Ciccio Cozza verso Locri. E se fosse arrivato a Latina…

di Salvatore Condemi | 27.6.2018 |12.57

Risultati immagini per ciccio cozza allenatore

E’ solo ancora una voce che si sussurra ma secondo i colleghi di Telemia, Ciccio Cozza, bandiera della Reggina dei nove anni di serie A, quella – per intenderci –che incuteva rispetto e timore reverenziale a chiunque e quella che faceva tremare solo a nominarla, sarebbe l’obiettivo numero uno per la panchina del sodalizio jonico. D’altronde, dall’amaranto della Reggina a quello del Locri il passo è lungo più o meno 100 km.

Per chi non lo sapesse, Locri è una cittadina che balza agli onori della cronaca solo per episodi legati ad attività criminali. Invero, Locri, dove ancora qualcuno parla correntemente il ‘’greco antico’’, dove la maggior parte della gente é davvero ‘’per bene’’, dove il mare cristallino e pulito è ‘’godibile’’ per undici mesi l’anno, dove il padre di famiglia si spezza ‘’onestamente’’ la schiena per arrivare a fine mese, è una ridente località bagnata dal Mar Jonio, capitale della Magna Grecia nota come Locroi Epizephyroy e centro culturale e artistico tra i più invidiati al mondo sia antico che moderno. Il resto è calcio e lo è sempre stato dal lontano 1909.

E’ di oggi la notizia – come abbiamo detto lanciata da una Tv locale e ripresa da Strillsport.it – secondo cui l’ambiziosa società, appena tornata nel massimo campionato dilettantistico, ha tutta l’intenzione di dare vita ad un programma grandioso. L’allenatore di Cariati, ormai reggino d’adozione, ha già vinto due campionati (come non ricordare la C1 conquistata con il Catanzaro e la Lega Pro con la Sicula Leonzio) ed ha portato la Reggina (all’epoca sotto l’insegna Reggio Calabria) ai play off. Certo, convincerlo non sarà semplice perché Ciccio meriterebbe molto di più (ma meglio di e del Locri cosa ci sarebbe?) e quella di non allenare è una scelta di vita legata ad una Scuola Calcio tra le più importanti al mondo. Ma – ne siamo sicuri – la vicinanza a casa e il fatto di andare in una piazza dove è già idolo per via del suo passato in quella squadra che incantava una provincia intera potrebbe spingerlo ad accettare. Locri è una delle piazze della Calabria più calde ed è pronta ad incendiarsi per un nome che certificherebbe le ambizioni della società.

Noi di Latinasport.info l’avremmo visto in una piazza come Latina. Tante volte, infatti, il suo nome è stato accostato al sodalizio nerazzurro ma non se n’è fatto mai nulla. E non crediamo che Ciccio non si sarebbe certamente tirato indietro se ci fossero state delle reali prerogative per far bene oppure quelle ambizioni che una città intera sta sbandierando dalla fine del torneo scorso.

Annunci