Caos iscrizioni. Ma ci sono le penalizzazioni…

di Basilio Gaburin | 6.7.2018 | 22.56

Risultati immagini per soldi e calcio

Tensione alle stelle per molti club di B e C che saranno ‘’radiografati’’ dalla Co.Vi.Soc. che il 12 luglio stabilirà se potranno iscriversi o meno nei rispettivi campionati. Il 30 giugno scorso, le società hanno depositato la domanda di iscrizione. Ventidue su ventidue in B, cinquantanove su sessanta in C, per via dell’accorpamento tra Bassano e Vicenza. Non tutte, però, hanno presentato la domanda completa della documentazione che attesti il regolare pagamento di stipendi e contributi, il deposito della fideiussione bancaria o assicurativa, il pagamento della quota di partecipazione al campionato, il rispetto dei parametri di bilancio, a cominciare dal temuto rapporto patrimonio attivo/totale che oggi potrebbe creare qualche grattacapo innanzitutto al Bari ed al Cesena.

Come riporta oggi la Gazzetta dello Sport, il Bari e il Cesena stanno peggio di tutte in Serie B. I galletti pugliesi devono ricostituire il capitale e ripianare le perdite per cui occorre che trovino “prima di subito” almeno 4,6 milioni di euro. Che sono quisquiglie rispetto alla situazione dei bianconeri rimagnoli, la cui sopravvivenza è appesa a un filo se non riescono a scovare sotto la fatidica mattonella ben settantamilioni di Euro. Con ogni probabilità, nel prossimo campionato di B sarà ripescata la Ternana. Il Foggia, invece, dovrà aspettare ancora un paio di settimane prima di considerare al «riparo» il proprio futuro: la penalizzazione di 15 punti (da scontarsi nel prossimo campionato) e comminata in primo grado, entro il 20 di questo mese sarà oggetto del processo di appello, cui si sono rivolti tutti, il club, la Procura (che aveva chiesto la retrocessione in C) e l’Entella, ammessa in giudizio e pronta a riprendersi il posto in B.

In C la situazione è da collasso. Juve Stabia e Fidelis Andria appese a un filo, la Reggiana ha bisogno di 4 milioni solo per ripianare le perdite, il Cuneo è passato a una nuova gestione che non ha un curriculum rassicurante, la Lucchese non ha pagato gli stipendi, l’Arezzo continua a vivere sul filo e anche il Matera non se la passa bene, anzi tutt’altro nonostante le rassicurazioni di Patron Columella che, a scanso d’equivoci, sta svendendo tutti i pezzi pregiati e non ha ancora un allenatore. Molte rischiano di non passare il taglio della Covisoc ma se bocciate, avranno tempo fino al 16 per preparare un ricorso. Adesso sperano (e gufano) tutte le retrocesse dalla C alla D e se tutto va male (o se tutto va bene, a seconda a chi è rivolto) Como, Cavese e Taranto puntano sul ripescaggio. Il solito pastrocchio all’italiana con le situazioni economiche e strutturali delle società che peggiorano di anno e anno e che fanno fronte ai problemi con le penalizzazioni.

Anche tra i dilettanti le cose vanno di male in peggio. Molte saranno le Associazioni Sportive Dilettantistiche (e non società) di Serie D che alla scadenza del 9 luglio non potranno assolvere alle incombenze dell’iscrizione vuoi per scarsi mezzi economico-finanziari, vuoi per carenze strutturali e vuoi per insufficienze organizzative oppure perché non sono in regola (su tutto). Le conclamate sono Messina e Massese ma temiamo che la lista si possa allungare. Intanto alla scadenza dei termini per la presentazione delle domande di ripescaggio per le società non aventi diritto, il Dipartimento Interregionale ha reso noto, con una nota ufficiale, che hanno presentato domanda di ammissione al campionato di Serie D 2018/2019 diciannove club che elenchiamo qui di seguito: Alto TavoliereAnzioCastelvetroCorreggeseFabriano CerretoGrumelleseJesinaLumezzaneMontebellunaNuoreseRignaneseVarese, San Severo Varesina. 

Dai club che nella scorsa stagione erano in Eccellenza ed hanno partecipato ai play off nazionali hanno richiesto il ripescaggio AgropoliBustoCannaraCittà S. AgataClasse Villafranca. Ogni richiesta, con la documentazione allegata, sarà esaminata dalla Co.Vi.So.D, così come previsto dal Comunicato Ufficiale n.158 del 4 giugno 2018, che ne comunicherà l’esito. Già la scure della Co.Vi.So.D… E c’è gia qualcuno che trema.

Annunci

La Fidelis Andria rischia grosso

di Redazione | 6.7.2018 | 19.35

Risultati immagini per presidente della fidelis andria

La Fidelis Andria non riuscirà a pagare entro questa sera alle 23.59, termine ultimo a disposizione, gli stipendi e i contributi delle mensilità di aprile e maggio. Punto. Sarà quindi esclusa dalla Lega il 12 luglio dal campionato di Serie C. L’Andria farà comunque di tutto per rispettare i pagamenti e fare quindi ricorso il 16 luglio, per essere riammessa al campionato il 19 luglio. Anche il Sindaco Nicola Giorgino, è sceso in campo per lanciare il suo personale appello all’imprenditoria andriese per salvare il calcio professionistico ad Andria. Ma a poche ore dalla fatidica scadenza, sembra che nessuno degli imprenditori del territorio sia andato incontro alle richieste di aiuto dall’attuale Presente Paolo Montemurro così come ignorati sono stati gli appelli del primo cittadino federiciano. E non è l’unica società ad essere attanagliata da queste difficoltà quasi insormontabili

Serie D – Il Monterosi ritrova Daniele Piro

di Redazione |6.7.2018 | 16.58

Risultati immagini per daniele piro calciatore

Il Monterosi Fc riabbraccia Daniele Piro. L’esterno offensivo classe 1989 che ha vestito la casacca della squadra del presidente Capponi nelle ultime due stagioni rientra dall’Ostiamare dove ha disputato la seconda parte del campionato disputando undici gare e realizzando tre reti. A Monterosi Piro vanta ventotto presenze condite da sei reti partecipando, prima dell’infortunio alla spalla, a quella cavalcata che sfiorò due anni fa la promozione in Serie C.

 

Risultati immagini per daniele piro calciatore

 

Fonte: Ufficio Stampa Monterosi Fc
Alessio Fratini

 

Lorusso e Reggina niente accordo. Il Latina gongola

di Basilio Gaburin | 6.7.2018 | 15.27

Risultati immagini per massimo taibi direttore sportivo

Si credeva d’esser oramai ai dettagli già da diverse settimane e, invece, l’accordo economico tra la Reggina ed l’agente del ragazzo non è stato raggiunto per cui l’attaccante del Trastevere, Davide Lorusso classe ‘96, non vestirà la gloriosissima casacca amaranto.

A questo punto il Direttore Sportivo del Latina, Emanuele Germano, avrà campo libero per convincere l’ex attaccante capitolino a vestire la casacca nerazzurra così come il DS amaranto, Massimo Taibi, potrà scovare nel mercato europeo l’attaccante da doppia cifra da affiancare a Piergiuseppe Maritato.

Risultati immagini per davide lorusso trastevere

 

Latina, arriva il quarto acquisto della stagione

Così scrive il Latina Calcio 1932 attraverso un comunicato ufficiale apparso sulla pagina facebook

Cresce giorno dopo giorno la rosa del Latina Calcio 1932. Vittorioso con il Rieti lo scorso anno arriva a vestire nerazzurro il difensore Centrale Matteo Dionisi, classe 1985.
Scaduto il contratto con il Rieti lo scorso 30 giugno ha firmato oggi il relativo contratto con il Latina Calcio 1932 dopo una trattativa durata alcuni giorni con il DS Emanuele Germano. Dionisi anche nella prossima stagione sarà agli ordini di mister Carmine Parlato. Ha giocato nei professionisti in serie C con il Padova, Rovigo e Rieti conta nella sua carriera quasi 400 presenze e 11 goal.

Serie D – Gli ultimi colpi di mercato

di Matteo Troiani | 6.7.2018 | 11.03


Risultati immagini per CALCIOMERCATO


Risultati immagini per taranto calcio
Taranto letteralmente scatenato sul mercato. Sono ben quattro i colpi ufficiali in entrata, come si legge sul sito dei rossoblu: si tratta di Romeo Bertani (centrocampista classe ’99, dal Diegaro), Andrea Nocerino (terzino destro classe ’99, dal Cittadella Primavera), Giuseppe Lauro (attaccante classe 2000, dal Sant’Agnello) e Andrea Cavalli (portiere classe ’99, dal Monterosi). Tra l’altro in queste ore nella città jonica potrebbe arrivare anche Amhet Fall, l’attaccante senelegalese in uscita dalla Caronnese. Il suo agente smentisce ma gli ambienti vicini al Presidente Giove, danno il gigante classe ’91 già con la casacca rossoblù in dosso. Il suo curriculum parla da solo con i 45 gol realizzati ed i 48 assist grazie ai quali ha permesso ai compagni di gonfiare la rete. Con lui in campo, sarebbe un Taranto a dir poco stellare e che non ha nulla da invidiare a tante squadre di serie C.

Risultati immagini per ameth fall calciatore


La società Sff Atletico, attraverso la propria pagina facebook, ha annunciato di aver perfezionato l’accordo con il calciatore Marco Ortenzi, giovane centrocampista classe 1999 che ha disputato l’ultima stagione con la maglia del Cre.Cas. Città di Palombara, risultando uno dei migliori giovani del campionato di Eccellenza. In passato ha vestito invece le maglie di Accademia Calcio Roma e Sambenedettese.


Nel Latte Dolce Sassari conferma per il difensore classe ’87 Marco Cabeccia. Inoltre, la squadra sassarese ha raggiunto l’accordo economico con l’esperto difensore centrale Niccolò Antonelli che arriva dal Cuneo.


Albalonga: vicinissimo il bomber classe ’84 Renan Pippi, ex Monterosi


La Clodense Chioggia ha perfezionato l’acquisto del centrocampista classe 95 – ex Mantova e Legnago – Vincenzo Barone
Darfo Boario: accordo con Jacopo Concina e con il difensore classe ’98 Davide Daeder, ex Ciliverghe
Borgosesia: a centrocampo ecco il classe ’97 Angelo Panatti , ex Inveruno
Cittanovese: per l’attacco preso il classe ’95 Simone Fioretti, mentre rinnovano Giuseppe Sapone, Aurelio Barilaro e Giuseppe Paviglianiti
Team Altamura: dopo il grande colpo di Loris Palazzo ecco la conferma per il capitano Nicola Di Benedetto e per il centrocampista Giampiero Montemurro

Tutti pazzi per la ‘’Freccia Nera’’ Mokka Thea

Torres, Castiadas, Finale Ligure e Sestri Levante in fila per ingaggiare il veloce attaccante. Il Procuratore: ”Vedremo, aspettiamo una chiamata anche dalla Serie C”

di Salvatore Condemi | 6.7.2018 | 8.19

La Torres ha annunciato gli ingaggi di due punte che arrivano direttamente dalla nazione ellenica. Si tratta del classe 1995 Vangelis Xagoraris e del classe 2000 Kostantinos Morfakis. La promessa di aiutare la Torres nel suo percorso di crescita è stata mantenuta dall’ex rossoblù Theofilos Karasavvidis. Vangelis Xagoraris ha vestito le maglie di Apolon Under 20, Ilysiakos, Acharnaikos ed Ae Mylopotamou. Di Morfakis, invece, non si hanno molte notizie.

Risultati immagini per pino tortora allenatore

L’allenatore del Sassari, Pino Tortora

A Sassari, inoltre, potrebbe giungere l’ex attaccante del Roccasecca (Eccellenza Lazio gir. B) Thea Mokka l’attaccante ventenne in predicato di essere ingaggiato dal Finale Ligure ma che piace tanto al tecnico sassarese Pino Tortora. La Torres dovrà battere l’aggressiva concorrenza del Castiadas pronto a fare follie per il velocissimo attaccante originario della Guinea Africana che piace anche a Finale Ligure e Sestri Levante. Raggiunto telefonicamente Daniele Deri, Procuratore del ragazzo, si è espresso così: “Stiamo valutando tutte le richieste che ci stanno pervenendo. Il ragazzo scalpita e vorrebbe giocare in Italia in qualsiasi categoria ma non ci pensiamo minimamente a gettarlo nella mischia in una D a perdere. Sassari e Castiadas sarebbero piazze importanti così come il Latina. Ma se il Racing Club Aprilia andasse in C…

Mister Ferazzoli potrà contare sull’intelligenza tattica e la qualità sopraffina del cervello di centrocampo classe ’84 Mario Barone che ha rinnovato l’impegno contrattuale con il club laziale. Il “Pirlo” della D è uno specialista di promozione dalla quarta serie in C e vanta trascorsi con Massese, Sambenedettese, Lupa Castelli, Sora, Nocerina e Neapolis. Continua quindi la costruzione di un Albalonga sempre più completo e competitivo.

Marco Manetta, che nell’ultima stagione ha collezionato 27 presenze col club peloritano del Messina, sarebbe ad un passo dal tornare nel Lazio e precisamente nel Cassino di Mister Urbano. Il difensore centrale nato a Roma 27 anni fa, ha accumulato molta esperienza tra serie C e quarta serie nelle fila dell’Olbia, Isola Liri e Città di Castello.

A proposito del club peloritano, non sembra trovare pace il Messina. Le ultime dichiarazioni rilasciate dal patron Pietro Sciotto, e riportate da Messinasportiva.it, potrebbero gettare nello sconforto i tifosi biancoscudati. Queste le parole di Sciotto sconfortato dalla rottura coi propri tifosi: “I club già ai primi di giugno mi hanno sfiduciato e poi sono stati esposti una ventina di striscioni, anche fuori dall’azienda di famiglia, con l’invito esplicito ad andarmene. Anche per questo motivo ho messo la squadra in vendita, ma non vi sono state offerte credibili. Con un ambiente ostile e il rischio di un boicottaggio non ha senso proseguire. Non pretendo le scuse da parte di nessuno, ma spero in un ripensamento dei tifosi, che dovrebbero comprendere gli sforzi che ho compiuto. Se entro pochi giorni non avrò risposte positive, rinuncerò all’iscrizione. L’entusiasmo l’ho perso per strada, spero di recuperarlo nei prossimi mesi se deciderò di proseguire. Non mi sono fermato e in queste settimane ho dato seguito ai contatti volti alla definizione di una nuova dirigenza e dello staff tecnico. Unione col Città di Messina? Forze fresche in società sono ben accette, ma chiaramente serve anche un loro impegno economico. Se ad investire sarò soltanto io, voglio avere la paternità delle scelte’’.