Benedetto Mancini a volte ritorna…

 wp-1486665628797.jpg

Che la situazione calcistica a Taranto non sia florida è un fatto assodato così com’è risaputo che l’attuale dirigenza abbia deciso da tempo di abbandonare il proposito. Mesi e mesi di trattative hanno gettato nello sconforto la tifoseria rossoblu oramai vessata e stanca di continui schiaffoni in faccia e di flop assurdi e catastrofici. Niente problemi: arriva Benedetto Mancini in loro soccorso. Questa mattina è infatti prevista una conferenza stampa del faccendiere con la quale dovrebbe presentare il “Progetto Rinascimento del Taranto Football Club 1927“. Non sappiamo quali contenuti abbia tale piano strategico ma ci pare che, per l’ennesima volta, Mancini abbia clamorosamente sbagliato i tempi. E si, perché, attraverso una nota ufficiale, il sodalizio rossoblu nel tardo pomeriggio di ieri ha comunicato l’intesa con Massimo Giove per il trasferimento delle quote azionarie: “I sigg. Elisabetta Zelatore, Antonio Bongiovanni e Massimo Giove comunicano che i rispettivi professionisti di fiducia da essi incaricati hanno raggiunto l’accordo per la cessione delle quote del Taranto FC 1927 srl di loro proprietà al signor Massimo Giove medesimo. A breve saranno perfezionate le modalità per il trasferimento del pacchetto di maggioranza“.  Giove, tarantino doc e imprenditore nel settore siderurgico, è stato già presidente del Taranto dal 2000 al 2002. Nei giorni scorsi i legali del contestatissimo duo Zelatore-Bongiovanni avevano reso nota l’esistenza di cinque manifestazioni di interesse per rilevare la società ma, in questo lotto, il nome di Benedetto Mancini non era inserito. Rammentiamo che l’imprenditore romano, oltre che a Latina, si era già fiondato nei mesi scorsi per accaparrarsi le presidenze di Grosseto, Mantova, Modena e Catanzaro. Nella città calabrese – ci spiegava un collega di “Catanzaroinforma” – pare che Benedetto Mancini non sia stato neppure ricevuto dal Dottor Sergio Abramo, primo cittadino di Catanzaro. Abbiamo detto tutto. Malgrado ciò, la domanda sorge spontanea: a che “pro” questa conferenza stampa?

Annunci