Latina, adesso bisogna avere le idee chiare

Immagine correlata

di Matteo Troiani | 15.5.2018 | 0.11


Latina game over. Con la sconfitta di ieri in quel di Albano Laziale, la squadra nerazzurra mette definitivamente la parola fine a questo campionato di Serie D. Un torneo difficile e logorante in un raggruppamento dal livello tecnico spaventosamente misero dove, nonostante tutto, il Latina non è riuscito a fare la voce grossa. E che non si dica che per colpa di quel “dannato” rigore si è compromesso il cammino del Latina targato 2017/18. Magari fosse stato solo il penalty sbagliato di Cittadino a precludere le speranze di una squadra che, invero, non è mai riuscita a mettere la freccia e tentare sorpassi azzardati. Anzi, ogni qualvolta Cossentino e compagni siano stati chiamati a giocare la partita della vita, rovinose sono risultate le indicazioni pervenute dal campo. E fu così che contro il Rieti i tifosi pontini hanno vissuto una Caporetto completa, col Budoni è stato un incubo, con il Lanusei una vera ignominia, per non parlare dell’Aprilia in una giornata sicuramente da non riportare ai posteri. Adesso di queste mazzate bisogna fare assolutamente tesoro perché soltanto in questo modo si potrà ripartire con più forza, con più determinazione e con più rabbia. Ma non solo: da che e mondo nel calcio si vince con la programmazione, con la pianificazione, con la progettualità temporale. Programmare implica studio scrupoloso, visione completa dell’organizzazione, valutazioni perfette, scelte attente, opzioni esatte e selezioni meticolose. Nel calcio non si vince con Pelé, Maradona e Ronaldo. Si vince se si migliora e si scopre il modo più utile e incentivante di migliorare e si vince quando tutte le componenti arrivano al miglioramento completo. Si perde quando invece viene lasciato tutto al caso ed ai sogni campati in aria oppure quando si cerca il colpaccio senza basi solide, quasi tentoni. In altre parole: arruffando. Esattamente quello che è successo a Latina l’estate scorsa. Badate bene: questa non è certamente una critica nei confronti di chi ha evitato che i colori nerazzurri si sbiadissero o si perdessero nell’oblio. Anzi, bisogna ringraziare i vari Leonardi, Napolitano, Terracciano e tutti gli altri soci che hanno permesso la rinascita del calcio a Latina dopo quanto successo, fallimento compreso. Adesso però è giunto il momento di fare calcio. Calcio vero nel limite del possibile.

E’ di stamattina la notizia che Pietro Sciotto, Presidente del Messina, partecipante al Campionato di Serie D, Girone I, piazzatosi al sesto posto in classifica dietro Vibonese (promosso in C grazie alla vittoria nello spareggio con il Troina), Nocerina, Ercolanese e Igea Virtus, abbia già avviato le pratiche per richiedere il ripescaggio in Serie C (leggi qui). E si badi bene che i peloritani quest’anno hanno avuto una media di 714 spettatori al San Filippo. E si badi maggiormente che durante il campionato molte sono state le defenestrazioni di tecnici e calciatori. E teniamo a precisare che la squadra giallorossa ha solo sette giocatori di proprietà rispetto all’organico di 32 calciatori tesserati. Se il Messina, che ha rinunciato anche a disputare la Coppa Italia di categoria, ha iniziato a dare un volto al proprio futuro, perché non lo dovrebbe fare il Latina? La risposta è facile, quasi banale: quello che sta cercando di fare Sciotto non è programmazione bensì un patetico tentativo di far divenire pragmatica un’utopia irrealizzabile. Un errore da evitare anche da queste latitudini: se non si hanno le “spalle coperte”, soldini “profumati e sonanti”, idee “chiarissime” e tantissima “temerarietà” è meglio non muoversi da dove ci si barcamena.

Risultati immagini per tifosi latina

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...