Iscrizione in Serie D, è un’ecatombe? Credevamo peggio…

Prime Day

Bonus Cultura su Amazon

di Matteo Troiani | 13.7.2018 | 18.58

Risultati immagini per pallone e soldi

Se la Serie C piange, in Serie D c’è poco da stare allegri. Sono scaduti da pochi minuti i termini per l’iscrizione al prossimo campionato di Serie D 2018-2019. Dalle ore 18.01 infatti non è più possibile inviare la documentazione online perchè il sistema stesso della Lega Nazionale Dilettanti respingerà ogni inoltro.

Stanti le cose, sarebbero quattro i club che non hanno inviato la domanda di iscrizione online al prossimo campionato di Serie D. Si tratta di Fondi, Igea Virtus, Akragas e Villabiagio. Stiamo parlando di società – relativamente alle prime tre – che hanno conosciuto i fasti della Serie C1 e C2, club di una certa importanza e con un bacino di spettatori invidiabile – limitatamente ai barcellonesi e agli agrigentini – che avrebbero fatto gola a qualsiasi dirigenza. Invece la dura realtà dei fatti impone che queste quattro società non giocheranno in Serie D il prossimo campionato. Non stanno meglio Pomigliano, Nocerina, Gela e Campobasso che hanno presentato domanda di iscrizione incompleta e che quasi sicuramente sarà bocciata dalla Co.Vi.So.D. Servirebbe solo un miracolo per ripianare la situazione.

Finora abbiamo rigorosamente usato il condizionale perché mancano comunicazioni ufficiali da parte della Lega Nazionale Dilettanti. C’è da augurarsi una celere puntualità in merito ai club esclusi dal campionato di Serie D per non aver depositato in tempo la domanda di iscrizione. Per tutti gli altri si dovrà attendere l’analisi della Co.Vi.So.D. che potrebbe bocciare le istanze presentate in modo incompleto entro il 20 luglio. Ci sarà poi tempo fino al 26 del mese per presentare ricorso da parte dei club bocciati. Una vera ecatombe per il momento.

Ovviamente è ancora presto per tracciare bilanci perché a mano a mano gli uffici stampa delle società coinvolte in questa situazione drammatica e imbarazzante comunicheranno la realtà dei fatti. Aveva cominciato la Lupa Roma nel primo pomeriggio e per questo non l’abbiamo inserita tra le ”pericolanti”. Poi è stata la volta dell’Akragas e del Villabiagio. Per le altre potremmo essere chiari a breve.

akragas calcio, Agrigento, Sport

«Alessi vattene, meritiamo rispetto». E poi ancora: «Meglio radiati che svergognati».I tifosi dell’Akragas rispondono così, con due scritte apparse ieri mattina nelle pareti esterne dello stadio, all’ultimatum del presidente in carica che si era detto disponibile a iscrivere la squadra al campionato di Serie D e garantire un supporto, con un contratto di sponsorizzazione, a condizione che la holding iraniana da tempo in trattativa con la dirigenza, desse un segnale concreto di volere concludere l’acquisizione.

In ogni caso nessuno ha risposto al suo appello e così sarà decretata la scomparsa del club. Nessun commento da parte del presidente Silvio Alessi alle esternazioni dei tifosi che hanno imbrattato le pareti della struttura per contestarlo. Non sono arrivate neppure dichiarazioni ufficiali sulla vicenda che, tuttavia, appare chiara. Purtroppo, nel giro di pochi anni, otto per l’esattezza, l’Akragas ripiomba nel dimenticatoio. Come sono lontani tempi in cui gli agrigentini arrivarono a sfiorare la serie B con i vari Elvy Pianca, Arcoleo, Lojacono e Mujesan. ltri tempi, altro Akragas.


L’Igea Virtus si è iscritta regolarmente al prossimo campionato di Serie D

Trattativa conclusa all’ultimo minuto tra la vecchia dirigenza e il dott. Grillo. Il club barcellonese era tra le società siciliane più a rischio iscrizione insieme all’Akragas
La società Asd Igea Virtus Barcellona comunica che, in data odierna, è stata inviata la documentazione necessaria per l’iscrizione al campionato di Serie D 2018/2019.
Tale iscrizione è stata perfezionata dalla vecchia società e dal nuovo socio, dott. Filippo Grillo, nelle mani del quale, a breve, passerà l’intera proprietà.
Poiché la trattativa è nata solo nelle ultime ore, non è stato possibile completare, per motivi tecnici, la fideiussione bancaria che sarà prodotta nei prossimi giorni.
A breve il club giallorosso comunicherà i dettagli di questo passaggio societario in una conferenza stampa in data e luogo da stabilire e che saranno successivamente comunicati.

Comunicato stampa Asd Igea Virtus Barcellona


Centocinquantanove su centasessantadue aventi diritto. Sembrava una situazione catastrofica e invece sono soltanto due le società che si sono definitivamente chiamate fuori dai giochi: Akragas e Villabiagio più il Fondi abbandonato al proprio destino dal nuovo Presidente dell’Aprilia Racing Club. Le altre si sono salvate all’ultimo momento oppure si salveranno entro il 26 luglio. Credevamo peggio.

Annunci