Chiappini: “Il campionato è lungo, avanti così”

Chiappini: “Il campionato è lungo, avanti così”

Le parole del tecnico nerazzurro dopo il pareggio del Latina con l’Albalonga.

<<Il dato confortante di oggiesordisce Andrea Chiappiniè che abbiamo rischiato poco anche dopo essere passati in inferiorità numerica. Siamo stati molto bravi, concentrati sulle seconde palle ed abbiamo provato a ripartire molto spesso. Con un pizzico di fortuna avremmo potuto fare almeno un golletto su palla inattiva.>>

Frase ad effetto… <<Rispetto a Rieti e Cassino, posso dire che adesso siamo una squadra. Oggi mi vedete molto sereno, domenica dopo una vittoria di misura con dieci palle gol costruite non lo ero. La Serie D la conosco beneprosegueper questo dico che bisogna fare quello che abbiamo fatto oggi perché il campionato è lungo. Bisognerà vedere se tutti avranno la mia stessa possibilità di fare tanti cambi.>>

Iadaresta e Rabbeni fuori condizione… <<Entrambi stanno pagando più degli altri i carichi che abbiamo fattoammette il tecnico e non rinuncio a Catinali, Barberini o Tribuzzi e nemmeno a Iadaresta perché, oltre a far salire la squadra, nelle palle inattive contro mi aiuta a prendere i centimetri avversari. Iadaresta è importante anche se da due o tre partite fa fatica perché non ha la brillantezza delle settimane precedenti. Sia lui che Rabbeni. Avrei voluto partire direttamente con Pagliaroli, ma ho preferito dare continuità e cambiare qualcosa all’interno dei 90 minuti.>>

Ci sarebbe stato bisogno di uno scossone… <<Negli ultimi dieci minuti del primo tempo e nei primi venti della ripresa, quando eravamo in parità numerica, avevo l’impressione di avere la partita in pugno e per la prima volta in 10 abbiamo tenuto molto bene. Nodichiara con enfasi Chiappininon c’era bisogno di nessuno scossone: avevamo la partita in pugno.>>

Oggi è mancato Olivera… <<Domani lo staff medico analizzerà meglio la situazione per domenica. Lui non si sente tranquillo, oggi non abbiamo voluto rischiarlo. Penso che domani faranno delle analisi più approfondite e vedremo.>>

Cossentino: secondo giallo evitabilissimo… <<Io ero lì a 20 metri: non è stata colpa sua.>>


Napoli sogna schiaffo al City, nessuno è imbattibile

Sarri, vorrei vederli spaventati ma dobbiamo essere straordinari

Champions League, Napoli-Manchester City © ANSA

A.N.S.A.Le squadre imbattibili non esistono ma domani affrontiamo la miglior squadra d’Europa, allenata dal miglior allenatore del mondo. Sulla carta il Manchester City dovrebbe vincerle tutte ma noi vogliamo far punti per avere un vantaggio nel girone”. Maurizio Sarri non ci sta più a un Napoli a due velocità, imbattibile in Italia e traballante in Europa. Nella sfida stellare di questa sera contro il Manchester City di Guardiola vuole dimostrare che al di là delle belle figure, come nella ripresa all’Etihad Stadium, il suo Napoli può fare punti contro la corazzata inglese che viaggia a punteggio pieno in Champions e domina la Premier. Il City non ha mai perso quest’anno tra Europa, campionato e Coppe inglesi e il Napoli sogna l’impresa. A Sarri non è andata giù la prima mezz’ora dell’Etihad Stadium, quell’1-2 da stordire chiunque, e ha studiato ancora più a fondo la squadra inglese: “Loro – spiega alla vigilia – hanno un impatto devastante sulla partita: hanno segnato un numero impressionante di gol nei primi 20′. Quindi o chiediamo all’Uefa di cominciare al 21′ o ci vuole una partenza diversa rispetto all’andata. Dobbiamo portarli nell’acqua alta, arrivare alla mezz’ora in bilico, una situazione a cui non sono abituati”. Sarri lo ha ripetuto alla squadra, che resterà in ritiro per concentrarsi al massimo, sottolineando l’importanza di tenere dietro: “Dovremo fare una fase difensiva straordinaria – dice – poi sull’interpretazione della gara non credo che loro faranno un calcio diverso e noi nemmeno. L’inerzia della partita, però, può prendere binari diversi”.

Champions League, Napoli-Manchester City © ANSA


'o scuorzo ristorante pizzeria salerno

Annunci