Gli impegni di Latinasport.info durante il lungo week end

img_20171213_1440181706319666.jpg

Gli impegni di questo weekend di Latinasport.info si aprono con Juve Stabia-Reggina che sarà disputata a Castellammare di Stabia alle ore 20.45, venerdì 15 dicembre. Seguirà l’incontro Salvatore Condemi insieme a Max Casile.

wp-image-771956739

Latina-Monterosi che si giocherà sabato pomeriggio – ore 14,30 – allo stadio Francioni. Presente per la nostra testata: Matteo Giovanni Troiani

Virtus Entella-Salernitana sabato pomeriggio alle 15 sarà seguita da Salvatore Condemi

salernitana-tifosi2143242005.jpg

Domenica mattina al campo sportivo Righetti, il Latina Scalo Sermoneta incontrerà l’Insieme Austria. Seguirà la gara il nostro Maurizio Casumaro

Domenica pomeriggio alle 16,30 andrà di scena Bisceglie-Racing Fondi e sarà seguita dal nostro Basilio Gaburin insieme a Salvatore Condemi

fb_img_15116497072821338744686.jpg

Buon divertimento. Tra qualche settimana importanti novità riguarderanno il nostro lavoro con interventi radiofonici direttamente dai campi interessati tramite le frequenze di Radio Noise

img_20171105_1528051602339288.jpg

Annunci

Le parole di Andrea Ranocchia a termine di Inter-Pordenone

Andrea Ranocchia ha rilasciato le sue dichiarazioni  ad InterTV dopo la gara contro il Pordenone.

“Loro giocavano di ripartenza, abbiamo gestito bene io e Skriniar dietro. In un’occasione ho rischiato ed è andata bene – racconta il centrale nerazzurro -. Conosciamo le insidie che nascondono queste partite, ma l’importante è aver passato il turno. Il mister ci farà vedere le cose non andate bene, ma serve che tutti mettano minuti nelle gambe perché poi serviranno da qui alla fine del campionato. Bisognava sbloccarla subito, alla lunga queste partite son pericolose e si è visto. Da adesso si pensa al campionato”.

Adesso Luciano Spalletti dovrà rivedere i suoi ragazzi e cercare come dare una scossa dopo la gara di ieri sera e continuare a marciare in campionato.

Risultati immagini per andrea ranocchia

Salernitana, ecco Stefano Colantuono

di Basilio Gaburin

Bollini non è più il trainer della squadra granata. Al suo posto Stefano Colantuono il quale si è ”portato” dietro ben tre fedelissimi collaboratori. “Vorrei ringraziare Colantuono perché un allenatore di solito pretende di azzerare lo staff tecnico presente, lui invece martedì  mi ha chiesto di integrare il suo gruppo di lavoro con le figure già presenti a Salerno. Una cosa fuori dal comune e che mi ha lasciato sbalordito“, con queste parole di stima il Direttore Sportivo della Salernitana Angelo Fabiani ha accolto in granata il neotecnico Stefano Colantuono nella conferenza di presentazione. La scelta del trainer romano è stata dunque quella di comporre un gruppo di collaboratori per così dire misto, confermando parte dello staff tecnico già presente a Salerno – come il preparatore dei portieri Genovese, i preparatori atletici Filetti e Angelicchio e il match analyst Matteo Lombardo – e affiancandole alcuni propri fedelissimi, in particolare il tecnico in seconda Roberto Beni, il nuovo preparatore dei portieri Mariano Coccia e il nuovo preparatore atletico Francesco Bertini. Il primo, nato a San Benedetto del Tronto nel 1967, dopo una carriera da calciatore dilettate si è dedicato presto a quella da allenatore nelle categorie inferiori, prima di diventare viceallenatore di Ballardini e, successivamente, di Colantuono, con cui collabora fin dal 2009, dall’esperienza sulla panchina dell’Atalanta. Coccia, classe 62′, vanta invece una lunga carriera da portiere con le maglie, tra gli altri, di Sambenedettese ed Avellino (con cui ha giocato in Serie A), e una volta appese le scarpette al chiodo ha poi intrapreso l’avventura da preparatore dei portieri al fianco di Colantuono, col quale aveva giocato ai tempi dell’Avellino. Bertini, infine, nato nel 1967, è stato per lungo tempo collaboratore del tecnico del Napoli Maurizio Sarri prima di dividersi dal trainer partenopeo e lavorare con Sannino, Lopez e, lo scorso anno, con Martusciello in Serie A con l’Empoli.

Intanto, dalle colonne della Città arrivano le dichiarazioni di Claudio Lotito il quale ha commentato a caldo l’ingaggio ufficiale di Stefano Colantuono:Abbiamo scelto un allenatore d’esperienza e carattere. Ha un curriculum che parla da sé e da lui mi aspetto una sterzata a trecentosessanta gradi. Al nuovo tecnico consegniamo una squadra che può giocarsela alla pari con tutti. E quando dico tutti intendo anche avversari che oggi hanno molti più punti di noi in classifica. Vogliamo ambire a posizioni migliori. Certo che c’è l’ipotesi serie A. E allora? Cosa ci sarebbe di strano? Vogliamo andare avanti nel progetto a Salerno, mica indietro. Mercato? Non s’è discusso di rinforzi. L’allenatore lavorerà con una rosa dalle enormi potenzialità. Se tornerà protagonista Rosina? Non lo so, io non faccio la formazione, sono il presidente. Di sicuro è uno degli elementi in organico”.

Ma passiamo oltre. Andiamo all’infermeria della società. Non si può non imprecare visto che piove sul bagnato, almeno per quanto concerne gli infortunati ed in modo particolare Alessandro Tuia, fermo dal 16 settembre quando riportò un infortunio alla caviglia destra. Il giocatore scuola Lazio sembrava sulla via del recupero ma è stato vittima di una ricaduta che lo costringerà al riposo assoluto per quaranta giorni. Tuia dunque rientrerà non prima di febbraio.

 

Le ammende della sedicesima giornata di Serie A 2017/2018

Ecco  le decisioni del giudice sportivo per le  squadre di Serie A dopo la sedicesima giornata di campionato:

-Ammenda di € 15.000,00 : alla Soc. NAPOLI per avere suoi sostenitori, al termine della gara,
mentre gli Ufficiali di gara si accingevano ad abbandonare il recinto di giuoco, lanciato in direzione dei medesimi, senza colpirli, alcuni oggetti (monete e un piccolo pezzo di cemento); per avere inoltre lanciato, al 47° del secondo tempo, un bengala nel recinto di giuoco; recidiva; sanzione attenuata ex art. 14 n. 5 in relazione all’art. 13, comma 1 lettera b) CGS, per avere la Società concretamente operato con le Forze dell’Ordine a fini preventivi e di vigilanza.

  • Ammenda di € 10.000,00 : alla Soc. HELLAS VERONA per avere ripetutamente lanciato nel recinto di giuoco oggetti di diverso tipo durante il corso della gara e al termine della medesima; sanzione attenuata ex art. 14 n. 5 in relazione all’art. 13, comma 1 lettera b) CGS, per avere la Società concretamente operato con le Forze dell’Ordine a fini preventivi e di vigilanza.
  • Ammenda di € 5.000,00 : alla Soc. LAZIO per non aver impedito l’ingresso di persone non autorizzate nella zona antistante gli spogliatoi che, con riguardo particolare ad una persona, assumevano anche un atteggiamento offensivo nei confronti del VAR e dell’AVAR.
  • Ammenda di € 3.000,00 : alla Soc. LAZIO per avere suoi sostenitori, nel corso del secondo tempo, intonato reiteratamente cori ingiuriosi nei confronti del Direttore di gara.

Immagine correlata

Latina Scalo Sermoneta: avanti tutta!


Eccoci al Domenico Francioni di Latina per questo retourn match tra il Latina Scalo Sermoneta e Eretum di Monterotondo. I pontini occupano la terza posizione nel girone B di Eccellenza dopo l’inaspettata sconfitta ad opera dell’Arce mentre i ragazzi di Mister Perrotti, nel girone A sono stabilmente al settimo posto con 25 punti conquistati con le unghie e con i denti. La squadra di Antonio Aprile invece ne ha ottenuto due in più. La gara di andata si era conclusa con il punteggio di due reti per parte.

La gara di oggi vede la squadra di casa disposta in campo con Viscusi (1) in porta; Dalla Nora (2), Iannella (3), il Capitano De Santis (4), Celli (5) e Formato (6) in difesa. A centrocampo opereranno Marchetti (8), Gesmundo (9) e Aquilani (10) mentre in avanti cercheranno di capitalizzare quanti più palloni possibili Peressini (7) e Valente (11). Siederanno in panchina insieme a Francesco Gesmundo Venturiero (12), Bucciarelli (13), Schiavon (14), Troisi (15), Pacifici (16), Ciccarelli (17) e Torri (18).

La squadra avversaria schiera Alessandri, Manzelli, Pasqui, Mastrantoni, Giustini, Barbetti, De Marco, Tomassetti, Moronti, Mereu e Nanni. In panchina a disposizione del tecnico Fabrizio Perrotti ci saranno: Federici, Battaglini, Razzini, Fiorentini, Tiscioni, Dioletta e Onorati.

La prima occasione è di marca nerazzurra con Peressini che dapprima getta lo scompiglio in area e poi traversa per Peressini il quale però non trova la battuta vincente quando le lancette segnavano il terzo minuto di gioco. Al 13’ Marchetti del Latina Scalo Sermoneta lasciava partire una sassata che sibilava alla destra del portiere Alessandri. Due minuti più tardi era Niccolò Valente a sbagliare di poco il bersaglio grosso su splendida intuizione di Peressini. Al 19’ Valente conquista una punizione dal limite. Batte Peressini e la difesa salva in qualche modo. Solo Latina Scalo Sermoneta in campo che gioca bene e produce tanto contro una squadra avversaria che bada soltanto a difendersi fino a quando al 29’ Mereu non insacca con un perfetto destro. Uno a zero abbastanza a sorpresa per la squadra che viaggia dopo un buonissimo avvio per la compagine nerazzurra che, subito il gol, si disunisce e rischia la seconda rete grazie a Moronti che imbecca Nanni il quale di testa manda incredibilmente lontano dai pali. Al 44’ padroni di casa vicinissimi al pareggio con una punizione calciata da Valente che va radente al palo sinistro di Alessandri. Per la cronaca: al 43’ ammonito Tomassetti dell’Eretum per gioco pericoloso su Aquilani.

La seconda frazione di gara si apre con un tiro di Aquilani che si perde d’un soffio a lato. All’8’ Mister Perrotti fa uscire l’attaccante Nanni per immettere il centrocampista Tiscioni che si sistema a protezione della mediana. Al 10’ su cross in area di Aquilani né Peressini né Gesmundo riescono a colpire la sfera che finisce comodamente tra le braccia del portiere avversario. Cambio anche in casa nerazzurra: esce Marchetti ed entra l’attaccante Gianmarco Torri quando le lancette segnano il 14’ minuto. Al 25’, sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto da Aquilani, Manzelli sulla linea di porta salva un pallone colpito di testa da Peressini con Alessandri battuto. Fino al momento la squadra gialloblu non è uscita dalla propria metà campo. Pur tuttavia, questo è risultato l’unico tentativo dei padroni di casa per pervenire al pareggio. Alla mezzora altro cambio in casa Latina Scalo Sermoneta: esce il difensore Enrico Dalla Nora (che non aveva sfigurato) ed entra il fantasista Marco Pacifici. La maggiore spinta propulsiva si concretizza con il gol di Joseph Gesmundo che sfrutta nel migliore dei modi un cross, manco a dirlo, del nuovo entrato Pacifici: il bellissimo gol di testa arriva a conclusione di un’azione altrettanto ammirabile condotta sulla fascia sinistra rispetto al fronte d’attacco della squadra di casa. Non passa neppure un giro di lancette e la squadra di casa passa in vantaggio con un perfetto tapin di Gesmundo che così porta a due le segnature personali e quelle della squadra. Bello, tutto bello e con la squadra di Mister Gesmundo che sale in cattedra in una partita che il proprio allenatore ha rimesso sui binari giusti grazie ai cambi giusti nei momenti giusti. Una partita che ha visto addirittura soffrire la squadra di casa ma che alla fine ha vinto meritatamente con la doppietta di Gesmundo. Ed ora mente alla semifinale e perché no, alla testa della classifica da riappropiarsi per continuare un sogno più che fattibile.