Inter 3-Milan 2 Icardi abbatte i rossoneri con una tripletta

Di  MATTEO GIOVANNI TROIANI

Dopo la stagione 2016/2017  che hanno visto entrambe le milanesi non riuscire  a trionfare l’una  sul’altra,nella stagione attuale nel primo viso è la squadra nerazzura ad aggiudicarsi la vittoria.

La partita è stata uno spettacolo per un tifoso neutrale, ma per un tifoso di una delle due squadre è stata una partita  non molto tranquilla.

Il Milan è  riuscito a trovare il pareggio per due volte,ma nel finale non è riuscito a confermarsi dopo il 3 a 2 su rigore di Mauro Icardi.

INTER: Handanovic; D’Ambrosio, Skriniar, Miranda, Nagatomo; Borja Valero (40′ st Eder), Gagliardini; Candreva (28′ st Joao Cancelo), Vecino, Perisic; Icardi (48′ st Santon).    A disp. Padelli, Berni, Ranocchia, Karamoh, Dalbert, Pinamonti. All. Luciano Spalletti.

MILAN: Donnarumma; Musacchio, Bonucci, Romagnoli (33′ st Locatelli); Borini, Kessié (1′ st Cutrone), Biglia, Bonaventura, Rodriguez; Suso, André Silva.                                          A disp. A. Donnarumma, Storari, Abate, Calabria, Gomez, Paletta, Zapata, Gabbia, Mauri, Montolivo. All. Vincenzo Montella.

Arbitro: Tagliavento di Terni.

Note: ammoniti Miranda (I), Romagnoli (M), Vecino (I), Gagliardini (I), Perisic (I), Rodriguez (M), Icardi (I), Eder (I). Totale spettatori: 78.328. Incasso: 4.864.749 euro.

Il derby parte a ritmi  lenti, i rossoneri che aspetta dietro e lascia l’iniziativa ad un’Inter non troppo accativante. Antonio  Candreva al quarto d’ora scambia palloni  con Borja Valero e con un leggero destro becca la traversa. Il Milan non  trova mai Suso e André Silva, mentre gli interisti alzano  i ritmi d’azione e al 28’ passano. D’Ambrosio  per Candreva, dopo due passi e crea un cross giusto  in mezzo per il preciso tap-in di Mauro Icardi di destro. L’1-0 insacca  il Milan e  fà esaltare i tifosi dell’Inter, che gioca 10 minuti di altissimo livello. Proprio poco della fine della prima frazione, però, i rossoneri di Montella hanno occasione per l’uno a uno: Kessiè  filtra una palla  per Borini, che ci va di destro, ma  Handanovic para, poi di nuovo Borini  di testa,ma va  sull’esterno della rete.

Inter Milan

Nella ripresa Vincenzo  Montella cambia Cutrone per Kessié e il Milan è in cambiamento. I primi 10 minuti i rossoneri creano quattro  occasioni : Silva becca il palo (poi Musacchio insacca in rete  ma in netto fuorigioco), Suso  impensierisce Handanovic da fuori, Borini lo imiti, Cutrone non centra la porta con un bel sinistro su cross di Rodriguez. Il  pareggio milanista arriva al 56’: Suso si centra e piazza un mancino da fuori  angolatissimo, che beffa Handanovic. L’ex viola, Vecino ha subito dopo l’occasione del 2-1, ma mette la mette a  largo. Poi Samir Handanovic  blocca Bonaventura e nel contropiede   l’Inter raddoppia: Perisic vola a sinistra e crossa per il grande destro coordinato di Icardi, che fà  doppietta e sentenzia ancora la sua.

Risultati immagini per inter 3 milan 2

Il Milan non molla  e cerca di non arrendersi e all’80’  riesce a pareggiare. Rodriguez trova   Borini, che crossa per il sinistro di Bonaventura: deviazione, para Handanovic, palla sul palo e poi Handanovic la trascina dentro.

Il Milan riesce  ad agguantare il 2-2 che sancisce  un punto in più per entrambe le squadre.Il gol è sembrato regalare a Milano il terzo pari di fila nel derby dopo 80 anni .

Risultati immagini per inter 3 milan 2 bonaventura

Nel finale però nuove emozioni per gli interisti. All’44 del secondo tempo da calcio d’angolo Rodriguez affonda Danilo  D’Ambrosio e procura il rigore.

Dal dischetto si presenta il capitano interista,riesce a traformare il riore e a portarsi a casa il pallone.

Inter-Milan 3-2: Icardi show, nerazzurri secondi a -2 dal Napoli

Il distacco tra Inter e Milan a fine serata è arrivato a dieci punti,e la prossima giornata è importante per il vertice che vede Inter e Napoli darsi battaglia per i tre punti e la testa della classifica.

Dopo Milito nel 2012 non è mai capitato che un giocatore delle  milanesi facesse tre gol,ma Mauro Icardi da capitano nel 2017 ha abbattuto questo record.

Risultati immagini per inter 3 milan 2 festeggiamenti

Annunci

Latina Scalo Sermoneta avanti tutta!

Dove vuol arrivare ancora non è dato sapere, fatto sta che la squadra di Antonio Aprile non sta lasciando nulla d’intentato e, sciorinando un calcio essenziale, reclama un posto al sole. Di quale posto o di quale sole si possano trattare non si sa ancora visto che siamo all’inizio dell’entusiasmante torneo di Eccellenza (gir. B), ma quando ad una compagine, nata con lo scopo principale di preservare la categoria, è bella a guardarsi, diverte, si diverte ma soprattutto gioca quasi a memoria, non gli si può precludere nulla ma proprio nulla. Dopo aver brillantemente superato il Roccasecca che ha ben impressionato sul terreno verde del “Righetti”, giusto sette giorni or sono, nella mattinata di ieri è andato a dettar legge pure sul difficile campo di Formia con due reti messe a segno nel secondo tempo: il vantaggio porta la firma di Onorato al 63′, mentre è Torri a chiudere i giochi allo scadere con il gol del definitivo 2-0. 

A proposito di posto al sole la compagine di Mister Gesmundo, con tredici punti all’attivo, si trova a sole tre lunghezze di ritardo rispetto alla battistrada  Virtus Nettuno, a due dalla coppia formata da Pomezia e  Team Nuova Florida e ad un sol punto dal Città di Anagni. A 13 punti, quindi, si ritrova quarto, seppur in coabitazione  con la sorprendente Audace. 

Sognare non costa nulla. D’altronde quando si hanno giocatori del calibro di Onorato, Aquilani, Iannella, Peressini, Formato, per citarne solo alcuni, farci un “pensierino”  è d’obbligo.

Risultati immagini per latina scalo sermoneta calcio

Annunci e offerte di lavoro Latina | Gazzetta Lavoro

LATINA OTTOBRE 2017 NUOVE ASSUNZIONI URGENTI, ANCHE SENZA ESPERIENZA! FAI IN FRETTA, LE SELEZIONI TERMINANO TRA POCO!
Candidati QUI —> j0b.at/FERROVIE_LATINA

http://www.gazzettalavoro.it/search.php?q=lavoro&w=latina&utm_source=ferrovie-latina&utm_medium=cpc&utm_campaign=facebook&utm_term=ferrovie+dello+stato&source=facebook&promo=3&cnl=8769782528&btn=8776734149

Per il sociale 

La Nuorese mette le ali ed annienta l’Anzio

La Nuorese mette le ali ed annienta l’Anzio

La cura del nuovo trainer Massimo Agovino fa bene alla Nuorese che scala velocemente la classifica: dopo aver vinto a San Teodoro, rifila una cinquina all’Anzio e sale all’ottavo posto. La palma del migliore in assoluto del match è da assegnare al bomber Giuseppe Meloni autore di una tripletta che si porta così il pallone a casa.

 

La gara. Agovino cambia due pedine rispetto alla vittoriosa trasferta di San Teodoro, dentro Padulano (suo il gol-vittoria nel recupero) per Verachi e Gallo per Melis. In porta c’è Cellitti, coppia difensiva Madero-Strumbo con Tupponi ed El Otmani esterni, in attacco Mancosu e Meloni. Al primo assalto è gol della Nuorese ma quello che segna Mancosu all’8’ è annullato per fuorigioco dell’ex Selargius sulla respinta di Rizzaro al tiro di Madero. Anche l’Anzio al 16′ ma la posizione di Martilotta, sugli sviluppi di un corner, è irregolare. Fiacchi i tentativi dei barbaricini al 23′ con Padulano (colpo di testa alto) e Mancosu (para facile Rizzaro). Prima del riposo la squadra di Agovino graffia: al 42′ El Otmani va in fuga sulla sinistra, entra in area e dà all’indietro per Meloni, che come un falco insacca al secondo tentativo mettendo il suo di piede tra una selva di scarpette. Prima del riposo ancora pericoloso Meloni ma l’azione sfuma. Ad inizio ripresa la Nuorese raddoppia: al 3′ Mancosu assiste bene Padulano che non sbaglia l’appuntamento col gol dopo quello di San Teodoro. Passano 6′ e arriva il tris di Cadau che sfrutta alla perfezione l’assist di Meloni dalla trequarti. L’Anzio cerca di rientrare in partita e subito va in gol all’11’ con Papa. Ma è solo un fuoco di paglia perché sale nuovamente in cattedra Meloni, il bomber nuorese al 19’ prende d’infilata la difesa laziale sulla palla in verticale di Cadau e batte Rizzaro. Nel frattempo in campo c’era già Konè, all’esordio in maglia verdazzurra, e l’ivoriano al 25′ manda al tiro El Otmani, palla fuori. Il match si chiude con la terza perla di giornata di Meloni che, al 44’, chiude da centravanti di razza un contropiede battendo ancora Rizzaro. È il suggello alla sua prova e a quella della Nuorese tornata ad essere protagonista del girone G.

Immagine correlata

 

NUORESE: Cellitti, Tupponi, El Otmani, Gallo, Madero, Strumbo, Cadau (32′ st  Melis), Goh (37′ st Infante), Mancosu (15′ st Konè), Padulano (37′ st Verachi), Meloni (45′ st Butterworth). A disp. Ferrara, Kebbeh, Gungui, Bilea. All. Massimo Agovino.

ANZIO 1924: Rizzaro, Martilotta, Landolfi (32′ st Provaroni), Di Ventura, Costanzo, Lauri, Dell’Accio (1′ st Mancini), Ferrari, Russo (1′ st Paoletti), Petrini, Papa (45′ st Gentile). A disp. Benedetti, Patriarca, Barbaria, Magro. All. Simone Rughetti.

ARBITRO: Leonardo Tesi di Lucca.

RETI: 42′ pt Meloni, 3′ st Padulano, 9′ st Cadau, 11′ st Papa, 19′ st Meloni, 44′ st Meloni.

NOTE: Ammoniti: Martilotta, Goh, Papa, Costanzo. Recupero: 2′ + 3′. Spettatori 1000 circa

ANSA – Clicca qui per sapere cosa succede intorno a te

 

Budoni e Aprilia, un pareggio e tanti errori

Budoni e Aprilia, un pareggio e tanti errori

Dopo un primo tempo spumeggiante, il Budoni tira un sollievo di sospiro e si tiene stretto il punto conquistato con le unghie e con i denti contro un Aprilia che nella ripresa ha fallito anche un calcio di rigore.

La cronaca  Noia assoluta fino al 23′ allorquando il Budoni con Saiu, solo davanti a Del Moro, si divora un gol fatto spedendo di poco alto sulla traversa. I galluresi ci provano al 35′ con l’attaccante Malesa che si inserisce in fascia destra e pennella la palla per il colpo di testa di Sartor: sembra fatta ma Del Moro si tuffa e devia salvando la propria porta. L’Aprilia non sta a guardare: al 40′ Bosi scocca una staffilata con il portiere sardo che si rifugia in angolo. Prima del riposo il Budoni sciupa la rete del vantaggio per ben due volte nelle quale è protagonista in negativo Murgia, bravo a procurarsi lo spiraglio di tiro ma meno nella precisione. Nella ripresa i pontini si fanno pericolosi tant’é che all’8′ si conquistano la più ghiotta occasione dell’incontro: Rodriguez falcia Mosciaro ed è calcio di rigore che lo stesso attaccante spreca mandando alto sulla traversa. Ancora apriliani in evidenza con il solito Bosi sul quale salva Rodriguez. Null’altro in una gara incanalata sul pareggio con le due squadre intente soltanto a commettere incredibili erroracci sotto porta.

 

BUDONI: Trini, Caputo, Rodriguez (17’ st Melis), Monticelli, Farris, Varrucciu, Santoro, Malesa, Sartor, Murgia (21’ st Odianose), Saiu. All. Raffaele Cerbone.

APRILIA: Del Moro, Maola, Bencivenga, Cioè (44’ st Veroni), Valentini, Sossai, Matteo (28’ st Cusciana), Sterpone, Mosciaro, Bosi (17’ st Zeccolella), Fortunato (39’ st De Marchi). All. Mauro Venturi.

ARBITRO: Silvera di Valdarno.

NOTE: Ammoniti: Farris, Monticelli, Rodriguez, Fortunato, Sterpone, Cioè. Angoli: 4-4. Recupero: 0’+ 3’. Spettatori: 250 circa. All’8′ st Mosciaro manda fuori un calcio di rigore

http://www.ansa.it/

Clicca qui per sapere cosa succede intorno a te

Buona la prova della Taiwan Excellence. Ma Verona vince al tiebreack

 

Taiwan Excellence Latina-Calzedonia Verona 2–3 (22-25, 22-25, 25-22, 25-19, 17-19)
Taiwan Excellence Latina: Maruotti 19, Rossi 5, Corteggiani 1, Savani 12, Le Goff 8, Sottile 3; Shoji (L), De Angelis, Starovic 21. Ne: Huang, Gitto, Kovac, Caccioppola, Ishikawa. All. Di Pinto
Calzedonia Verona: Jaeschke 26, Pajenk 11, Stern 14, Maar 17, Birarelli 7, Spirito 2; Pesaresi (L), Mengozzi 1, Paolucci, Marretta 1. Ne: Frigo (L), Grozdanov, Manavinezhad. All. Grbic
Arbitri: Cappello, Tanasi

Durata set: 26‘, 29‘, 30‘, 26‘, 24‘; totale 2h15’

Spettatori: 1054
Latina: battute vincenti 5, sbagliate 18, muri 8, errori 29, attacco 46%
Verona: bv 10, bs 20, m 4, e 33, a 51%
MVP Sasha Starovic

 

Non delude le aspettative l’esordio della Taiwan Excellence Latina con la Calzedonia Verona. Oltre due ore di spettacolo con alla fine un tiebreak da cardiopalma dove gli scaligeri sono riusciti ad avere la meglio ai vantaggi.
Tante le personalità accorse a questa prima, la “prima battuta della gara” è stata effettuata da James Chih-Fang Huang, diplomatico di Taiwan nonché direttore del Taiwan External Trade Development Council e un video saluto del “tifoso” Tiziano Ferro.
Inizia bene Verona con Jaeschke e Maar si porta 0-4, Le Goff e Savani pareggiano sul 4-4, si gioca punto a punto con un muro di Sottile per poarta in avanti la Taiwan Excellence 9-8, ma gli ospiti rovesciano con un ace di Jaeschke e Maar 17-20 e chiudono 22-25. Parte bene anche nel secondo parziale la Calzedonia che con due ace di Jaeschke e Stern e in attacco con Maar si porta 6-10, Di Pinto tenta la carta Starovic, Latina ricuce con Maruotti sul 15-16, una ace di Spirito allunga 15-18, girandola di cambi, con Jaeschke che chiude 22-25. La Taiwan Excellence conferma nel terzo set Starovic e allunga con un ace di Rossi, un muro di Le Goff e un ace di Starovic 6-2, per poi portarsi con Starovic e Savani 12-5, Verona con un ace di Pajenk si rifà sotto fino al 20-18, poi entra in azione Starovic con tre punti consecutivi (un ace) per il 24-20, Maar al servizio (un ace) mette a moto i muri di Spirito e Birarelli con Verona che si porta 24-21, con Savani che chiude 25-22. Il quarto set inizia con gli ace di Jaeschke, Starovic, Le Goff e Birarelli, un muro di Stern e Jaeschke portano gli scaligeri sul 7-9, Starovic a muro pareggia (10-10), ace di Birarelli e Pajenik per il 13-16, Latina rovescia la situazione con Maruotti e quattro break di Starovic sul 21-18, poi entra in scena Le Goff che sigla prima un break e poi chiude il set 25-19.
Tiebreak: fallo di Spirito (3-1), errore di Jaeschke (6-3), errore di Stern (8-4). Muro di Starovic (9-4), doppio primo tempo di Pajenk (9-7), muro di Jaeschke e errore di Maruotti (9-9), si va ai vantaggi, pipe di Jaeschke ed errore di Starovic 17-19.

Nikola Grbic propone Spirito al palleggio e Stern opposto, Birarelli e Pajenk centrali, Maar e Jaeschke di banda, Pesaresi libero. Vincenzo Di Pinto risponde con Sottile in regia, Starovic opposto, Le Goff e Rossi al centro, Savani e Maruotti di banda, Shoji libero.
Pipe di Jaeschke e contrattacco di Maar, 0-3 e Fi Pinto chiama tempo. Si riprende con un altro contrattacco di Maar (0-4), muro di Le Goff, contrattacco di Savani ed errore di Maar per la parità: 4-4. Ace di Stern (4-6), errore di Stern (6-6), muro di Sottile, 9-8 e Grbic ferma il gioco. Quattro tocchi nel campo pontino (12-13), errore di Corteggiani (14-16), errore di Mengozzi (16-16), ace di Jaeschke e contrattacco di Maar, 17-20 e il Latina chiama tempo. Contrattacco di Maar (18-22), errore di Spirito, 21-23 e gli scaligeri fermano il gioco. Pallonetto di Jaeschke che chiude il primo parziale 22-25.
Il secondo set si apre con un errore di Savani e ace di Jaeschke (0-2), ace di Stern (2-5), sul 6-9 dentro Starovic, contrattacco di Maar, 6-10 e timeout di Di Pinto. Errore di Maar (8-10), errore di Pajenk (9-10), contrattacco di Maar (10-13), infrazione di seconda linea di Stern (13-15), contrattacco di Maruotti (15-16), ace di Spirito (15-18). Sul 22-24 Grbic chiama tempo, si riprende con Jaeschke che chiude sul 22-25.
Terzo set con Starovic in campo, ace di Rossi e muro di Le Goff (3-1), fallo in palleggio di Spirito e ace di Starovic, 6-2 e timeout Verona. Errore di Spirito, 9-4 dentro Paolucci, muro di Starovic (11-5), Spirito in campo, pipe di Savani (12-5), dentro Marretta, e sul 13-6 gli scaligeri fermano il gioco. Contrattacco di Marretta (17-12), ace di Pajenk, 19-15 e Di Pinto ferma il gioco. Errori di Le Goff e Starovic (20-18), contrattacco di Starovic, ace e ancora contrattacco (24-18), muro di Spirito e Birarelli, 24-21 e timeout Latina. Si riprendo con un ace di Maar (24-22), con Savani che chiude 25-22
Quarto ace di Jaeschke (0-1), ace di Starovic (3-2), ace di Le Goff (6-4), ace di Birarelli (6-6), muro di Stern e contrattacco di Jaeschke, 7-9 e timeout Latina. Muro di Starovic (10-10), ace di Birarelli e primo tempo di Pajenk (13-16), contrattacco di Maruotti, errore di Stern e contrattacco di Starovic (17-16), con Grbic che ferma il gioco. Si torna in campo con un altro contrattacco di Starovic (18-16), ancora il serbo (21-18) e Verona ferma il gioco. Primo tempo di Le Goff (23-19), dentro Mengozzi, errore di Stern (24-19) è un muro di Le Goff a chiudere il parziale 25-19.
Tiebreak: fallo di Spirito (3-1), errore di Jaeschke (6-3), errore di Stern, 8-4 e si cambia campo. Muro di Starovic (9-4), dentro Marretta, doppio primo tempo di Pajenk (9-7), dentro De Angelis, muro di Jaeschke (9-8) e timeout richiesto da Di Pinto. Errore di Maruotti (9-9), rientra Savani in prima linea, sul 14-13 timeout di Grbic. Rientra Maar sul 16-16 e Di Pinto ferma il gioco. Pipe di Jaeschke ed errore di Starovic 17-19.

Daniele Sottile: “Un punto buttato! Ci sono degli aspetti negativi ed altri positivi. Sicuramente una gara diversa da quella di Monza. In questo momento sono poche palle a fare la differenza”.

Vincenzo Di Pinto: “Quando dovevamo imporci nei primi due set, non c’è stata molta differenza, ma sono state alcune palle a decidere i set. Poi abbiamo provato a buttare nella mischia Starovic, che ha dato una grossa spinta ed entusiasmo, e ci ha portato punti. C’è il rammarico di esserci fatti rimontare nel tiebreak”.

Nikola Grbic: “All’inizio siamo stati aiutati dall’assenza di Starovic. Poi loro sono entrati in partita. Al tiebreak si è ancora rovesciata la situazione. Siamo stati bravi noi a ribaltarlo. Due punti guadagnati.”

 

 

Latina, 15 ottobre 2017
Top Volley Latina
Ufficio Stampa


 


 

Oggi, lunedì 16 ottobre, al Foro Italico presso il Circolo del Tennis di Roma (viale dei Gladiatori 31) si terrà alle 10.30,  l’evento dedicato alla partnership tra Top Volley Latina e Taiwan Excellence (brand che promuove l’eccellenza  dei prodotti di altissima tecnologia di Taiwan come i marchi  ASUS, ACER, D-Link, Step2Gold, In Win, Paper Shoot, MSI).
Questa conferenza stampa si terrà dopo l’esordio in campionato del Latina contro Verona in programma domenica 15 ottobre.
All’evento interverranno:
–  l’ex ministro degli Esteri di Taiwan Mr. Huang, oggi presidente di TAITRA (Consiglio per lo sviluppo del commercio estero di Taiwan, ideatore del brand Taiwan Excellence per la promozione dei prodotti di alta tecnologia) e in visita in Italia dopo 15 anni dalla sua ultima presenza
– Paola De Micheli, Presidente della Lega Volley
– Giuseppe Manfredi, Vice Presidente della Federazione Italiana Volley
– Luigi Goldner, Responsabile Marketing Top Volley Latina
– tutta squadra del Taiwan Excellence Latina

Lunedì evento partnership tra Top Volley Latina e Taiwan Excellence


Clicca qui per sapere cosa succede intorno a te

Grande vittoria della Benacquista a Napoli

whatsapp-image-2017-10-15-at-19-05-19Secondo appuntamento stagionale e seconda trasferta consecutiva per la Benacquista Assicurazioni Latina Basket che ha superato a domicilio la formazione di Cuore Napoli Basket con il risultato finale di 83-91 conquistando il primo successo stagionale. I nerazzurri hanno giocato una partita vibrante ed emozionante in cui non hanno mai mollato. Una vittoria fortemente voluta e determinata da una buona intesa di squadra, che ha permesso alla Benacquista di chiudere il match con cinque uomini in doppia cifra: Raymond 24, Saccaggi 21, Laganà 20, Pastore 13, Tavernelli 11. Da evidenziare, inoltre, che la Benacquista ha  giocato senza il centro Adomas Drungilas, rimasto a Latina per via di un’indisposizione che non gli ha permesso di partire con la squadra e prendere parte alla gara. Presenti al PalaBarbuto alcuni tifosi nerazzurri, che hanno fatto sentire il proprio sostegno ai ragazzi per tutta la durata della partita.

whatsapp-image-2017-10-15-at-19-05-18Il prossimo appuntamento con la Benacquista Assicurazioni Latina Basket è fissato per domenica 22 ottobre alle ore 18:00finalmente tra le mura amiche del PalaBianchini, dove i nerazzurri riceveranno la formazione sarda della Pasta Cellino Cagliari, reduce dalla vittoria casalinga nei confronti della FCL Conctract Legnano (87-85) in occasione della quarta giornata del campionato di Serie A2 Old Wild West. Prosegue  proprio fino a domenica 22 ottobre la Campagna Abbonamenti della Benacquista Assicurazioni Latina Basket e sarà possibile sottoscrivere gli abbonamenti anche in occasione della prima sfida casalinga dei nerazzurri.

Cuore Napoli Basket vs Benacquista Assicurazioni Latina Basket  83-91 (14-23, 41-38, 64-62)

Cuore Napoli Basket: Sorrentino 10, Molfettone n.e., Carter 28, Fioravanti 15, Zollo n.e., Mascolo 2, Vangelov 6, Ronconi, Gallo n.e., Vucic 8, Maggio 7,  Nikolic 7. Coach Ponticiello. Vice Trojano.

Benacquista Assicurazioni Latina Basket: Tavernelli 11, Laganà 20, Stillitano n.e., Saccaggi 21, Allodi 2, Pastore 13, Di Ianni, Jovovic n.e., Ambrosin, Raymond 24, Cavallo n.e.. Coach Gramenzi. Vice Di Manno.

Note: Napoli tiri da due 62% (26/42) tiri da tre 29% (9/31) tiri liberi 67% (4/6). Latina tiri da due 57% (16/28) tiri da tre 41% (15/37) tiri liberi 93% (14/15).

Usciti per 5 falli: Laganà per Latina

Arbitri: Beneduce Nicola di Caserta, Dori Giacomo di Mirano (VE), Perocco Alberto di Ponzano Veneto (TV).

La partita – Parte bene la formazione padrona di casa che piazza un break di 8-0nei primi quattro minuti di gioco, mentre la Benacquista, complici alcune conclusioni sfortunate, non riesce a trovare la via del canestro. Coach Gramenzi è costretto a chiamare time-out.  Al rientro in campo arrivano i primi punti dei nerazzurri firmati da Giovanni Allodi (8-2 al 4′) poi sono le due triple consecutive di Saccaggi a ristabilire la parità (8-8 al 5′) restituendo il parziale di 8-0 agli avversari. Questa volta è coach Ponticiello a chiedere la sospensione. Quando riprende il gioco è ancora Saccaggi a mettere a segno la terza tripla di fila (11-8). Botta e risposta tra Carter e Raymond (10-13 al 7′). Ruotano gli uomini sulla panchina latinense con Pastore che prende il posto di Tavernelli, mentre Raymond porta il parziale nerazzurro sul 15-2 con i due liberi messi a segno (10-15 all’8′). Risponde Vucic, anche lui a cronometro fermo, ma è la tripla di Pastore a portare Latina sul + 8 (10-18 al 9′). Scorre via l’ultimo minuto con azioni rapide e le squadre archiviano il primo quarto sul punteggio di 14-23.

whatsapp-image-2017-10-15-at-20-18-11In avvio di seconda frazione Latina prova ad allungare portandosi sul +12, ma Napoli reagisce con veemenza e mette a segno unparziale di 7-0 che al 12′ fissa il tabellone sul 23-28. Arriva la prima tripla di Raymond, ma i padroni di casa non demordono e al 14′ il punteggio è sul 29-33. Il capitano nerazzurro incrementa la percentuale dalla lunga distanza realizzando la tripla del 29-36 al 15′. Napoli risponde con 4 punti consecutivi per il -3 partenopeo 33-36 al 16′. I napoletani sono determinati e riducono a un solo punto la distanza dai pontini (35-36 al 17′). I locali hanno l’inerzia del match e a 2:33″ dalla sirena del secondo quarto arriva il sorpasso del Cuore Napoli Basket (37-36). Time-out per il capo allenatore della Benacquista. Al rientro sul parquet le due formazioni non riescono a trovare la via del canestro con facilità fino al 19′, quando Tavernellirealizza i due punti che riportano Latina in vantaggio (37-38). Sospensione per la panchina napoletana. Fioravanti mette a segno i due liberi scaturiti dal fallo subito da Laganà (39-38 a 33″ dalla sirena). La Benacquista perde palla in favore di Sorrentino che a 9″ dal termine del periodo realizza il canestro del 41-38 con cui si va negli spogliatoi.

whatsapp-image-2017-10-15-at-20-36-17-2Al rientro dal riposo lungo è Napoli a segnare per prima con Carter dall’arco, ma Latina è pronta a replicare con Saccaggi (44-40 al 21′). I padroni di casa sono scatenati dai 6.75 e ne mettono a segno altre due con Carter e Maggio (50-40). Timida reazione di Latina con Raymond (50-42) ma è ancora Carter a centrare la retina (52-42 al 22′). Riduce lievemente il divario la Benacquista con Raymond dalla lunetta (52-43) ma è Alfonso Di Ianni a ridurre ulteriormente lo svantaggio con la tripla del 52-46 al 24′. I locali rispondono con il canestro del 54-46, ma è Laganà a riportare Latina sul -5 (54-49 al 25′). Ancora una tripla per la Benacquista, questa volta firmata da Saccaggi (54-52 a 4:14″ dal termine della frazione) con cui i nerazzurri si riportano a sole due lunghezze di distanza. Time out per coach Ponticiello. Il gioco riprende e arriva la tripla di Carter, cui risponde per le rime Raymond (57-55 al 27′). È lo stesso Raymond a mettere a segno un bel gioco da tre punti che permette ai pontini di rimettere la testa avanti (57-58). Carter è indiavolato (59-58 al 28′ e 24 punti personali fino a questo momento) e Sorrentino realizza la sua prima tripla per il 62-58 a 1:54″ dal termine del quarto. Time-out per coach Gramenzi. Al rientro sul campo di gioco è ancora Sorrentino il protagonista, prima nel commettere fallo su Saccaggi, che è preciso dalla lunetta e la Benacquista si riporta sul -2 (62-60) poi a realizzare i due punti del 64-60 in favore dei padroni di casa al 29′. Saccaggi firma i due punti del 64-62 con cui termina la terza frazione.

whatsapp-image-2017-10-15-at-20-36-17-3In avvio di ultimo periodo è lo stesso Saccaggi a centrare nuovamente la retina, questa volta dall’arco per il nuovo sorpasso nerazzurro (64-65 al 31′). Laganà incrementa il vantaggio della Benacquista con due liberi realizzati (64-67). Napoli perde palla e una bella coordinazione tra Allodi e Pastore consente a Latina di portarsi sul +5 (64-69 al 32′). Time-out per coach Ponticiello e al rientro sul parquet è Fioravanti a smuovere il punteggio partenopeo (66-69). Il capitano della Benacquista porta i suoi sul +5 (66-71 al 34′) imitato subito dopo da Raymond per il 66-73. I padroni di casa si affidano al proprio capitano Maggio (68-73) ma sul fronte opposto anche Latina punta su capitan Pastore per il 68-76 al 35′. whatsapp-image-2017-10-15-at-20-17-30Sorrentino replica a Pastore dai 6.75 e al 36′ il tabellone segna 71-76. Conclusioni sfortunate ambo le parti, poi è Tavernelli a 2:55″ a realizzare il canestro del 71-78, ma è immediata la risposta di Napoli (73-78 a 2:34″ dal termine della gara). Laganà firma la tripla del 73-81 al 38′ e il capo allenatore della formazione di casa chiama time-out. Al rientro sul parquet è proprio Marco Laganà a portare il vantaggio in doppia cifra (73-83) Fioravanti replica per il 76-83, ma è Raymond a fare la voce grossa per il 76-85 al 39′. Scorre il cronometro, la Benacquista amministra il vantaggio e il match si conclude con la vittoria dei nerazzurri sul risultato finale di 83-91.

 

Donatella Schirra
Ufficio Stampa
Latina Basket