Latina Scalo Sermoneta: avanti tutta!


Eccoci al Domenico Francioni di Latina per questo retourn match tra il Latina Scalo Sermoneta e Eretum di Monterotondo. I pontini occupano la terza posizione nel girone B di Eccellenza dopo l’inaspettata sconfitta ad opera dell’Arce mentre i ragazzi di Mister Perrotti, nel girone A sono stabilmente al settimo posto con 25 punti conquistati con le unghie e con i denti. La squadra di Antonio Aprile invece ne ha ottenuto due in più. La gara di andata si era conclusa con il punteggio di due reti per parte.

La gara di oggi vede la squadra di casa disposta in campo con Viscusi (1) in porta; Dalla Nora (2), Iannella (3), il Capitano De Santis (4), Celli (5) e Formato (6) in difesa. A centrocampo opereranno Marchetti (8), Gesmundo (9) e Aquilani (10) mentre in avanti cercheranno di capitalizzare quanti più palloni possibili Peressini (7) e Valente (11). Siederanno in panchina insieme a Francesco Gesmundo Venturiero (12), Bucciarelli (13), Schiavon (14), Troisi (15), Pacifici (16), Ciccarelli (17) e Torri (18).

La squadra avversaria schiera Alessandri, Manzelli, Pasqui, Mastrantoni, Giustini, Barbetti, De Marco, Tomassetti, Moronti, Mereu e Nanni. In panchina a disposizione del tecnico Fabrizio Perrotti ci saranno: Federici, Battaglini, Razzini, Fiorentini, Tiscioni, Dioletta e Onorati.

La prima occasione è di marca nerazzurra con Peressini che dapprima getta lo scompiglio in area e poi traversa per Peressini il quale però non trova la battuta vincente quando le lancette segnavano il terzo minuto di gioco. Al 13’ Marchetti del Latina Scalo Sermoneta lasciava partire una sassata che sibilava alla destra del portiere Alessandri. Due minuti più tardi era Niccolò Valente a sbagliare di poco il bersaglio grosso su splendida intuizione di Peressini. Al 19’ Valente conquista una punizione dal limite. Batte Peressini e la difesa salva in qualche modo. Solo Latina Scalo Sermoneta in campo che gioca bene e produce tanto contro una squadra avversaria che bada soltanto a difendersi fino a quando al 29’ Mereu non insacca con un perfetto destro. Uno a zero abbastanza a sorpresa per la squadra che viaggia dopo un buonissimo avvio per la compagine nerazzurra che, subito il gol, si disunisce e rischia la seconda rete grazie a Moronti che imbecca Nanni il quale di testa manda incredibilmente lontano dai pali. Al 44’ padroni di casa vicinissimi al pareggio con una punizione calciata da Valente che va radente al palo sinistro di Alessandri. Per la cronaca: al 43’ ammonito Tomassetti dell’Eretum per gioco pericoloso su Aquilani.

La seconda frazione di gara si apre con un tiro di Aquilani che si perde d’un soffio a lato. All’8’ Mister Perrotti fa uscire l’attaccante Nanni per immettere il centrocampista Tiscioni che si sistema a protezione della mediana. Al 10’ su cross in area di Aquilani né Peressini né Gesmundo riescono a colpire la sfera che finisce comodamente tra le braccia del portiere avversario. Cambio anche in casa nerazzurra: esce Marchetti ed entra l’attaccante Gianmarco Torri quando le lancette segnano il 14’ minuto. Al 25’, sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto da Aquilani, Manzelli sulla linea di porta salva un pallone colpito di testa da Peressini con Alessandri battuto. Fino al momento la squadra gialloblu non è uscita dalla propria metà campo. Pur tuttavia, questo è risultato l’unico tentativo dei padroni di casa per pervenire al pareggio. Alla mezzora altro cambio in casa Latina Scalo Sermoneta: esce il difensore Enrico Dalla Nora (che non aveva sfigurato) ed entra il fantasista Marco Pacifici. La maggiore spinta propulsiva si concretizza con il gol di Joseph Gesmundo che sfrutta nel migliore dei modi un cross, manco a dirlo, del nuovo entrato Pacifici: il bellissimo gol di testa arriva a conclusione di un’azione altrettanto ammirabile condotta sulla fascia sinistra rispetto al fronte d’attacco della squadra di casa. Non passa neppure un giro di lancette e la squadra di casa passa in vantaggio con un perfetto tapin di Gesmundo che così porta a due le segnature personali e quelle della squadra. Bello, tutto bello e con la squadra di Mister Gesmundo che sale in cattedra in una partita che il proprio allenatore ha rimesso sui binari giusti grazie ai cambi giusti nei momenti giusti. Una partita che ha visto addirittura soffrire la squadra di casa ma che alla fine ha vinto meritatamente con la doppietta di Gesmundo. Ed ora mente alla semifinale e perché no, alla testa della classifica da riappropiarsi per continuare un sogno più che fattibile.

Annunci