Trastevere: ecco il nuovo trainer

Trastevere: ecco il nuovo trainer

amazon_it_default_120x600 Perpendicolare“Il Trastevere Calcio comunica di aver affidato la guida tecnica della prima squadra a Mauro Mazza. Il 41enne allenatore che ha portato alla vittoria del campionato la Juniores Nazionale amaranto per il terzo anno consecutivo è alla sua quinta stagione consecutiva con il Trastevere dopo aver chiuso la sua carriera da calciatore in Promozione ed aver guidato per 4 anni la Juniores. In passato, da calciatore, ha vestito le maglie di Lodigiani, Ancona e Virtus Lanciano in Serie C. Il tecnico ha diretto oggi pomeriggio al Trastevere Stadium la sua prima seduta di allenamento con la prima squadra e farà il suo debutto domenica in casa alle ore 15 nella sfida contro il Latina”. Così si legge sul sito dell’ASD Trastevere che in tal senso trova una soluzione interna e verosimilmente temporanea per la panchina amaranto. 

Immagine correlata

Annunci

Palazzo: ”Stiamo lavorando per raggiungere il terzo posto”

Palazzo: ”Stiamo lavorando per raggiungere il terzo posto”

https://www.amazon.it/?tag=latinasport61-21&linkCode=ur1

 

Risultati immagini per loris palazzo latina

Loris Palazzo di professione bomber. Oggi tocca a lui rispondere alle domande della platea dei giornalisti nella conferenza stampa di metà settimana indetta dal Latina Calcio 1932.

La sua presenza in campo si vede e si sente perché parte integrante della compagine nerazzurra benché arrivato durante il mercato di gennaio, quello che una volta si chiamava di ”riparazione”.

E’ a secco da parecchio tempo ma l’attaccante pugliese dà sempre il suo apporto in campo ed esce ogni qualvolta stravolto e madido di sudore. Sul piano dell’impegno a Loris non gli si può dire davvero nulla. Sono arrivato senza giocare da parecchio, adesso con il lavoro del prof sono migliorato. Mentalmente per un attaccante è importante fare gol, ma allo stesso tempo dico che non ci penso. Vediamo domenica prossima.”

Il pensiero corre al palo che gli ha negato la gioia del gol durante la partita con l’Anzio: ”Il palo è soltanto un episodio all’interno di una partita nella quale contava solo portare a casa i tre punti. Forse rispecchia il momento, per guardo sempre il lato positivo delle situazioni. Come dice sempre il direttore, basta trovarcisi in quelle situazioni. Il dramma sarebbe non arrivarci e non avere la possibilità di fare gol. Fin quando ci saranno opportunità e mi trovassi a non farli, lavorerò per questo. Adesso sono contento del lavoro fatto, magari mancherà qualche gol ma penso prima al collettivo.” Frasi di circostanza? Può anche darsi. Ma l’impressione è quella di trovarsi a cospetto di un ragazzo umile che ha sempre masticato calcio, quindi consapevole di ciò che dice. Si pensi ad esempio a quello che sostiene a riguardo del prossimo avversario: ”Ci stiamo preparando come tutte le altre partite perché abbiamo un obiettivo bello nitido. Qualsiasi squadra affronteremo, cercheremo di trarre il massimo. Ultimamente abbiamo affrontato tre partite in dieci giorni contro seconda, terza e quinta rispondendo benissimo. Forse ci siamo un po’ cullati, siamo andati in Sardegna e abbiamo preso una batosta. Comunque anche lì abbiamo avuto l’opportunità per sbloccarla, anche se nel calcio i se e i ma lasciano il tempo che trovano.

Prossimo avversario il Trastevere: ”È pari a noi in classifica e ha dichiarato che vorrebbe fare i play-off. Contro il Latina tutti mettono il doppio delle loro forze. Sarà una bella partita.

A proposito di playoff… ”Guardare classifica e numeri fa soltanto male. Se cominciassimo a fare calcoli, sarebbe la fine. Adesso siamo nei play-off, la matematica non ci condanna ancora. Il terzo posto è un obiettivo e cercheremo di raggiungerlo. Nel momento in cui non si potrà più farlo, guarderemo al quarto. Stiamo lavorando per raggiungere il terzo.

 

Trastevere, esonerato Mister Gardini

Trastevere CalcioQuando un allenatore viene sollevato dal proprio incarico a poche giornate dalla fine di un torneo può avere diversi significati. Nel caso di Aldo Gardini, fino a ieri tecnico del Trastevere, non può essere riconducibile ai mancati risultati perché la squadra capitolina è splendidamente situata nelle posizioni che contano e che fanno sognare. Sulla nota apparsa sul sito della società si legge di ”profonde incomprensioni” tra la Società e il suo allenatore che hanno portato al divorzio ed alle conseguenti dimissioni di Mister Gardini che sono state ovviamente accettate di buon grado. La nota continua informando che gli allenamenti della compagine amaranto saranno guidati dal preparatore atletico Claudio Mosca, sotto la direzione del Direttore Sportivo Andrea Calce.

Il Trastevere sarà il prossimo avversario del Latina nella gara in programma alle 15 di domenica 22 Aprile presso il Trastevere Stadium (con una capienza massima di 200 posti) e valida per la 32a. giornata di Serie D – Girone G  

Aldo Gardini non è più l’allenatore del Trastevere

Così è se vi pare, ma se son rose d’oltralpe fioriranno…

https://www.amazon.it/?tag=latinasport61-21&linkCode=ur1

di Salvatore Condemi |18.4.2018|14.23

Risultati immagini per mimmo praticò

Mimmo Praticò lo conosco da quando avevo i pantaloncini corti. L’ho scritto chissà quante altre volte. Così come ho scritto chissà quante altre volte che Demetrio, detto Mimmo, è un uomo integerrimo e pregnato di quei principi sani che tutti – nessuno escluso – deve riconoscergli pena la dissacrazione se non addirittura l’irrisione. Questa mattina ho letto di tutto – ma proprio di tutto – sul suo conto come se Mimmo Praticò, tutto d’un botto, fosse diventato un mistificatore, un ciarlatano, un arruffone, un imbroglione dimenticando troppo in fretta che Demetrio, detto Mimmo, è stato l’unico in grado di riportare nel calcio che conta quella Reggina abbandonata alla deriva da chi non è stato in grado di assicurarle un porto sicuro dopo aver solcato i tranquilli e pacifici mari della Serie A e Serie B.

Quella lettera indirizzata ai ”tifosi amaranto” dal ”numero uno amaranto” (clicca qui per leggerne il contenuto) ha un significato profondo, unico, dalla verità inconfutabile, irrefutabile, e, se vogliamo, ineccepibile. Una lettera scritta con impeto e altissimo amore verso la sua ”creatura” e verso i veri destinatari. Chi sono i ”veri destinatari”? Non certamente noi giornalisti. Noi abbiamo ”l’accredito”, il ”rimborso spese”, un contratto nazionale che ci tutela e ci permette a vario titolo – e scrivendo chissà quali baggianate – di ”sbarcare il lunario”. I veri destinatari sono quindi coloro che seguono la Reggina, perché ce l’hanno nel sangue, coloro che partono da ”ogni dove” per seguire la beneamata, coloro che piangono, coloro che esultano, coloro che si intossicano il fegato e coloro che spendono dei soldoni veri e che in tal senso si sobbarcano sacrifici immani per stare accanto ai colori amaranto. In una parola: i tifosi, quei diciassette impavidi presenti a Bisceglie, quei due sugli scaloni di Matera, quei quindici di Siracusa e via dicendo. La lettera, naturalmente, è indirizzata anche a quei tifosi che al Granillo non mettono piede da illo tempore perché ”non c’è gustu in serie C…” come se tra il 1965 ed il 2015 non ci sono stati tanti, tantissimi – forse troppi – anni di serie C1e – addirittura – di C2. Certo, fa male vedere una nobile decaduta come Sua Maestà la Reggina ai margini della classifica ed alle prese – costanti – di campionati mediocri in cui l’obiettivo massimo è la salvezza. Ma va bene così e metterei la firma per avere altri mille campionati mediocri (ma a testa alta) se come contropartita ci fosse qualcuno intenzionato a venire a Reggio Calabria per speculare sulla nostra beneamata. Non l’accetto e non lo accetterò mai. E fa bene Demetrio Praticò – detto Mimmo – a dire ”no grazie” alle estemporanee richieste di ”sedicenti acquirenti” senza una lira in tasca oppure ad avventurieri e sgavezzacollo di passaggio che fanno finta d’impegnarsi senza poter mantenere una sola virgola di quanto promesso. Ci ridurremmo – né più né meno – come il Latina che ha creduto ad imbroglioni senza scrupoli per poi barcamenarsi in quarta serie senza programmi, senza obiettivi e senza uno straccio di progetto futuro. La Reggina – lo ricordo a coloro che l’hanno conosciuta perché giganteggiava con Roma, Lazio, Juve, Torino, Milan e Inter e via dicendo – è in verità una cosa seria, è la nostra identità, il nostro orgoglio, la nostra vita soprattutto per gli emigrati di seconda, terza, quarta ed ennesima generazione. ”A Rreggina è com’a mamma”. Queste parole le ho sentite proferire da mio nonno e dopo di lui le ha dette mio padre. Ora tocca a me con i miei figli. Onde per cui (non è elegante ma jeu u scrivu u stessu): Signori, ”è così se vi pare”. Altrimenti: stativi a casa!… E poi, se son rose (anche d’oltralpe) fioriranno. Statene sicuri.

E proprio questa mattina, Giuseppe Falcomatà, Sindaco della Città di Reggio Calabria, ha incontrato a Palazzo Corrado Alvaro, i rappresentanti del gruppo imprenditoriale che ha manifestato la volontà di presentare un’offerta per l’acquisizione delle quote societarie della Urbs Reggina 1914.

Nel corso dell’incontro, proficuo e cordiale – si legge in una nota – il sindaco ha avuto modo di apprezzare la concretezza della proposta in corso di definizione, manifestando la disponibilità degli Enti territoriali, Comune e Città Metropolitana, a favorire e supportare ogni sana iniziativa imprenditoriale privata che rappresenti la volontà di investire sul territorio reggino, determinando un valore aggiunto in termini economici, sociali ed occupazionali. Tra i temi affrontati – prosegue la nota diramata dall’entourage del primo cittadino di Reggio Calabria – anche quello della dotazione infrastrutturale e dell’impiantistica sportiva, aspetti complementari alla fase di programmazione per il rilancio del movimento calcistico reggino.

I rappresentanti del gruppo imprenditoriale hanno infine comunicato al sindaco l’imminente avvio della trattativa con la compagine societaria attualmente proprietaria della Urbs Reggina.

Risultati immagini per giuseppe falcomatà

Appunto, se son rose fioriranno.

 

Risultati immagini per reggina calcio

Booking per Pubblicità con valigia