Chiappini: ‘’L’Aprilia ha meritato la vittoria. Noi siamo stati presuntuosi’’

L’allenatore del Latina, Andrea Chiappini, in conferenza stampa ammette checi vuol ben altro per essere competitivi’’ a margine della sconfitta nel derby con l’Aprilia.Lorocontinua il trainer nerazzurrohanno sfruttato bene il vento mentre noi siamo stati superficiali.’’ E le ammissioni continuano:Nel secondo tempo abbiamo creato soltanto una supremazia sterile, creando solo tre o quattro occasioni. Loro non hanno fatto granché, ma era la loro partita ed era giusto che facessero così. La differenza tra l’Aprilia ed il Latina sta in questo: loro hanno fatto una partita di Serie D, noi no. Hanno vinto loro perché hanno meritato.’’

Di seguito, esprime un pensiero che da solo racchiude tutta la disamina:L’assenza di Catinali ci ha alquanto penalizzato: un conto è quando manca Ruben Olivera, un altro quando manca Catinali. Oggi la sua mancanza si è sentita sia sul piano atletico che su quello caratteriale e quindi della cattiveria: non dovevamo concedere neanche un centimetro ed invece, soltanto nel primo quarto d’ora, abbiamo concesso quattro o cinque palle per assenza di cattiveria. C’è indubbiamente ancora moltissimo da fare.’’

L’allenatore nerazzurro è un incontenibile fiume in piena e, seppure si sforzi, non riesce a contenere la rabbia:Quando ti trovi con il risultato di due gol a zero nei primi otto minuti, è naturale che tu vada nel pallone e pure le cose facili diventano difficili. Poi, nel secondo tempo, cerchi di riorganizzarti. Angelov, Nelson e Tribuzzi avranno crossato 20-25 volte sia da destra che da sinistra ma non ho mai visto niente di molto pericoloso: quando fai cross buoni nell’area di rigore, dobbiamo fare di più. Insomma, noi non abbiamo creato quello che dovevamo creare. Loro invece si sono difesi bene e con tanto ordine. La colpa è mia su questo non ci piove e mi prendo tutte le responsabilità ma ci sono delle cose che non mi sono assolutamente piaciute: siamo stati presuntuosi. E questa presunzione ci è costata cara e amara, precisamente due gol. Poi metteteci anche il vento e la pioggia…’’ Ci pare però che la pioggia ed il vento ci siano stati anche per la squadra avversaria che – ad ogni buon conto – si è disunita solo in occasione del gol di De Francesco.

Domenica c’è l’Atletico che oggi ha servito la ‘’manita’’ in casa del Tortolì che finora si è dimostrato ben poca cosa. Strigliata si, strigliata no… Chiappini dribbla in modo elegante:Non c’è bisogno della strigliata, recuperiamo tre giocatori e probabilmente ce ne saranno di nuovi. Chi non mi ha convinto sicuramente non gioca, è semplice. Oggi non voglio pensare alla prossima partita, ma devo pensare al momento: perché abbiamo avuto questo approccio? Non parlo del reparto avanzato, ma della ripresa. Abbiamo concesso noi le palle a loro per arrivare ai gol. Devo risolvere con chi di dovere queste cose. Quando lavori tutta la settimanacontinua Mister Chiappininon c’è bisogno di strillare troppo. Devi solo richiamare l’ordine, ci sono allenatori che stanno seduti 90 minuti. Ho colleghi molto bravi che non strillano, non esistono regole. A volte esco dal campo senza voce, a volte c’è meno da strillare. La partita di oggi è molto semplice da analizzare, è antipatico sotto certi punti di vista. Non abbiamo in questo momento la freschezza, l’atteggiamento giusto per poter prendere rigori e punizioni, inventarsi gol. Per un’ora abbiamo messo cross infiniti, quando le squadre sono chiuse devi girare sul largo e fare cross, però in area di rigore devi prenderla. Questo non è successoconclude l’allenatore con una punta di commiserazioneed abbiamo perso la partita…

LATINA CALCIO 1932 -  Conferenza Mister Chiappini -  FOTO: PAOLA LIBRALATO
LATINA CALCIO 1932 – Conferenza Mister Chiappini – FOTO: PAOLA LIBRALATO

Disegni erotici Rodin, raccolta inedita

A cent’anni dalla morte dello scultore francese

(ANSA) – ROMA, 5 NOV – RODIN-I DISEGNI PROIBITI (MUSEE RODIN-RIZZOLI, PP 272, EURO 39). A 100 anni dalla morte di Auguste Rodin viene svelata la raccolta inedita di disegni erotici che lo scultore francese aveva custodito gelosamente in un misterioso cartone classificato come ‘Museo Segreto’. La collezione venne scoperta proprio alla scomparsa dell’artista, il 17 novembre 1917, e a mostrarla è ora il libro ‘Rodin-I disegni proibiti’ che esce per Rizzoli, in collaborazione con il Musée Rodin di Parigi di cui è direttrice dal 2012 Catherine Chevillot, autrice della prefazione, e con i testi di Nadine Lehni, decana del museo parigino. All’interno del cartone, 121 fogli con disegni e acquarelli che restituiscono una frenesia creativa audace, tanto più se si pensa che Rodin aveva superato la sessantina mentre creava quelle opere in cui il sesso è protagonista, scandalose per l’epoca e straordinariamente moderne. Sono nudi di donna in pose indecenti, quasi acrobatiche che diventano una sfrontata galleria

©ANSA


'o scuorzo ristorante pizzeria salerno

 

Annunci