Top Volley: sconfitta immeritata davanti a 2500 spettatori

 

La Taiwan Excellence Latina esce da Padova con una sconfitta nella dodicesima giornata della Superlega UnipolSai. Una gara giocata punto a punto con i veneti bravi ad uscire nel finale dei set. Determinanti i 9 ace della Kione contro i soli 3 dei pontini, a questi si aggiungono 11 muri dei padroni di casa contro 7 degli ospiti.
Inizia bene Padova che con un ace di Nelli si porta 5-3, la Taiwan Excellence ribalta il parziale con un muro di Rossi sul 7-10, ma i padroni di casa sono più incisivi al servizio e con gli ace di Randazzo, Cirovic e Volpato allungano 21-18 per chiudere dopo in ace di Nelli sul 25-20. Secondo set con Padova che con quattro muri (tre di Volpato e Nelli) allunga 4-0, un muro di Starovic accorcia 5-4 con un ace di Polo per l’11-9, due ace di Starovic ribaltano il parziale 13-14 e uno di Gitto per il 15-17, poi due ace di Cirovic per il controsorpasso 18-17, Savani firma il 21-22, ma poi i muri di Travica e Polo chiudono il set 25-23. Terzo set con il Latina subito avanti con Gitto 1-5, Padova pareggia i conto con un ace di Volpato sul 10-10, i pontini tentano l’allungo con un muro di Rossi 16-19, ma Polo riporta subito la parità e i padovani allungano 24-22 sfruttando gli errori avversari e chiudono 25-23.
Valerio Baldovin inizia con Travica al palleggio e Nelli opposto, Polo e Volpato al centro, Cirovic e Randazzo, Balaso libero. Vincenzo Di Pinto risponde con Sottile in regia e Starovic opposto, Gitto e Rossi al centro, Savani e Maruotti di banda, Shoji libero.
Muro di Starovic (1-3), contrattacco di Randazzo, ace di Nelli ed errore di Savani, 5-3 e Di Pinto ferma il gioco. Errore di Cirovic (6-6), errori di Cirovic e Nelli, 7-9 e timeout richiesto da Baldovin. Muro di Rossi (7-10), ace di Randazzo (13-14), contrattacco di Cirovic (15-15), errore di Maruotti (17-16), ace di Cirovic (19-17), muro di Volpato, 21-18 e Latina ferma il gioco. Contrattacco e ace di Nelli (24-19) e Volpato chiude il parziale 25-20.
Il secondo set si apre con i muri di Nelli e due di Volpato, 3-0 e Di Pinto chiama tempo. Muro di Volpato (4-0) dentro Ishikawa, muro di Starovic ed errore di Cirovic (5-4), ace di Polo (11-9), doppio ace di Starovic (13-14), ace di Gitto, 15-17 e Baldovin ferma il gioco. Doppio ace di Cirovic 18-17 e timeout richiesto da Latina. Contrattacco di Savani, 21-22 e Padova chiama tempo. Muro di Travica (23-22), muro di Polo che chiude il parziale 25-23.
Sestetti iniziali per entrale le formazioni nel terzo set, muro di Savani (0-2), errore di Randazzo e primo tempo di Gitto, 1-5 e Baldovin chiema timeout. Muro di Travica (4-6), ace di Volpato (6-7), errore di Starovic (10-10), muro di Gitto (11-13), ace di Randazzo (13-13), contrattacco di Maruotti (14-16), contrattacco di Randazzo (16-16), errore di Nelli e muro di Rossi, 16-19 e Baldovin chiede tempo. Primo tempo e muro di Polo (19-19), dentro Ishikawa, sul 21-21 Di Pinto ferma il gioco. Errore di Starovic (22-21), errore di Starovic (24-22), dentro Corteggiani e Le Goff, ma Cirovic chiude 25-23. Bellissimo colpo d’occhio e pubblico delle grandi (ma non grandissime occasioni) al Kioene Arena che alla fine ha tributato applausi anche per i pontini. Circa 2500 gli spettatori presenti.

Kioene Padova-Taiwan Excellence Latina
Kioene Padova: Cirovic 8, Polo 12, Nelli 12, Randazzo 10, Volpato 7, Travica 5; Balaso (L), Koprivica. Ne: Peslac, Gozzo, Sperandio, Premovic. All. Baldovin
Taiwan Excellence Latina: Sottile, Maruotti 6, Rossi 6, Starovic 10, Savani 11, Gitto 5; Shoji (L), Le Goff, Ishikawa 3, Corteggiani. Ne: De Angelis, Huang, Kovac. All. Di Pinto
Arbitri: La Micela, Simbari
Durata set: 27‘, 28‘, 31‘; totale 1h26’
Spettatori: 2324
Padova: battute vincenti 9, battute sbagliate 14, muri 11, errori 25, attacco 42%
Latina: bv 3, bs 13, m 7, e 21, a 45%

Annunci

Non basta un Hairston in giornata di grazia per battere Tortona

Non basta un Hairston in giornata di grazia per battere Tortona

RaymondPer la dodicesima tranche di gare del Girone Ovest del campionato di Serie A2 Old Wild West, la sfida andata in scena sul parquet del PalaBianchini tra la Benacquista Assicurazioni Latina Basket e la Bertram Tortona era stata definita alla vigilia “big match” della giornata, vista la parità di punti in classifica e le precedenti imprese compiute dalle due formazioni nel turno precedente. In effetti è stata una partita mai scontata, terminata con il successo della formazione ospite sul risultato finale di 90-99, ma con i nerazzurri che non hanno mai mollato e fino all’ultimo hanno provato a rimettere la testa avanti per conquistare i due preziosi punti in palio. Sei i giocatori in doppia cifra per Latina con una buonissima la prestazione del centro statunitense Hairston, miglior realizzatore dei nerazzurri con 24 punti tirando con il 69% da 2 punti e il 100% dalla lunetta, per il numero 1 in maglia nerazzurra anche 8 rimbalzi e 2 assist che gli sono valsi 30 di valutazione. Anche l’altro americano della Benacquista, BJ Raymond, nonostante non fosse al top della forma, considerato un problema alla caviglia che lo ha costretto a rimanere fermo diversi giorni in settimana, ha messo a referto 18 punti (4/4 da 2 punti e 2/4 da 3 punti). Pastore e Laganà, entrambi a referto con 11 punti, mentre sono 10 i punti realizzati sia da Tavernelli, che ha distribuito anche 4 assist, che da Saccaggi. Buon contribuito anche da parte di Giovanni Allodi che ha siglato 6 punti e catturato 3 rimbalzi nei 18 minuti di permanenza sul campo.

 

 

 

La partita – I primi due canestri che sono messi a referto sono realizzati da due lunghi: Garri per Tortona, Raymond per Latina (2-2 al1′). Fase di studio tra le due formazioni con alcune conclusioni sfortunate per i nerazzurri (7-6 al 3′). Saccaggi dalla lunetta concretizza i due liberi scaturiti dal fallo subito da Stefanelli (9-6) cui risponde Sorokas dalla lunga distanza e ristabilisce la parità (9-9 al 4′). Garri porta i suoi in vantaggio (9-11) e Johnson incrementa il divario (9-13 al 6′). La Benacquista reagisce con veemenza piazzando un  parziale di 6-0 e rimettendo la testa avanti (15-13 al 7′). Si gioca sul filo dell’equilibrio (15-15 a 1:22″ dalla sirena) poi Latina grazie ai canestri di Tavernelli e Pastore si porta sul 22-15 a 17″ dal termine. Time-out per Tortona. Al rientro sul parquet, la Benacquista difende bene e il quarto va in archivio sul 22-15 in favore dei padroni di casa.

 

latina_vs_tortona_08In avvio di secondo periodo Quaglia realizza per gli ospiti, ma Hairston replica dalla lunetta (24-17 all’11’). Tortona si affida alla tripla di Radonjici per ridurre il divario, ma è immediata la risposta di Allodi nell’area pitturata opposta (26-20 al 12′). Ancora Quaglia per la compagine piemontese, cui replica Laganà a cronometro fermo (27-22 al 13′). Tortona punisce dall’arco, ma è ancora Allodi, su assist di Pastore, a replicare da sotto (30-25 al 14′). La Bertram non demorde e con 5 punti consecutivi riconquista la parità (30-30 al 25′). Time-out per la panchina nerazzurra. Alla ripresa del gioco è ancora la squadra ospite a centrare la retina, ma arriva subito dopo la prima tripla di Raymond(33-32 a 3:30″). Si continua a giocare sul filo dell’equilibrio (35-34 a 2:22″). I piemontesi rimettono la testa avanti, ma è nuovamente l’americano Raymond a risanare il punteggio (37-37 a 1:30″). La Bertram mette a segno un altro mini break di 5-0 che a 50″ dal riposo lungo fissa il tabellone sul 37-42. Time-out per coach Gramenzi. Si va negli spogliatoi con il team della Bertram che riesce a conquistare ulteriori due punti e fissa il tabellone sul 37-44.

tavernelliAl rientro dal riposo lungo è la Benacquista la prima a centrale la retina, ma Tortona risponde prontamente (41-46 al 21′). Tavernelli riduce il divario mettendo a segno due liberi (43-46). Botta e risposta tra Sorokas e Hairston, intervallata da una conclusione sfortunata di Saccaggi (45-48). Laganà porta Latina sul -1 (47-48 a 7:26″). Garri viene lasciato solo in area e realizza il canestro del 47-50, ma Hairston mantiene i nerazzurri in partita, riportando il punteggio a una sola lunghezza di distanza (49-50). È lotta a suon di canestri tra il centro americano e Garri (49-52). Johnson e Spanghero puniscono la difesa pontina dall’arco, realizzando due triple consecutivo per il 49-58 al 24′. Tavernelli, mai domo, sigla la tripla del 52-58 a 4:35 dalla sirena. Spanghero, altrettanto ispirato, replica per il 52-61. A 3:32 dal termine del periodo, Hairston tenta un nuovo riavvicinamento (54-61), ma sul fronte opposto l’inesauribile Johnson porta la Bertram sulla doppia cifra di vantaggio (54-64). Laganà e Saccaggi firmano 4 punti consecutivi (58-64), ma la formazione piemontese, letteralmente trascinata dal numero 32 Johnson, a 1:37 fissa il tabellone sul 58-67. Per ogni tentativo di avvicinamento nerazzurro (62-67 al 29′), c’è la pronta reazione di Tortona, che con i punti di Garri e Johnson chiude la terza frazione avanti di 9: 62-71.

LaganàLa quarta frazione inizia con due palle rubate dal Capitano Andrea Pastore, che mette a segno anche 4 punti consecutivi (66-71 al 31′). Grande grinta della Benacquista, che difende in modo pressante cercando di limitare gli avversari, che riescono però a realizzare dai 6.75 con Garri (66-74). Allodi riduce le distanze (68-74 a 8:33″). Si lotta sotto canestro, ma la buona intesa tra Allodi e Hairstonconsente ai nerazzurri di riportarsi a -4 (70-74 al 7:302). Protagonista ancora la coppia di lunghi della Benacquista con Hairston che non riesce a concretizzare per via del fallo subito. Prima di tirare i liberi, c’è il time-out chiesto da coach Pansa. Alla ripresa del gioco il centro statunitense è chirurgico dalla lunetta e porta i suoi a un solo possesso di distanza (72-74 al 33′). Allodi commette il suo terzo fallo mandando in lunetta Sorokas, che realizza un solo libero (75-72). Il ritmo è alto in campo, le squadre giocano con grande intensità. Latina esaurisce il bonus con il quarto fallo di Allodi e il successivo di Pastore e Tortona va in lunetta per il 72-77 al 34′, ma Riccardo Tavernelli trascina i suoi nella rimonta con la tripla del nuovo -2 (75-77) annullata da quella dei piemontesi (75-80). Hairston e Sorokas (77-82 al 35′). Saccaggi firma la tripla dell’ennesimo -2 (80-85) ma puntuale arriva la replica della Bertram, sempre dall’arco (80-85 a 3:43″). Time-out per coach Gramenzi. Al rientro sul parquet i nerazzurri perdono un pallone prezioso, che viene tramutato in due punti da Johnson (80-87 a 3:17″). Anche Tortona esaurisce il bonus e Raymond va in lunetta ma realizza un solo libero (81-87 a 3:08″). Il gioco è molto rallentato causa i tanti viaggi in lunetta: Johnson per l’81-89 al 37′. La tripla di Raymond riaccende il PalaBianchini (84-89 al 38′). Gioco da tre punti di Saccaggi per il -2 a 1:48″ (87-89). Johnson non demorde e realizza il canestro dell’87-91 a 1:33″. Raymond riduce (89-91 a 1:14″). Johnson torna nuovamente in lunetta su un fallo attribuito a Pastore e a 1:05″ porta Tortona sull’89-93. Raymond in lunetta sul fronte opposto mette a segno un solo libero (90-93 a 53″). Gli ospiti allungano sul 90-97. Time-out Latina a 15″. Il gioco riprende, Tortona realizza altri due punti e il match si conclude con il risultato finale di 90-99 che decreta la vittoria dei piemontesi.

Il tabellino della gara:

Benacquista Assicurazioni Latina Basket vs Bertram Tortona 90-99 (22-15, 37-44, 62-71)

Benacquista Assicurazioni Latina Basket: Hairston 24, Guerra n.e., Tavernelli 10, Laganà 11, Saccaggi 10, Allodi 6, Pastore 11, Di Ianni, Jovovic, Ambrosin n.e., Raymond 18, Cavallo n.e.. Coach Gramenzi. Vice Di Manno.

Bertram Tortona: Meluzzi 5, Stefanelli 4, Sorokas 12, Radonjic 3, Divac n.e., Apuzzo n.e., Quaglia 13, Garri 17, Billi n.e., Gergati n.e., Johnson 32, Spanghero 13. Coach Pansa. Vice Casalone.

Note:  Latina tiri da due 63% (26/41) tiri da tre 27% (6/22) tiri liberi 83% (20/24). Tortona tiri da due 63% (25/40) tiri da tre 41% (13/32) tiri liberi 77% (10/13). Usciti per 5 falli: Stefanelli

Arbitri: Beneduce Nicola di Caserta, Capurro Michele di Reggio Calabria, Gonella Edoardo di Genova.

 

Airston

 

 

Le parole del capo allenatore della Benacquista Assicurazioni Latina Basket, coach Franco Gramenzi, in sala stampa alla fine della partita disputata tra le mura amiche del PalaBianchini contro l’ostica formazione della Bertram Tortona. I nerazzurri, pur lottando fino alla fine, non sono riusciti ad avere la meglio sui piemontesi, che hanno espugnato il PalaBianchini con il risultato finale di 90-99.

Il prossimo appuntamento con la Benacquista Assicurazioni Latina Basket è in programma sabato 23 dicembre alle ore 20:30 sul campo della Remer Treviglio, oggi sconfitta in casa della Metextra Reggio Calabria (111-101). Le gare del tredicesimo turno si giocheranno in contemporanea su tutti i campi di Serie A2 Old Wild West.

Donatella Schirra
Ufficio Stampa
Latina Basket

Il Rieti non è invincibile

Risultati immagini per lupa roma - rieti 1-0

Tanto tuonò che piovve per il Rieti sconfitto dalla Lupa Roma che vince di rimonta. Succede tutto nella rispresa dopo un primo tempo tattico e sonnacchioso. Gli azzurroamaranto sono di un altro pianeta e attaccano a spron battuto tanto che al 57′ trova l’occasione grazie a Giunta che va giù in area e si guadagna il calcio di rigore. Batte Marcheggiani e trasforma il suo 15° gol stagionale. E potrebbero segnare almeno altre cinque reti se non fosse che i suoi uomoni migliori non si trovano in giornata di grazia. Intorno alla mezzora nella Lupa Roma entra Loglio e per i reatini cominciano i guai. Già al 38′ si procura un rigore per un tocco di mano di Ispas in piena area. Dal dischetto Milani non perdona: uno a uno e tutto da rifare. Qualche minuto dopo, lo stesso Loglio approfitta di un erroraccio del portiere Scaramuzzino e lo punisce mettendo a segno il 2 a 1 per i capitolini.

E’ abbastanza risaputo che il calcio è fatto di episodi e mai come oggi è stato palese che il Rieti avrebbe dovuto segnare caterve di reti contro la Lupa Roma falcidiata da partenze, infortuni e squalifiche. Invece la squadra capitolina ha conquistato tre punti che la rilanciano sia in classifica che (soprattutto) dal punto di vista mentale: d’altronde sono riusciti a battere non una squadra qualsiasi ma niente popò di meno che Sua Maestà il Rieti che finora non aveva conosciuto il sapore amaro della sconfitta.

Ora, non vogliamo gufare alle spalle della magnifica capolista capace di fare cose strabilianti e di perdere l’unica partita della stagione giusto all’ultima giornata di andata. Nonostante il Rieti abbia dimostrato di non essere imbattibile, ha palesato che prima o poi una batosta la si può prendere. Considerando che il calendario riserva per il prossimo turno un Latina – Rieti da ultima spiaggia per i colori nerazzurri, si auspica la riapertura del campionato. Ma non sarà assolutamente facile. La compagine nerazzurra, infatti, vince (ogni tanto) ma non convince; gioca (ogni tanto) ma non evita errori pacchiani; segna (ogni tanto) ma non fa divertire. Ed il Rieti difficilmente si farà sorprendere in quella che possiamo considerare ”la partita dell’anno”. Servirebbe il miglior Olivera, il miglior Iadaresta, il miglior Tribuzzi. Ma soprattutto servirebbe una difesa perfetta. E per perfetta s’intende che non dovrà concedere nulla a gente come Marcheggiani, Giunta, Scotto, Minincleri, Ngoy, Ispas, Cuffa e compagnia cantando.

Risultati immagini per sff atletico calcio

Capitolo SFF: Lo stesso Atletico non è andato oltre lo striminzito pareggio per uno a uno in casa di un San Teodoro ultimo in classifica e con più nulla da perdere. E per giunta, il gol del pareggio è stato siglato da Pippi all’ultimo respiro quando tutti ormai avevano perso le speranze. Anche l’Albalonga non è andato oltre l’uno pari casalingo contro un Aprilia in grandissimo spolvero e con le velleità di una squadra che vuole centrare  i play off. Bene invece il Trastevere che ha vinto a domicilio in quel di Tortolì con la splendida doppietta di Cardillo.

La nuova classifica è la seguente: Rieti 42 punti; segue l’Atletico con 37, a 36 troviamo l’Albalonga, Trastevere 33, Latina 32 che occupa l’importante (quanto inutile) zona palyoff. Ad un punto c’è il Cassino (che ieri ha vinto contro la Nuorese). A seguire,  la vera rivelazione del campionato, quell’Aprilia che ha conquistato finora ben 29 punti seppur in coabitazione dell’Ostiamare. Quindi c’è la Lupa Roma a 25, Monterosi 22, Latte Dolche 21, Budoni 17 e Flamina 16. In piena bagarre paly out si trovano Tortolì che di punti ne ha raggranellato 15, Nuorese 12 e Lanusei 11. Candidate alla retrocessione troviamo Anzio che pur avendo gli stessi punti del Lanusei vanta una peggiore differenza reti. Chiude il San Teodoro con 7 punti.