Latina Calcio 1932: Terracciano nuovo Presidente

Con una nota apparsa sulla Official Page del Latina Calcio 1932, la società nerazzurra comunica un importante cambio al vertice e lo ”snellimento” del Consiglio di Amministrazione

L'immagine può contenere: 7 persone, persone che sorridono, persone sedute

Snellito il consiglio di amministrazione del Latina Calcio 1932 che passa da cinque a tre membri e avvicendamento alla guida della società nerazzurra”: titola così l’ufficio Stampa del sodalizio di Piazzale Prampolini.

Proprio ieri l’assemblea dei soci ha voluto imprimere una accelerazione al processo di strutturazione dei vertici societari dopo alcuni mesi di rodaggio dove la collegialità era necessaria e soprattutto necessitava di una forte presenza dell’intera compagine azionaria“.

Gestita la fase emergenziale  resa possibile dalla guida di Fernando Leonardi, legata all’imminenza del campionato di serie D e agli innumerevoli obblighi federali e di lega, oggi – continua la nota – la struttura diventa più snella anche nelle decisioni da assumere nell’immediato e nel futuro per continuare il processo di crescita e sviluppo della società calcistica. Il nuovo CDA – svela ancora il comunicato ufficiale – sarà formato da Fernando Leonardi, Antonio Terracciano e Fabio Napolitano. Al vertice, invece, si avvicendano Antonio Terracciano già vice presidente ed ora presidente del sodalizio, mentre Fernando Leonardi da presidente assume la carica di vice presidente.”

<<Gestita la fase emergenzialeha spiegato il neo presidente Terraccianosi è pensato di snellire il processo decisionale con una struttura più snella nella convinzione che anche la società deve muoversi con le stesse caratteristiche della rosa dei giocatori: fluidità della manovra e prontezza nella decisioni. Solo così si può essere al passo con i tempi ed essere immediati nei risultati>>.

Anche Fernando Leonardi che si avvicenda alla presidenza della società e scende nel gradino di vice presidente condivide l’attività posta in essere dai soci”.

Credo che al di là delle cariche societariespiega Leonardisia importante il valore di collegialità e moralità che ha assunto la nostra società fin dalla sua costituzione. I numerosi impegni di lavoro a cui sono chiamato a volte non mi consentono di dare le immediate risposte che oggi ha bisogno il calcio e, quindi, pur restando membro del CDA credo sia più giusto lasciare il timone a Terracciano che ha saputo in questi mesi conquistare la fiducia di tutti noi per la capacità e determinazione dimostrate fin dalle prime ore della nascita della società nerazzurra, avendo rispetto anche della maggioranza del capitale. Terraccianoha concluso Leonardigode della mia più profonda stima, fiducia e massimo rispetto”.

L'immagine può contenere: una o più persone e persone in piedi

Annunci