La Vibonese sul piede di guerra

di Salvatore Condemi | 10.5.2018 | 19.02

 

Risultati immagini per vibonese calcioI media calabresi – e non solo – stanno insistentemente parlando del “caso Vibonese”. Si è aggiunto, infatti, un nuovo capitolo alla storia infinita che ha visto la Vibonese Calcio alla prese con la giustizia sportiva dopo il mancato ripescaggio tra i professionisti. A riaprire la querelle è intervenuto un pronunciamento della Corte Federale d’Appello che ha annullato una precedente sentenza di inammissibilità del ricorso. Nello specifico, la CFA ha giudicato fondato il ricorso del club rossoblù ma a quel tempo (stiamo riferendoci a gennaio di quest’anno) si è ritenuto ‘’paradossale’’ farlo ritornare in terza serie d’ufficio per non creare un secondo precedente dopo quello del Catania di tanto tempo fa. Per far calmare le acque, si è addirittura parlato di un maxirisarcimento alla società del Presidente Pippo Caffo. La decisione che pone la parola fine a questa controversia, spetta al Tribunale Nazionale Federale che si pronuncerà nel merito. La società calabrese ovviamente non ci sta e punterà dritta alla riammissione nella terza divisione calcistica nazionale a prescindere dall’esito dello spareggio promozione col Troina.

Da più parti si dice che i calabresi abbiano la testa più dura delle rocce aspromontane e silane messe insieme. Partendo dalla consapevolezza della veridicità della “cosa”, aspettiamoci sviluppi clamorosi nel giro di pochi, pochissimi giorni. Addirittura prima di quanto si possa pensare. 

Nel caso di riammissione d’ufficio in Lega Pro della squadra rossoblu tirrenica, Gabriele Gravina avrà un buco in meno da ricoprire in Serie C. Anzi due perché il Troina non starà certamente con le mani in mano.

E resta il fatto che pur trascorrendo gli anni e nonostante passino le persone (valide o meno non tocca a noi giudicare), metodicamente i problemi restano irrisolti. La burocrazia, pesante, bieca e insulsa pone inspiegabili limiti temporali ed organizzativi che fanno rabbrividire. Dovrebbe risultare assurdo che ogni mese di aprile, vengano   puntualmente inflitti dei punti di penalizzazione a società non in regola falsando regolarmente i campionati. In buona sostanza, dovrebbe rivelarsi incredibile ed insensato che società ritenute non in regola rispetto alle norme NOIF vengano ammesse sistematicamente ad un campionato per poi essere soggette a delle costrizioni in corso d’opera. Purtroppo, però, questa è la regola che permette certe ”sviste”. Oggi è toccato alla Vibonese Calcio. E domani?

Risultati immagini per vibonese calcio      

 

Annunci