Il Latina acciuffa il pareggio per i capelli in un primo tempo indescrivibile

Davanti a pochi intimi la squadra nerazzurra soffre maledettamente la maggiore freschezza atletica dei biancorossi. Di Olivera e Milizia gli acuti nerazzurri


di Matteo Giovanni Troiani per www.latinasport.info

Pochi e infreddoliti spettatori oggi al Francioni per assistere a Latina – Monterosi: saranno si e no 500 quelli presenti in una gara che evidentemente dice poco o niente dal punto di vista tecnico e che ammette la frattura tra una società sorda e il popolo nerazzurro che non ha accettato la conferma piena di Chiappini al timone della squadra.

Le formazioni. Il Latina schiera un 4-2-2 formato da: Bortolameotti; Milizia, Lagnena, Cossentino, Atiagli; Tribuzzi, Catinali, Alario, Scibilia; Fontana, Iadaresta. A disposizione del trainer nerazzurro rimangono: Maltempi, Porfiri, Rizzo, Cittadino, Alario, Caputo, Natale e Pagliaroli, Cifra.


Tra gli ospiti manca Manoni, bloccato da un virus intestinale, e De Cerchio per infortunio. Atteggiamento speculare per il Monterosi che è sceso in campo con Cavalli; Lo Pinto, Costantini, Gasperini, Rasi; Nannini, Matuzalem, Crescenzi, Tassone; Morbidelli, Cicino. A disposizione di Mister Perrone: Florio, Raho, Lommi, Salvatori, Palombi, Pisani, Quatrana, Fetta e Minella.

E’ la Signorina Garoffolo di Vibo Valentia chiamata a dirigere l’incontro.

Gioco che ristagna a centrocampo fin dai primi minuti e spettacolo che lascia a desiderare. Al 15’ Monterosi pericoloso: Matuzalem su calcio da fermo pesca libero il capitano della formazione ospite Costantini che incorna senza inquadrare lo specchio della porta. Un minuto dopo la risposta nerazzurra sull’asse Lagnena-Scibilia con tiro di quest’ultimo che viene deviato dal portiere ospite. Gli sbadigli si sprecano ma Monterosi più intraprendente e pericoloso di un Latina abbastanza impacciato che sbaglia un pallone a centrocampo con Ruben Olivera permettendo a Morbidelli di incrociare per Cicino che brucia Bartolameotti. Uno a zero per il Monterosi. Ruben Olivera si riscatta subito con una magistrale punizione che batte imparabilmente Cavalli. Uno a uno nel giro di tre minuti dal 33’ al 36’. La partita finalmente decolla anche perché si siede in cattedra un certo Ruben Olivera.

Tre minuti più tardi è Costantini a non trovare l’appuntamento con il pallone. Sarebbero stati dolori per il Latina in considerazione del fatto che l’attaccante biancorosso si trovava da solo in area. Ma il raddoppio ospite è solo rimandato di qualche secondo grazie al tapin vincente di Nannini che mette alle spalle di un incerto Bartolameotti. Non passa neppure un minuto ed il Latina perviene al pareggio grazie a Milizia che in mischia riesce a buttare la sfera dietro le spalle del portiere ospite. Due pari quando sono passati 45 minuti di gioco (si fa per dire…)  
 

 

 

 

 

Annunci