la Taiwan Excellence Latina cede al quinto set

la Taiwan Excellence Latina cede al quinto set

Tonno Callipo Vibo Valentia-Taiwan Excellence Latina 3-2 (25-17, 19-25, 23-25, 25-22, 15-13)
Tonno Callipo Vibo Valentia: Lecat 11, Costa 14, Coscione 6, Antonov 24, Verhees 11, Patch 14; Marra (L), Massari 1, Izzo1, Presta 1, Domagala 5. Ne: Corrado, Torchia (L). All. Tubertini
Taiwan Excellence Latina: Maruotti 17, Rossi 10, Starovic 18, Savani 5, Gitto 8, Sottile 4; Shoji (L), De Angelis, Ishikawa 3, Corteggiani, Le Goff. Ne: Kovac, Huang. All. Di Pinto
Arbitri: Lot, Satanassi
Durata set: 26‘, 24‘, 31‘, 26‘, 21‘; totale 2h08’
Spettatori: 720, 3721 euro
Vibo: battute vincenti 7, battute sbagliate 30, muri 12, errori 34, attacco 53%
Latina: bv 1, bs 11, m 13, e 18, a 48%

VIBO VALENTIA – Ancora una maratona per la Taiwan Excellence Latina che cede al quinto set in casa della Tonno Callipo Vibo Valentia nella sesta giornata della Superlega UnipolSai. Una gara in cui i primi due set sono stati dominati prima da Vibo e poi da Latina con un terzo in cui i pontini sono stati bravi a recuperare e poi a vincerlo nel finale, ma non sono riusciti a ripetersi nel quarto, mentre il tiebreak è stato deciso da tre giocate. Per Vibo la prima vittoria casalinga che la porta quota 8 punti, gli stessi del Latina.
Iniziano bene i padroni di casa che con un ace di Costa, un muro di Patch e Lecat si portano 7-3, anocra con il belga allungano 17-10, dopo l’ace di Costa del 21-13 Di Pinto fa fare il suo esordio quest’anno a Ishikawa, nel finale ci sono i muri di Antonov e di Gitto, il parziale si chiude con un ace di Antonov sul 25-17. Il secondo set inizia in equilibrio con Maruotti (a muro e in attacco) che sigla il 3-5, Antonov e Verhees rovesciano 9-8, ma con i servizi di Rossi, Starovic (due muri) allunga 9-13, i padroni di casa con il’entrante Massari (ace) accorciano 13-14, ma Gitto e Sottile (muro) portano il +6 sul 17-23 con la chiusura di Starovic sul 19-25. Parte bene Vibo nel terzo set con un muro di Antonov 5-1, Starovic e Maruotti (ace e pipe) pareggiano i conti sull’11, si gioca una lunga fase in equilibrio con Maruotti che sigla il 22-23 e Rossi chiude 23-25. Nel quarto set Tubertini ruota la formazione ma inizia bene la Taiwan Excellence che con Savani e un muro di Rossi si porta 5-8, i padroni di casa ribaltano il parziale con un filotto di 5 punti 10-8, Antonov poi allunga 15-12, un muro di Savani riporta sotto i pontini 20-19 ma il subentrato Presta a muro chiude 25-22. Tiebreak con Domagala e Ishikawa in campo, Coscione a muro sigla il 6-4 e si cambia campo sull’8-6. Dopo una fase di cambiopalla, Antonov sigla il 13-10, Gitto a muro sigla il 14-13 ma un errore al servizio chiude la gara 15-13.
Lorenzo Tubertini ha iniziato con Coscione al palleggio e Patch opposto; Costa e Verhees centrali, Antonov e Lecat schiacciatori; Marra libero. Vincenzo Di Pinto risponde con Sottile in regia e Starovic opposto, Gitto e Rossi al centro, Maruotti e Savani di banda, Shoji libero.
Ace di Costa (2-0), muro di Patch (4-1), Lecat di prima intenzione, 7-3 e timeout richiesto da Di Pinto. Errore di Starovic (10-5), contrattacco di Lecat (14-8), Savani manda fuori una pipe, 17-10 e i pontini chiedono tempo. Contrattacco di Maruotti (17-12), ace di Costa (20-13), dentro Izzo e Ishikawa, muro di Izzo (21-13), errore di Coscione (21-15), muro di Antonov (23-15), muro di Gitto, 23-17 e Tubertini ferma il gioco. Ace di Antonov che chiude il parziale 25-17.
Secondo set con sestetti iniziali, ace di Antonov (3-2), contrattacco e muro di Maruotti (3-5), contrattacco di Antonov (7-7), primo tempo di Verhees (9-8), pipe di Maruotti e contrattacco di Starovic, 9-11 e timeout richiesto da Vibo. Si torna in campo con un doppio muro di Starovic (9-13), dentro Massari, muro di Verhees (11-13), ace di Massai (13-14), primo tempo di Gitto (13-16), muro di Sottile (14-18), errore di Patch, 15-20 e Tubertini ferma il gioco. Incomprensione sul campo di Vibo (17-23) e Starovic chiude con l’aiuto del Video Check 19-25.
Terzo set, errore di Rossi, muro di Antonov ed errore di Starovic, 5-1 e timeout richiesto da Latina. Muro di Starovic (9-7), ace di Maruotti (10-9), pipe di Maruotti, 11-11 e Vibo ferma il gioco. Muro di Rossi (14-15), errore di Maruotti (16-15), errore di Patch (17-18), fallo di posizione pontino (22-21), dentro Le Goff per alzare il muro e contrattacco di Maruotti, 22-23 e tempo richiesto da Tubertini. Primo tempo di Rossi che chiude il parziale 23-25.
Nel quarto set Tubertini ruota la formazione, muro di Costa (1-0), contrattacco di Savani (1-2), errore di Patch e Rossi di prima intenzione, 5-8 e Vibo ferma il gioco. Ace di Coscione, contrattacchi di Patch e Antonov, 9-8 e timeout richiesto da Di Pinto. Muro di Antonov (10-8), dentro De Angelis per la seconda linea, muro di Rossi (10-10), primo tempo di Costa (12-10), dentro Presta, pipe di Antonov (15-12), muro di Savani (20-19) dentro Domagala, muro di Presta che chiude 25-22.
Tiebreak con Domagala e Ishikawa in campo, muro di Coscione (6-4) e sull’8-6 si cambia campo. Sull’11-9 Di Pinto ferma il gioco, dentro Presta, contrattacco di Antonov, 13-10 e timeout richiesto da Latina. Prima del servizio di Starovic, Tubertini chiama tempo, si riprende con un muro di Gitto 14-13 e ancora Vibo ferma il gioco. Si riprende con il servizio sbagliato di Statrovic che chiude la gara 15-13.

Gabriele Maruotti: “Sono state delle piccole situazioni a decidere la gara. Probabilmente abbiamo avuto tante occasioni per provare a vincerla, specialmente nel quarto set, che non siamo riusciti a sfruttare al meglio. È stata una buona prestazione la nostra soprattutto di carattere per aver ribaltato la situazione dopo quel primo set complicato con qualche situazione fisica precaria. Peccato per non essere riusciti a farcela fino in fondo”.


Maltempo: danni al Nord, acqua alta a Venezia

Allagamenti a Roma, rinviata Lazio-Udinese per campo impraticabile

Il maltempo imperversa sull’Italia con la prima vera perturbazione d’autunno. A Roma strade allagate in centro e alla periferia per il violento nubifragio che ha interessato la città. Allagamenti nella zona del Circo Massimo, su via Flaminia (dove sono saltati alcuni tombini), a Ostia. Strade allagate anche a Tor di Quinto, al Nomentano e a Primavalle dove è stata chiusa al traffico via Pietro Bembo. Numerose le pattuglie della polizia locale impiegate per la viabilità. Lazio-Udinese è stata rinviata per campo impraticabile.

A Milano monitorati in particolare i fiumi Seveso e Lambro contro il rischio di esondazioni. Per la pioggia intensa alcune strade della zona Niguarda e Comasina sono state invase in parte dall’acqua. E’ comparsa la prima neve della stagione in provincia di Bergamo, sopra i 2 mila metri di quota.

Venezia potrebbe tornare questa sera a fare i conti con il fenomeno dell’acqua alta. Il Centro previsioni e segnalazioni maree del Comune ha previsto per questa sera alle ore 23.45 una punta massima di marea di 110 cm (codice arancio).

Nella caduta dell’albero su un’auto a Marciana, all’isola d’Elba, sono rimaste feriteuna ragazza con la madre: non hanno subito danni seri ma erano bloccate all’interno dell’abitacolo e sono state liberate dalla squadra dei vigili del fuoco. La strada è stata interdetta alla circolazione. A Follonica (Grosseto) si sono verificati allagamenti e caduta di alberi e rami. A Rignano sull’Arno (Firenze) si è incendiato un bombolone con gpl, probabilmente colpito da un fulmine.

La tramontana e lo scirocco hanno salvato Genova e la Liguriadalla perturbazione che aveva portato la Protezione civile a diramare una allerta arancione dalle 21 di ieri sera alle 15 di oggi sulla quasi totalità del territorio. Sta continuando a piovere quasi ovunque. L’allerta dalle 15 diventerà gialla nel levante della regione. Nella notte e nelle prime ore della giornata la pioggia e i temporali a macchia di leopardo non hanno lasciato segni particolari. I venti hanno fatto in modo che la perturbazione atlantica scaricasse la sua forza in mare. Nel savonese uno smottamento a Capo Noli ha portato alla chiusura dell’Aurelia. A Celle Ligure ha tenuto in apprensione il torrente Ghiare che ha rischiato di esondare.

Forti temporali si sono abbattuti nella notte nell’Alessandrino, causando numerosi guasti alle linee elettriche, che hanno coinvolto anche l’ospedale di Tortona, dove un fulmine si è abbattuto sull’edificio. Caduto anche un pino nella zona del nuovo ingresso dell’ospedale: l’area è stata messa in sicurezza dai vigili del fuoco ma vi sono stati solo danni alla cancellata. Per i vigili del fuoco della provincia è stata una notte di lavoro. Problemi anche alla circolazione ferroviaria.

La pioggia annunciata è arrivata anche in Trentino Alto Adige, ma le precipitazioni dovrebbero intensificarsi nel pomeriggio. Il limite della neve, inizialmente oltre i 2.000 metri, dovrebbe scendere nella giornata intorno ai 1.500 metri di quota e localmente anche sotto i 1.000 metri. Non è previsto però fino alla notte un drastico calo delle temperature.

TROMBA D’ARIA AL LARGO DEL LITORALE ROMANO, E’ CORSA A VIDEO E SELFIE

La perturbazione nelle prossime si sposterà verso Sud: lo rende noto la Protezione Civile che ha emesso una nuova allerta di condizioni meteo avverse a partire da  domenica sera, con allerta rossa per la Basilicata, che viene confermata ancora per il Veneto. Allerta arancione su buona parte del Friuli Venezia Giulia, della Campania e della Basilicata tirrenica. L’avviso prevede precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Campania e Sicilia. Da lunedì 6 novembre, i fenomeni si estenderanno anche a Calabria e Puglia. I temporali saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento. sempre dalle prime ore di domani sono previsti venti da forti a burrasca, dai quadranti occidentali, sulla Sicilia e dai quadranti meridionali su Calabria e Puglia, con possibili mareggiate lungo le coste esposte.

 

©ANSA

Annunci