Il Pisa (e tante altre) e i misteri del calcio

 

di Matteo Troiani | 25.5.2018 | 11.12

Risultati immagini per Pisa calcio

Siamo alle solite. Ed il protagonista – in negativo – di queste ore in serie C è ancora il Pisa. Dopo la retrocessione in Lega Pro durante lo scorso campionato e l’eliminazione dai play off di quest’anno ad opera di una Viterbese ‘’settebellezze’’, torna la bufera in casa nerazzurra. Una bufera distruttiva e famelica. Che può lasciare strascichi pesantissimi. Il club toscano infatti deve risolvere vari problemi in vista della prossima stagione a cominciare dalla ristrutturazione dell’Arena per passare – soprattutto – ad un bilancio da sistemare nonostante i 15 milioni già messi nelle casse dalla famiglia Corrado per rimediare ai disastri delle passate gestioni. C’è addirittura qualcuno che paventa la possibilità di non trovare neppure i soldi per l’iscrizione al prossimo campionato di Serie C. Per cui quello che riporta il Tirreno, nell’edizione odierna, fa riflettere circa la conduzione abbastanza allegra della presidenza dei toscani nonostante l’esperienza dello scampato fallimento che ha portato il Pisa a sfiorare la stessa fine del Latina. ‘’C’è una stagione da programmare per rilanciare il Pisa e tentare di riconquistare la Serie B’’ riporta il giornale pisano. La domanda, allora, è d’obbligo: ma se non ci sono soldi neppure per assicurare l’iscrizione, come si fa a parlare di programmare la vittoria del campionato? Misteri del calcio.

Noi, naturalmente, abbiamo la necessità di guardare ‘’guai’’ di casa nostra. Ma risulta indubbio che, nella possibilità di guardarci intorno, riusciamo a scorgere tante, tantissime problematiche. Ecco, ad esempio, la situazione del Matera. Durante l’ultimo torneo di C, il Matera ha totalizzato tanti punti di penalizzazione – per mancati pagamenti e versamenti contributivi – da rischiare tangibilmente la retrocessione ed il conseguente fuggi fuggi di quest’inizio estate. E la Paganese? E’ vero che avrà vita facile contro la Racing Fondi nei play out, ma resta l’incognita dell’iscrizione al prossimo campionato proprio perché i soldi in cassa sono finiti addirittura l’anno scorso. E il Siracusa che ha terminato il torneo con dieci punti di penalizzazione – ovviamente per gli stessi motivi del Matera – per stessa ammissione del presidente Cutrufo, ha la necessità di svendere per potersi iscrivere al prossimo campionato di Serie C. Vogliamo parlare del Vicenza con tre punti di penalità e tanti di quei buchi nei bilanci da somigliare più al formaggio Groviera che all’Asiago? E l’Arezzo stesso che si è salvato per il rotto della cuffia ma che ha debiti per svariate centinaia di migliaia d’Euro? Possiamo rispondere sempre allo stesso modo: sono e rimangono i mister del calcio che, ribadiamo, ha bisogno di una profonda trasformazione e di una epocale rivoluzione

Risultati immagini per matera calcio

 

Annunci