultimi playoff di serie D, non avrebbe potuto far nulla che richiedere una deroga, ovvero la riapertura dei termini che la rimetterebbe in corsa. Nella stessa condizione potrebbe trovarsi il Latina che, ad onor di logica, potrebbe avere le stesse priorità della società peloritana capitanata da patron Sciotto, uomo navigato come pochi. Ma rimane un’altra incognita: il Taranto che fino alle 13 non aveva presentato nessuna richiesta di ripescaggio alla stessa guisa dei nerazzurri pontini. A meno che i dirigenti del Latina Calcio 1932 non abbiano lavorato sotto traccia per fare un regalo alla propria tifoseria. Chi vivrà vedrà.

Risultati immagini per pietro sciotto messina

 

Ripescaggi in C: Como più no che si. Prato out. Le squadre di A? Solo Juve e Milan (forse)

di Redazione | 27.7.2018 | 12.12

Risultati immagini per como calcio

E’ stata una vera e propria corsa contro il tempo in casa Como. I dirigenti lariani, alla disperata ricerca delle garanzia economiche necessarie per la domanda di ripescaggio in serie C, hanno presentato un bonifico bancario urgente alla sede della Lega Pro per un importo di 650.000 euro, ossia l’equivalente della fideiussione bancaria a garanzia della fideiussione che, a questo punto, potrebbe arrivare lunedì. Ora ci sarà da aspettare le decisioni della Lega e della Covisoc per capire se l’operazione ”un po’ improvvisata” della dirigenza comasca potrà essere accettata. Il regolamento sulle richieste di ripescaggio parla chiaro: la garanzia va prodotta esclusivamente tramite fidejussione. Dagli uffici di Firenze della Lega trapela che al momento sembrerebbero accettate le richieste di ripescaggio di Juventus B, Cavese e Imolese. Il rischio che non venga accettata la richiesta del Como c’è ed è altissima perchè il termine di presentazione dei documenti in originale è perentorio. 

La Lega calcio di serie C ha detto no al Prato. La F.I.G.C. – si apprende da una nota apparsa sul sito ufficiale dell’AC Prato – ha comunicato nelle prime ore della mattinata di non poter accettare la richiesta di ripescaggio della società laniera con la disponibilità “condizionata” del Lungobisenzio. La Lega di serie C ha già espresso il proprio parere negativo all’indomani della lettera inviata dal sindaco di Prato Matteo Biffoni nella quale concedeva una disponibilità “condizionata” al cambio di proprietà della società biancazzurra entro il 3 agosto, l’utilizzo dello stadio Lungobisenzio. La Lega di serie C, non ha fatto altro che applicare il regolamento sulle norme di ripescaggio. Alle ore 13 scade il termine ultimo per inviare,  eventuale, nuova documentazione. Se la situazione rimarrà quella attuale, il Prato sarà escluso dal ripescaggio per la mancata disponibilità dello stadio.

La giornata di oggi sarà storica per la Lega di Serie C. Infatti i club di Serie A potranno presentare la domanda di ammissione delle proprie seconde squadre al campionato, stravolgendo la provincialità del calcio italiano, imitando il modello spagnolo. Nelle settimane scorse i club di Serie B hanno cercato di tutelare la bellezza del campionato cadetto chiedendo alla Figc il blocco delle promozioni a tali squadre, richiesta negata dal massimo organo nazionale dopo le innumerevoli pressioni dei grandi club come Juventus e Milan, le prime società interessate al progetto delle seconde squadre.

 

 

Calcio: il Como ha presentato  la domanda di ripescaggio in C
Risultati immagini per como calcio

 

L’Imolese chiede il ripescaggio in serie C

di Basilio Gaburin | 27.7.2018 | 9.43

Risultati immagini per imolese calcio

Notizia dell’ultim’ora che, in un certo senso, spiazza un po’ tutti. L’Imolese attraverso i propri social ha infatti comunicato di aver depositato la domanda di ripescaggio per il prossimo campionato di Serie C, presso la sede della Federcalcio a Roma e negli uffici della Lega Pro di Firenze. Il Club romagnolo ha consegnato la documentazione completa, sia nella parte economica, sia per quella riguardante i criteri infrastrutturali fornita dal Comune di Imola. Dopo la Cavese, adesso sono due i sodalizi che chiedono a gran voce il cosiddetto ”posto al sole” della terza divisione nazionale.

Risultati immagini per imolese calcio

Cossentino e Gambino al Messina (sponda ACR)

di Matteo Troiani | 27.7.2018 | 9.41Risultati immagini per alberto cossentino calcio

Il Messina prende corpo. Grazie, tra l’altro, al grande colpo di mercato centrato nel cuore dela difesa biancoscudata. Il club peloritano di Scionto, infatti, ha ingaggiato il difensore Alberto Cossentino, nato a Palermo il 10/09/1988, nell’ultima stagione al Latina.

Cresciuto nella Primavera del Palermo, Cossentino ha vestito anche le maglie di Triestina, Novara, Gela, Torres, Reggiana e Modena in serie B.

Nella stessa giornata di ieri, il DS Grasso aveva ufficiliazzato l’arrivo di un’importante pedina della scacchiera peloritana. Si tratta dell’attaccante Giuseppe Gambino, nato ad Agrigento il 17/04/1984, che ha chiuso l’ultima stagione con la Folgore Caratese dopo averla iniziata con la maglia dell’Audace Cerignola (5 gol in sole 10 presenze)


 

Intanto nel Monterosi ritorna la punta classe ’99 Davide Sabatini, ex Albalonga con otto realizzazioni. Nel Cassino invece si lavora per il portiere classe 2001 Salvatore Prudente ex Salernitana.
Portici:  dal Campobasso arriva il centrocampista Vincenzo Marzano mentre alla Sarnese piace il difensore classe ’99 Giovanni Rota. Il DS Rosolino sembra fortemente intenzionato a prelevarlo dall’Avellino.