Gli impegni di Latinasport nel weekend

Gli impegni di Latinasport nel weekend

Ultimi impegni del 2017 per questo ultimo weekend.

Latina fermo fino al 7 gennaio del prossimo anno quando al Francioni si presenterà il Rieti primo in classifica. Squadra che sta allenando si regolarmente alla ex Fulgorcavi di Borgo Piave.

Giovedì 28 dicembre – ore 20.30 – cominceremo con la Salenitana impegnata a Palermo. Al Renzo Barbera sarà presente Salvatore Condemi. Nell’ultimo impegno di campionato i granata sono stati battuti all’Arechi dal Foggia (0-3) mentre i rosanero siciliani hanno impattato col punteggio di 1 a 1 a Cesena.Risultati immagini per stadio di palermo

 

Sabato 30 dicembre doppio impegno. Inizierà il nostro Basilio Gaburin alle 14.30 dallo Stadio Vito Simone Veneziani di Monopoli per Monopoli – Racing Fondi. I biancoverdi pugliesi sono reduci dalla sconfitta di Cosenza (2-0) e con Scienza nuovo trainer dopo le ultime prestazioni poco edificanti costate care amare a Tangorra, esonerato in settimana. Il Fondi è reduce dalla sconfitta interna col Catania (1-3)Risultati immagini per stadio di monopoli

 

A seguire – ore 16.30 – dallo Stadio Nicola Ceravolo di Catanzaro, andrà in scena il derby tra Catanzaro e Reggina. Brutta gara per gli amaranto dopo tutto ciò che è successo in questi ultimi giorni a seguito dell’ennesimo capitombolo interno (0-3) ad opera di un modestissimo Rende. Ritiro punitivo, ammutinamento, dolori di pancia, proteste e malumori hanno caratterizzato questi ultimi giorni portando ad una sorta di insanabile rottura dei rapporti tra l’allenatore e la squadra. Agenore Maurizi, tecnico di Colleferro, giunto a Reggio Calabria durante l’estate scorsa, è stato intanto confermato fino a giugno del 2018 creando una situazione istericamente ingarbugliata. Presente al Ceravolo i nostri corrispondenti da Reggio Calabria Max Casile e Francesco Praticò. Risultati immagini per Stadio di Catanzaro


Pioggia e vento sull’Italia, ultima perturbazione del 2017

Allerta arancione Protezione Civile rischio idrico e idrogeologico

Nuova ondata di maltempo © ANSA

Pioggia e vento su tutta l’Italia e temperature in calo a partire da domani annunciano l’ultima perturbazione del 2017. Arriva dall’Atlantico, portando “maltempo con piogge forti, abbondanti nevicate sulle Alpi e venti molto intensi”, segnalano i meteorologi del Centro Epson Meteo. A partire da domani venti freddi faranno abbassare la temperatura, ma sarà un passaggio rapido perché l’anno si chiuderà con un clima mite. Oggi il maltempo imperversa su quasi tutto il Paese, specialmente nel Centro-Nord, in Campania e in Sardegna. Le piogge saranno più forti e insistenti su Liguria, regioni tirreniche, alta Lombardia e Triveneto; rischio di temporali tra Lazio e Campania.

La sera piogge in arrivo anche sulla Sicilia. Alla luce della situazione meteo, la Protezione Civile ha emesso Allerta Arancione di moderata criticità per rischio idraulico diffuso in Abruzzo e Umbria e allerta arancione per rischio idrogeologico localizzato su Abruzzo, Lazio, Liguria, Molise, Umbria. Allerta gialla di ordinaria criticità per rischio idraulico su Emilia Romagna, Toscana, Umbria.

Ordinaria criticità per rischio idrogeologico localizzato su Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Sardegna, Sicilia, Toscana, Veneto. Pioggia e neve attese anche per giovedì, con vento forte e temperature più basse che venerdì annunciano un rischio gelate al Centro-Nord. Quindi la perturbazione comincerà a spostarsi verso la Grecia e negli ultimi giorni dell’anno si prevedono sull’Italia correnti di aria tiepida che faranno alzare le temperature.

 

A causa degli alti livelli di polveri sottili, tornano le misure antismog a Milano, Pavia e Bergamo. Blocchi del traffico anche a Torino.

TANTA NEVE SU ALPI E APPENNINI – Mercoledì sono previste abbondanti nevicate sulle Alpi, in particolare su quelle centro-orientali con neve oltre 800-1200 metri, “più in basso tra Piemonte e Lombardia occidentale – spiega 3bmeteo – con fiocchi in collina sul varesotto e fino al fondovalle sull’alto Piemonte. Previsti accumuli anche di mezzo metro di neve fresca dai 1400-1500m dalla Lombardia al Friuli. Neve anche in Appennino, inizialmente dai 1300-1700 m, ma giovedì la quota sarà in sensibile calo, fin verso i 300-600 m su dorsale centrale, 700-1100 m su quella meridionale”.

FORTI VENTI E TEMPERATURE IN NETTO CALO – La perturbazione porterà venti forti, prima il Libeccio poi giovedì irromperanno la Tramontana e il Maestrale. Mari dunque molto mossi o agitati con mareggiate sulle coste. Le temperature saranno poi in netto calo giovedì, con l’arrivo di aria più fredda da Nord a Sud.

CAPODANNO TRANQUILLO PUR CON QUALCHE DISTURBO – Nei giorni successivi l’alta pressione tenderà a riportare bel tempo sino a Capodanno, pur con qualche disturbo causato dalle perturbazioni atlantiche. Venerdì ultimi rovesci al Sud, poi migliora salvo nevicate sulle Alpi di confine. Per Capodanno dovrebbe prevalere il sole salvo nubi e qualche piovasco sulle centrali tirreniche e Liguria. Seguiranno tuttavia importanti aggiornamenti data la distanza temporale”, concludono da 3bmeteo.com.

©ANSA


'o scuorzo ristorante pizzeria salerno


img-20171123-wa0005525743781.jpg

Annunci