Auguri di buon 2018 da Latinasport e Reggina Unico Amore

Risultati immagini per frasi per augurare buon annoLe redazioni di ”http://www.latinasport.info” e ”http://www.regginaunicoamore.com” augurano a tutti i lettori un 2018 pieno di soddisfazioni, di speranze, di benessere, di serenità e tutto ciò che i vostri cuori desiderano. Per i tifosi nerazzurri, il sogno si potrebbe chiamare ”Promozione in serie C”, per quelli della Reggina ”Promozione in serie B”. L’importante è non smettere di sognare.  D’altronde, il mondo è nelle mani di coloro che hanno il coraggio di sognare e di correre il rischio di vivere i propri sogni.

Un anno per scoprire cosa la vita ti può offrire, vivere per un’idea, a volte farsi male per difenderla, riempirti il cuore di emozioni, amare con la A maiuscola, piangere fino ad addormentarti, ridere fino a perdere il respiro e sognare senza smettere mai… e non perché chi si ferma è perduto, ma perché senza sogni il domani non avrebbe lo stesso sapore! Un mare di auguri di buon anno!

Risultati immagini per frasi per augurare buon anno

IMG_20170814_211950.jpg

 

Annunci

Latina, una vittoria ed una sconfitta nelle amichevoli d’inverno

Olivera campionissimo

Nel pomeriggio di ieri, il Latina ha affronato l’Itri il 2017 all’indomani della sconfitta di misura in casa della Mistral Città di Gaeta. Al Domenico Francioni, la squadra nerazzurra si è imposta con il risultato di 5-2 grazie alla tripletta di Iadaresta ed alle realizzazioni di Tribuzzi e Olivera. Di Marciano le reti siglate dagli ospiti.

Il giorno prima, il Latina subiva un’aspettata sconfitta al “Riciniello” di Gaeta, contro i padroni di casa della Mistral con il gol di Fiore che metteva alle spalle di Bartolameotti. In precedenza la squadra di Chiappini aveva sbagliato un rigore calciato maldestramente da Cifra.

I due test faranno da apripista al big match tra Latina e Rieti di domenica 7 gennaio 2018.

Trapani troppo forte per Latina

Trapani troppo forte per Latina

14 GIORNATA SERIE A2 GIRONE OVEST LATINA VS TRAPANIL’ultima gara dell’anno 2017  per la Benacquista Assicurazioni Latina Basket è andata in scena sul parquet delPalaBianchini, dove i nerazzurri hanno affrontato la Lighthouse Trapani cui si sono arresi nel finale con il risultato di 71-73 al termine di un match in cui qualche errore di troppo ha condizionato il risultato. È il capo allenatore nerazzurro Franco Gramenzi a confermalo in sala stampa: «Bravi gli avversari, ma noi abbiamo commesso troppi errori. Dopo il riposo lungo avevamo alzato un po’ il ritmo ed eravamo riusciti ad aggiustare alcune cose, poi, però, complici le rotazioni meno ampie rispetto agli avversari, non siamo riusciti a mantenere la stessa intensità. Durante i primi due quarti abbiamo perso troppi palloni e concesso troppi rimbalzi offensivi e questo lo abbiamo sicuramente pagato nel corso di tutto il match».

 

 

La partita – Il match si apre con il canestro di Hairston e la successiva buona difesa dei nerazzurri che non permette agli ospiti di arrivare al tiro nei 24 secondi. Latina perde due palloni e Trapani trova i primi due punti al 2′ (2-2). La Lighthouse mette a referto altri 4 punti consecutivi (2-6 al 3′) e la Benacquista risponde ancora con l’americano Hairston preciso dalla lunetta (4-6 al 4′). I siciliani allungano con Jefferson (4-8) ma è l’altro statunitense in maglia Latina, Raymond, a replicare dalla lunga distanza (7-8). Azioni rapide con canestri sui due lati del campo e al 6′ il tabellone segna 11-12. Saccaggi viene richiamato in panchina che ha commesso due falli consecutivi, Trapani dalla lunetta realizza per l’11-14. La Benacquista reagisce con Laganà (13-14 al 7′). Gli ospiti allungano sul+6 con 5 punti in fila e coach Gramenzi chiama time-out. Al rientro sul campo di gioco è Laganà a ridurre le distanze (15-19 a 1:21″) risponde rapido Spizzichini, ma è la tripla di Capitan Pastore a portare i nerazzurri sul -1 (18-19 al 9′). Nel corso dell’ultimo minuto i siciliani mettono a segno due punti per il 18-21 con cui si conclude il primo periodo di gioco.

In avvio di seconda frazione si devono attendere oltre due minuti prima di vedere il primo canestro realizzato, chearriva per mano di Capitan Pastore dalla lunga distanza e permette alla Benacquista di riconquistare la parità (21-21). La risposta siciliana arriva con Renzi dalla lunetta sul fallo subito da Allodi (21-22). Ancora Renzi , imitato da Spizzichini, per il 21-26 al 15′. Trapani allunga ulteriormente con la tripla di Jefferson (21-29) ma dai 6-75 risponde Raymond per due volte consecutive portando i nerazzurri sul -2 (27-29 a 3:29″ dal termine del quarto). Time-out per la panchina trapanese. Alla ripresa del gioco botta e risposta di realizzazioni (29-32 al 17′). Al 18′ Hairston realizza un libero (30-32) ma sul lato opposto Perry incrementa il vantaggio ospite con un tiro dal pitturato (30-34 a 1:06″ dalla sirena). Dalla lunetta su un fronte Pastore, sull’altro Viglianisi e a 34″ dal termine del periodo il tabellone segna 32-35. Si va negli spogliatoi con la tripla di Jefferson a fil di sirena che fissa il punteggio sul 34-38.

 

tavernelliIn avvio di terza frazione sono Raymond e Laganà a mettere a segno 4 punti consecutivi (38-38 al 21′) ma Jefferson ne restituisce 5 (38-43). Arrivano i primi punti di Saccaggi per la Benacquista che si riporta sul -2 (41-43). E’ Tavernelli dalla lunetta a ristabilire la parità (43-43) mentre al 22′ Hairston, sempre dalla lunetta, permette ai suoi di rimettere la testa avanti (45-43). Si gioca sul filo dell’equilibrio 47-45 al 23′. Laganà incrementa il vantaggio nerazzurro (49-45 al 24′). Time-out per coach Ducarello. Al rientro in campo Hairston è chirurgico dalla lunetta e Latina si porta sul 51-45. Tavernelli subisce fallo antisportivo da Ganeto ed è altrettanto preciso ai liberi per il 53-45 nerazzurro a 5:26″ dalla sirena. Trapani prova a reagire con Spizzichini (53-47) Raymond  concretizza i due liberi scaturiti dal fallo subito da Spizzichini (che commette il quarto personale) e la Benacquista fissa il punteggio sul 55-47 al 25′. Nell’area opposta Perry firma un solo libero (55-48) ma Bj Raymond fa la voce grossa nel pitturato di Trapani e al 26′ i pontini sono avanti 57-48. Mancano 3:33″ al termine del terzo quarto quando Laganà porta i suoi sulla doppia cifra di vantaggio con il libero del 58-48. Le due formazioni hanno entrambe esaurito il bonus e anche Jefferson compie un viaggio in lunetta (58-49 al 27′). Ancora liberi per la Lighthouse con Viglianisi (58-51 al 28′). A 1:36″ Spizzichini riduce il divario a 5 lunghezze con il canestro del 58-53. Time-out per coach Gramenzi. Al rientro sul parquet Latina allunga con Raymond (60-53) Trapani risponde ancora con Viglianisi dalla lunetta (60-54 al 29′). Scorre il cronometro senza ulteriori realizzazioni e il quarto si conclude con la Benacquista avanti di 6 punti: 60-54.

latinavstrapani08In avvio di ultima frazione la formazione ospite realizza 5 punti consecutivi che riducono a un solo punto la distanza dai padroni di casa (60-59 al 31′). Trapani riesce a riportarsi in vantaggio con la tripla di Ganeto (60-62 al 33′). Giovanni Allodi smuove il punteggio dei nerazzurri realizzando uno solo dei liberi scaturiti dal fallo subito da Renzi (61-62) e Capitan Pastore, sempre dalla lunetta, riporta i suoi avanti (63-62 a 6:21″). Pastore commette il suo quarto fallo ed è nuovamente Viglianisi protagonista ai liberi (63-64 a 5:32″). Sono tanti i viaggi in lunetta ed è Raymond a riportare Latina avanti con i liberi (65-64 al 35′). Il numero 42 nerazzurro realizza anche su azione, ma è pronta la risposta di Perry (67-66 al 36′). Show a stelle e strisce con il canestro di Hairston (69-66 a 3:07″). Mancano 2:20″ al termine del match quando Jefferson riporta Trapani sul -1 (69-68) ma è immediata la risposta di Hairston (71-68 a 1:40″).  Si gioca sul filo dell’equilibrio: Trapani si riporta sul -1 (71-70 a 50″). Jefferson dalla lunetta a 22″ dalla sirena consente ai suoi di riportarsi in vantaggio (71-72). Time-out per Latina. Alla ripresa del gioco i nerazzurri non riescono a centrare la retina e con 3″ sul cronometro sono gli ospiti a chiamare time-out. Si torna sul parquet e Latina commette il fallo sistematico che manda Viglianisi in lunetta per il 71-73. Time-out per coach Gramenzi con 3 secondi e 23 centesimi sul cronometro. Il gioco riprende, Saccaggi tenta la tripla a fil di sirena, che però non va a buon fine e la partita si conclude con la vittoria trapanese sul risultato finale di 71-73.

Il Tabellino della gara

Benacquista Assicurazioni Latina Basket vs Lighthouse Trapani 71-73 (18-21, 34-38, 60-54)

Benacquista Assicurazioni Latina Basket: Hairston 19, Tavernelli 8, Laganà 9, Stillitano n.e., Saccaggi 3, Allodi 1, Pastore 10, Di Ianni, Ambrosin n.e., Raymond 21, Cavallo n.e.. Coach Gramenzi. Vice Di Manno.

Lightohuse Trapani: Jefferson 18, Bossi, Renzi 11, Testa, Fontana n.e., Ganeto 14, Mollura, Viglianisi 17, Spizzichini 8, Perry 5, Simic. Coach Ducarello. Vice Parente/Fucka.

Note:  Latina tiri da due 52% (16/31) tiri da tre 21% (6/29) tiri liberi 75% (21/28). Trapani tiri da due 43% (18/42) tiri da tre 44% (7/16) tiri liberi 73% (16/22). Usciti per 5 falli: Pastore per Latina, Mollura per Trapani

Arbitri: Caforio Angelo di Brindisi, Maschietto Chiara di Treviso, Marota Giampaolo di San Benedetto del Tronto (AP).

Il prossimo appuntamento con la Benacquista Assicurazioni Latina Basket è in programma domenica 7 gennaio alle ore 18:00 sul campo della Virtus Roma, oggi sconfitta al PalaEstra dalla Soundreef Siena (102-88), in occasione dell’ultima giornata del girone d’andata del campionato di Serie A2 Old Wild West e prima dell’anno 2018.

Guardiamo insieme gli highlights a cura di Fanner Basket, dell’ultima sfida del 2017 del campionato di Serie A2 Old Wild West tra la Benacquista Assicurazioni Latina Basket e la Lighthouse Trapani andata in scena sul parquet del PalaBianchini venerdì 29 dicembre alle ore 20:30.

 

giuseppe-di-mannoLa Benacquista Assicurazioni Latina Basket dopo aver conquistato due punti preziosi sul campo della Remer Treviglio in occasione del precedente turno di gare e aver festeggiato il Natale con un meritato sorriso, venerdì 29 dicembre alle ore 20:30 torna a giocare al PalaBianchini di fronte al proprio pubblico, sfidando la temibile formazione della Lighthouse Trapani. Il team siciliano sta vivendo un momento estremamente positivo, considerata la striscia di quattro vittorie consecutive guadagnate nel corso delle ultime quattro giornate. Trapani si è, infatti, dimostrata pericolosa sia tra le mura amiche, dove ha superato Agrigento e Reggio Calabria, che lontano dal PalaIlio espugnando Tortona e Roma Eurobasket. La Lighthouse occupa il secondo posto in classifica, in tandem con Biella, a quota 18 punti e arriverà a Latina con la determinazione di chi desidera incrementare i propri successi. Sul fronte nerazzurro troverà, però, una squadra che di punti in classifica ne ha 14, con il morale risollevato dalla recente vittoria in trasferta, ma soprattutto con la forte ambizione di tornare a vincere anche di fronte ai propri tifosi. Sarà ancora una volta un’avvincente sfida con il grande basket di Serie A2 Old Wild West. Alla vigilia della gara il vice allenatore della Benacquista, Giuseppe Di Manno evidenzia la solidità della squadra ospite: «Trapani è reduce da quattro vittorie consecutive di cui due su campi molto difficili come Tortona ed Eurobasket. Ha la terza migliore difesa del campionato e sta dimostrando di essere una squadra molto solida. Per quanto ci riguarda, dopo la buona prova di Treviglio, vogliamo tornare a vincere al PalaBianchini per chiudere l’anno in bellezza».

raymond-3

Il giocatore statunitense BJ Raymond è uno dei punti di riferimento fondamentali della formazione pontina e sta continuando a migliorare le sue prestazioni gara dopo gara. Ultima solo in termini di tempo, la sua ottima prova al PalaFacchetti dove nella sfida con Treviglio ha migliorato il suo record stagionale di punti realizzati firmandone ben 34, che gli sono valsi il titolo di “pistolero” della 13^ giornata (appellativo attribuito settimanalmente dalla Lega Nazionale Pallacanestro al miglior realizzatore di ciascun girone del campionato). È proprio il numero 42 nerazzurro a parlare del delicato match contro la compagine siciliana che chiuderà l’anno solare per il club latinense: «Trapani è una squadra forte, ne è dimostrazione la posizione che occupa  in classifica. Noi abbiamo il morale alto dopo la vittoria conquistata a Treviglio, ma non dobbiamo dimenticare che affronteremo una squadra molto forte e approcciare la gara come le altre: difendendo forte, giocando con confidenza in attacco, avendo fiducia tra di noi e vedere come va a finire». L’atleta americano della Benacquista basa le sue dichiarazioni anche su quanto accaduto nelle due precedenti partite: «Con Tortona non abbiamo avuto l’intensità e l’impegno necessari per vincere la partita, hanno fatto più di 100 punti. Con Treviglio in trasferta sapevano di doverci riscattare, non potevamo perdere 2 gare consecutive e abbiamo difeso e giocato per vincere».

Raymond si trova molto bene nel gruppo. Sono passati diversi mesi dal momento in cui c’è stato il raduno durante l’estate e con il trascorrere del tempo l’armonia, la fiducia e la complicità sono costantemente aumentate nella squadra: «Mi piacciono molto i miei compagni di squadra, abbiamo un buon coach, lui è la chiave del gruppo. Per quanto mi riguarda, sto pian piano divenendo un leader, un giorno sei il ragazzino della squadra, il giorno dopo sei il più grande. Questa è la prima volta che sono il più grande del team e quindi provo a guidare in modi diversi, capendo che siamo un team abbastanza giovane, ma dobbiamo crescere in fretta».

 

 

Donatella Schirra
Ufficio Stampa
Latina Basket

MONOPOLI – RACING FONDI 1-0

Risultati immagini per monopoli - racing fondi

Uno a zero tra due squadre che hanno badato principalmente a non farsi male. Un calcio di rigore piega la squadra di Pezone a due minuti dal termine.

di Basilio Gaburin per www.latinasport.info e www.regginaunicoamore.com

Per questa prima sulla panchina biancoverde, mister Scienza opta per un 4-4-1-1: Mavretic supporterà l’unica punta Sarao; ma attenzione agli inserimenti in avanti dei due esterni di centrocampo Rota e Donnarumma. Questa la formazione: Bardini, Ferrara, Bacchetti, Ricci, Mercadante, Rota, Zampa, Sounas, Donnarumma, Mavretic e Sarao. Gli ospiti, invece, optano per un camaleontico 4-3-1-2. Nolè agirà alle spalle del duo composto da De Sousa e Corvia. La formazione del Fondi mandata in campo da Mister Mattei: Elezaj, Galasso, Vastola, Ghianssi, Paparusso, Ricciardi, Quaini, De Martino, Nolè, Corvia e De Sousa. Arbitra il Signor Gino Garofalo di Torre del Greco. Duemilacinquecento gli spettatori presenti per questo match. Completamente deserto il settore ospiti: non c’è neppure un tifoso del Fondi al Vito Simone Veneziani di Monopoli.

Monopoli in campo con il consueto completo biancoverde, ospiti con una divisa interamente blu con svariati inserti rossi. Appena due i punti di differenza tra Monopoli e Racing Fondi: i padroni di casa ne hanno 23, gli ospiti 21.

Al 10′ la prima ed unica occasione per la squadra di casa con Ferrara che, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, manda la sfera di poco alta sulla traversa di Elezaj. I padroni di casa provano a fare la partita mentre gli ospiti si difendono con ordine. Ne consegue che la partita risulti bloccata ma tutt’altro che noiosa. Il primo tempo si conclude sul punteggio iniziale di zero a zero in un incontro privo di emozioni laddove il Monopoli ha comunque tentato di fare la partita. Gli ospiti si sono fatti vedere solo al 41′ con un calcio di punizione di Corvia da distanza siderale che Bardini parava senza alcuna difficoltà.

Il secondo tempo si apre con una sgroppata di Donnarumma che effettua un gran tiro-cross dal vertice sinistro dell’area avversaria: Sarao, che aveva seguito l’azione, fallisce però l’appuntamento con il gol a porta praticamente sguarnita. Al 55′, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, annotiamo un colpo di testa di Vastola con il pallone che esce non di molto. Al 56′ doppio cambio per i padroni di casa: Genchi subentra a Sarao mentre Paolucci entra al posto di Mavretic. Per il Monopoli, quindi, più peso ed esperienza in avanti con l’entrata di Genchi e dell’ex Latina, Paolucci. Cambi anche nel Racing Fondi quando le lancette segnavano il 69′: fuori Ricciardi e dentro il giovane Pompei, mentre Lazzari subentrava a De Sousa. Nonostante ciò, le occasioni da rete latitano. Al 73′ Monopoli pericoloso con un tiro di Genchi che si spegna di poco fuori. All’81’ ancora un cambio per il Monopoli: fuori Ricci e dentro Lobosco. Un minuto più tardi sarà proprio il nuovo entrato Lobosco a porgere un perfetto assist per Paolucci che tira debolmente e favorisce la parata di Elezaj. A due minuti dal fischio finale, Paolucci si procura un calcio di rigore: ricevuta palla da Zampa, l’attaccante veniva steso dal portiere avversario nel disperato tentativo di bloccare il numero 10 in maglia biancoverde. Sul dischetto si presenta Genchi: pallone da una parte e portiere dall’altra per il vantaggio (sacrosanto) del Monopoli. Scienza, ottenuto il vantaggio toglie dal campo l’attaccante Donnarumma e inserisce il difensore Longo. E la gara termina con il risultato di uno a zero per il Monopoli su un avversario che non ha assolutamente fatto nulla per evitare la sconfitta. In novanta minuti di gioco, infatti, la squadra del sudpontino ha tirato in porta una sola volta con Corvia. Poco, troppo poco per una compagine che annovera gente di provata esperienza. Il Fondi rimane a 21 punti. Il Monopoli sale a 26 punti.

monopoli - fondi 30 dicembre

Salernitana: altro tracollo

di Salvatore Condemi per http://www.latinasport.info.  

Il Palermo si impone con il risultato di 3 reti a zero ma il punteggio è bugiardo 


Il Palermo, all’ultimo momento, deve fare a meno dell’attaccante La Gumina che viene sostituito dal macedone Nestorovski. 

Salernitana in piena emergenza: Colantuono schiera in avanti Rossi il quale deve abbandonare il campo per infortunio. Al suo posto il tecnico granata getta nella mischia Rodriguez e Bocalon entrambi non al cento per cento. L’acciaccato Sprocati si deve accomodare in panchina.

Fase di studio iniziale dove l’equilibrio tra le due compagini regna sovrano fino al 30′ allorquando i rosanero vanno in vantaggio: Coronado strappa dai piedi di Mantovani il pallone e pesca Chochev che addomestica di petto, entra in area, salta un avversario e tira con la suola dello scarpino. Adamonis, che non si aspettava un tiro ”sporco”, riesce a toccare la palla ma non evita che la sfera varchi la linea bianca.

Nel secondo tempo, Salernitana resta subito in dieci uomini allorquando Vitale raccoglie la seconda ammonizione della serata e viene spedito anzitempo negli spogliatoi.

Al 21′ della ripresa granata vicini al pareggio con Bocalon che di testa svetta più alto di tutti. Per l’arbitro, il portiere avversario riesce a bloccare la sfera prima che superi la linea bianca della porta ma la moviola lo sconfessa accertando che il pallone è stato intercettato dopo aver superato per intero la linea di porta. Due minuti più tardi è ancora Bocalon, su assist di Zito, a colpire il palo. In questo caso granata abbastanza sfortunati. 

Un minuto dopo Monachello raddoppia a conclusione di un preciso contropiede condotto da Trajkovski ma evidente è l’errore del portiere e la scarsa grinta dei difensori che permettono la stoccata dell’attaccante rosanero. 

Al 93′ il tracollo: Jajalo controlla il pallone, fa fuori due avversari con una finta e realizza con un secco diagonale a filo d’erba. Tre a zero e partita conclusa. Poco, troppo poco per una Salernitana chiamata a dare una svolta al proprio campionato. Resta il fatto che il passivo di tre reti a zero è bugiardo. Ma questo (per l’ennesima volta per ciò che concerne la Salernitana) è il calcio. 

'o scuorzo ristorante pizzeria salerno

 

Il Ristorante ‘O Scuorzo sito in Salerno, propone un’ampia scelta di squisiti piatti a base di pesce e di carne e si propone anche con un’ottima pizza campana.

La cucina tipica dei monti Alburni, paese originario in cui è nato il Ristorante ‘O Scuorzo si combina perfettamente con i sapori vivaci del golfo salernitano, il tutto realizzato con ingredienti genuini e naturali.

Offre ai suoi ospiti la possibilità di trascorrere una piacevole serata in un’atmosfera familiare e accogliente e per i più appassionati di musica l’opportunità di dilettarsi al Karaoke.

Il Ristorante è ben noto in Salerno per essere stato la locanda negli anni gloriosi della squadra di calcio, Salernitana Sport.

Personalità del mondo calcistico e non solo, da diverse parti d’Italia e dall’estero hanno avuto modo di apprezzarne la cucina.

 ‘O Scuorzo Ristorante Pizzeria Karaoke – Via Parmenide 102/108 Salerno – Tel. 089 334363 – Cell. 3398383089

Gli impegni di Latinasport nel weekend

Gli impegni di Latinasport nel weekend

Ultimi impegni del 2017 per questo ultimo weekend.

Latina fermo fino al 7 gennaio del prossimo anno quando al Francioni si presenterà il Rieti primo in classifica. Squadra che sta allenando si regolarmente alla ex Fulgorcavi di Borgo Piave.

Giovedì 28 dicembre – ore 20.30 – cominceremo con la Salenitana impegnata a Palermo. Al Renzo Barbera sarà presente Salvatore Condemi. Nell’ultimo impegno di campionato i granata sono stati battuti all’Arechi dal Foggia (0-3) mentre i rosanero siciliani hanno impattato col punteggio di 1 a 1 a Cesena.Risultati immagini per stadio di palermo

 

Sabato 30 dicembre doppio impegno. Inizierà il nostro Basilio Gaburin alle 14.30 dallo Stadio Vito Simone Veneziani di Monopoli per Monopoli – Racing Fondi. I biancoverdi pugliesi sono reduci dalla sconfitta di Cosenza (2-0) e con Scienza nuovo trainer dopo le ultime prestazioni poco edificanti costate care amare a Tangorra, esonerato in settimana. Il Fondi è reduce dalla sconfitta interna col Catania (1-3)Risultati immagini per stadio di monopoli

 

A seguire – ore 16.30 – dallo Stadio Nicola Ceravolo di Catanzaro, andrà in scena il derby tra Catanzaro e Reggina. Brutta gara per gli amaranto dopo tutto ciò che è successo in questi ultimi giorni a seguito dell’ennesimo capitombolo interno (0-3) ad opera di un modestissimo Rende. Ritiro punitivo, ammutinamento, dolori di pancia, proteste e malumori hanno caratterizzato questi ultimi giorni portando ad una sorta di insanabile rottura dei rapporti tra l’allenatore e la squadra. Agenore Maurizi, tecnico di Colleferro, giunto a Reggio Calabria durante l’estate scorsa, è stato intanto confermato fino a giugno del 2018 creando una situazione istericamente ingarbugliata. Presente al Ceravolo i nostri corrispondenti da Reggio Calabria Max Casile e Francesco Praticò. Risultati immagini per Stadio di Catanzaro


Pioggia e vento sull’Italia, ultima perturbazione del 2017

Allerta arancione Protezione Civile rischio idrico e idrogeologico

Nuova ondata di maltempo © ANSA

Pioggia e vento su tutta l’Italia e temperature in calo a partire da domani annunciano l’ultima perturbazione del 2017. Arriva dall’Atlantico, portando “maltempo con piogge forti, abbondanti nevicate sulle Alpi e venti molto intensi”, segnalano i meteorologi del Centro Epson Meteo. A partire da domani venti freddi faranno abbassare la temperatura, ma sarà un passaggio rapido perché l’anno si chiuderà con un clima mite. Oggi il maltempo imperversa su quasi tutto il Paese, specialmente nel Centro-Nord, in Campania e in Sardegna. Le piogge saranno più forti e insistenti su Liguria, regioni tirreniche, alta Lombardia e Triveneto; rischio di temporali tra Lazio e Campania.

La sera piogge in arrivo anche sulla Sicilia. Alla luce della situazione meteo, la Protezione Civile ha emesso Allerta Arancione di moderata criticità per rischio idraulico diffuso in Abruzzo e Umbria e allerta arancione per rischio idrogeologico localizzato su Abruzzo, Lazio, Liguria, Molise, Umbria. Allerta gialla di ordinaria criticità per rischio idraulico su Emilia Romagna, Toscana, Umbria.

Ordinaria criticità per rischio idrogeologico localizzato su Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Sardegna, Sicilia, Toscana, Veneto. Pioggia e neve attese anche per giovedì, con vento forte e temperature più basse che venerdì annunciano un rischio gelate al Centro-Nord. Quindi la perturbazione comincerà a spostarsi verso la Grecia e negli ultimi giorni dell’anno si prevedono sull’Italia correnti di aria tiepida che faranno alzare le temperature.

 

A causa degli alti livelli di polveri sottili, tornano le misure antismog a Milano, Pavia e Bergamo. Blocchi del traffico anche a Torino.

TANTA NEVE SU ALPI E APPENNINI – Mercoledì sono previste abbondanti nevicate sulle Alpi, in particolare su quelle centro-orientali con neve oltre 800-1200 metri, “più in basso tra Piemonte e Lombardia occidentale – spiega 3bmeteo – con fiocchi in collina sul varesotto e fino al fondovalle sull’alto Piemonte. Previsti accumuli anche di mezzo metro di neve fresca dai 1400-1500m dalla Lombardia al Friuli. Neve anche in Appennino, inizialmente dai 1300-1700 m, ma giovedì la quota sarà in sensibile calo, fin verso i 300-600 m su dorsale centrale, 700-1100 m su quella meridionale”.

FORTI VENTI E TEMPERATURE IN NETTO CALO – La perturbazione porterà venti forti, prima il Libeccio poi giovedì irromperanno la Tramontana e il Maestrale. Mari dunque molto mossi o agitati con mareggiate sulle coste. Le temperature saranno poi in netto calo giovedì, con l’arrivo di aria più fredda da Nord a Sud.

CAPODANNO TRANQUILLO PUR CON QUALCHE DISTURBO – Nei giorni successivi l’alta pressione tenderà a riportare bel tempo sino a Capodanno, pur con qualche disturbo causato dalle perturbazioni atlantiche. Venerdì ultimi rovesci al Sud, poi migliora salvo nevicate sulle Alpi di confine. Per Capodanno dovrebbe prevalere il sole salvo nubi e qualche piovasco sulle centrali tirreniche e Liguria. Seguiranno tuttavia importanti aggiornamenti data la distanza temporale”, concludono da 3bmeteo.com.

©ANSA


'o scuorzo ristorante pizzeria salerno


img-20171123-wa0005525743781.jpg

Vittorio Cecchi Gori in Ospedale


Vittorio Cecchi Gori e’ ricoverato in rianimazione al policlinico Gemelli di Roma in prognosi riservata per un problema cerebrovascolare. Le sue condizioni sono anche oggi serie ma stabili, dunque invariate rispetto a ieri, giorno del ricovero di urgenza. Il produttore, ricoverato per ischemia e problemi cardiovascolari al Policlinico Gemelli di Roma, resta ricoverato in rianimazione.
Cecchi Gori, 75 anni, produttore ed ex presidente della Fiorentina, è giunto in ospedale a causa di una ischemia cerebrale. In conseguenza di questa condizione si sarebbero verificati anche alcuni problemi cardiaci.
I figli Mario e Vittoria Cecchi Gori con la madre Rita Rusic, ex moglie, sono partiti subito da Miami per Roma. I figli chiedono il massimo riserbo per la privacy per le condizioni di salute del padre, rende noto all’ANSA l’ufficio stampa della famiglia, Angelo Perrone.
Vittorio Cecchi Gori, nato a Firenze 75 anni fa, insieme con il padre Mario ha scritto una pagina della storia del cinema italiano: decine di film, dai cinepanettoni di successo al botteghino agli Oscar vinti con Il Postino (migliore colonna sonora) e La vita è bella (tre premi: miglior film straniero, colonna sonora e attore protagonista Roberto Benigni). Un impegno forte anche nello sport con la presidenza della Fiorentina dal 1993 al 2002 (con due Coppe Italia e una Supercoppa italiana) e in politica con l’elezione a senatore nel 1994 nelle file del Partito Popolare Italiano. Ma dalla fine degli anni Novanta iniziano anche i problemi economici e giudiziari che porteranno Cecchi Gori a perdere gran parte del suo patrimonio e la stessa Fiorentina (dichiarata fallita) e a dover passare un periodo in carcere per il crac Safim (condanna a sei anni per bancarotta nel febbraio 2013).
Per l’altro crac, quello della società “cassaforte” del suo gruppo, la Finmavi, Cecchi Gori ha avuto una condanna a 7 anni nell’ottobre 2013 per un fallimento da 600 milioni di euro. L’ex produttore era tornato a Firenze solo alcune settimane fa. In un bar del centro aveva avuto un’accoglienza sorprendente da parte dei tifosi viola. “Vittorio, ricomprala tu la Fiorentina”, era stato l’invito dei tanti venuti a salutarlo. Aveva sorriso quando avevano intonato in coro: “Un presidente, abbiamo un presidente….”. “Come sto? Lei come mi vede?’, aveva risposto a chi gli chiedeva come si sentisse. “Bene”. “Infatti, sto bene….”, aveva affermato, mentre aspettava un po’ di vecchi amici in piazza della Repubblica, la stessa dove fin da bambino veniva con i genitori, Mario e Valeria.

Fonte ANSA©