Serie B – Una rovente estate dagli scenari inimmaginabili

di Basilio Gaburin | 19.7.2018 | 11.03

Bari e Cesena drammaticamente fallite. Punto. Avellino con l’acqua quasi alla gola. Punto e virgola. E adesso viene il bello o (fate voi) il brutto perché qualsivoglia norma federale emanata è da interpretare come fosse scritta in aramaico antico oppure in un modo talmente ingarbugliata da capirci poco o niente. Per non parlare di quei comunicati che dico tutto ed il contrario di tutto. Un esempio? I ripescaggi e le relative graduatorie da stabilirsi in base a criteri ed elementi imprescindibili che di imprescindibile non hanno nulla. Molte, infatti sono state le società che hanno presentato istanza per entrare di diritto nella graduatoria federale e sperare di allontanare lo spettro della serie C. E molti di questi sodalizi non avevano né i criteri né tantomeno gli elementi per poterci entrare.

Tra queste il Novara che ha però vinto il ricorso costringendo la Figc a rivedere la stessa graduatoria dopo che erano stati stabiliti alcuni criteri nello scorso fine maggio che prevedevano l’esclusione dai ripescaggi dei club che avevano subito sanzioni amministrative nelle tre stagioni precedenti. Mentre il Club piemontese – che quindi non avrebbe potuto essere inserito nella speciale graduatoria – vince misteriosamente ma non troppo la battaglia legale aprendo le porte ad altri club tra cui il Catania improvvisamente balzato tra le primissime posizioni. Va da sé che la Federazione (allo sbando) ha presentato ricorso ma, allo stato attuale, si prevede una secca e cocente sconfitta. Federazione che fa e disfa e poi pretende di avere ragione. Allo stato attuale sarebbero quattro le contendenti che potrebbero aspirare di diritto a prendere il posto di Bari, Cesena ed eventualmente dell’Avellino: Novara, Siena, Catania e Ternana con un ritardo abissale per la Pro Vercelli.

Insomma, il solito pastrocchio all’italiana con la Federazione che non ci capisce più nulla. Anche quest’anno, insomma, il solito caos che aprirà scenari inimmaginabili e pericolosi precedenti. Come si dice in questo caso: ‘’La legge non è uguale per tutti per via dell’interpretazione’’. In Italia chi scrive le norme – nella maggiormente dei casi soprattutto dalle parti della FIGC – lo fa con il ca…’’

Risultati immagini per serie B

Annunci