Il Latina “sbrana” la Lupa Roma 

L'immagine può contenere: una o più persone e spazio all'aperto

Passato in svantaggio, Rabbeni e Iadaresta regalano la prima vittoria esterna stagionale ad un buon Latina

Tribuna destinata al tifo nerazzurro praticamente stracolma e straripante di passione e d’amore per i colori nerazzurri. Pochi i tifosi di casa sistemati nella tribunetta di rimpetto a quella dov’è sistemata la colorita torcida ospite.

Chiappini manda in campo l’abituale 4-2-3-1, con Natale trequartista, Tribuzzi a destra e Rabbeni a sinistra che agiscono da raccordo per Iadaresta, fin qui inestimabile punta di diamante.

Non succede nulla fino al 14’ quando la squadra di casa non passa inaspettatamente in vantaggio: Montesi, superato un difensore avversario, mette al centro per Prandelli che, tra due difensori, batte Bortolameotti con un perfetto piattone.  Uno a zero al primo affondo dei padroni di casa e partita in salita per la squadra di Chiappini che, come sistematicamente capita nelle gare esterne, commette ingenuità imperdonabili. In questo caso, Romeo e Vona fanno le belle statuine facendosi anticipare dall’attaccante avversario che mette alle spalle del portierino nerazzurro praticamente indisturbato. Incredibile ma vero…

Il Latina cincischia ma non graffia. L’unico a cercare improbabili – ma coraggiosi – tiri verso la porta difesa da Proietti Gaffi, risulta Nelson che, come risaputo, non ha certamente piedi vellutati. Intorno al 30’ Tribuzzi scodella una palla verso il centro ma Vona svirgola la palla che finisce tra i guantoni del portiere avversario. 

Poco. Troppo poco per un undici che avrebbe dovuto ‘’fare la partita’’ per avvicinarsi quanto più possibile alle squadre che la precedono in classifica. La formazione di Chiappini soffre maledettamente a centrocampo dove la Lupa Roma palleggia come meglio non avrebbe potuto. Sembra che in quella zona di campo che va da Romeo a Natale non ci sia un centrocampista pronto a pressare il portatore di palla avversario o a tentare un contrasto nei fraseggi. Insomma un Latina da rivedere in questo primo tempo che finisce con la Lupa Roma in vantaggio grazie al gol di Prandelli.

La ripresa inizia con una sventagliata di Svideronschi che impegna severamente a terra il portiere ospite.

Al 51’ avvicendamento tra i nerazzurri: esce l’impalpabile Natale per far posto a Cittadino. E dopo pochi secondi il Latina perviene al pareggio con Rabbeni lesto ad anticipare di testa il portiere avversario dopo un tocco sbagliato di un difensore. Uno a uno e partita che s’infiamma: qualche minuto dopo, infatti, è lo stesso Cittadino ad impegnare Proietti Gaffi dalla distanza ed al 65’ un suo tiro si spegne di poco a lato.

Al 71’ viene completata la ‘’remuntada’’ con Iadaresta che approfitta di una colossale papera del portiere avversario: Proietti Gaffi, si avventa su un pallone proveniente da destra e, nel goffo tentativo di rilanciare, serve inavvertitamente l’attaccante partenopeo che non ha alcuna difficoltà a mettere dentro la palla del vantaggio. Il Latina ed i suoi tifosi ringraziano e festeggiano. Giustamente.

Vantaggio che viene giustificato da un perentorio colpo di testa di Vona che svetta di testa col pallone che fa la barba al palo. Tutto questo a nove minuti dal triplice fischio finale. Dopo pochi secondi sarà Rabbeni a mandare radente al palo sinistro del portiere avversario un tiro al volo porto con il contagiri da Cittadino.

Momenti di grande gioco e di grande spettacolo offerto dalla squadra di Chiappini che riesce a correggere in corso d’opera certi accorgimenti tattici e a predisporre sul manto erboso l’undici giusto e sfiora ripetutamente il gol, spinto dal proprio pubblico. Un Latina spregiudicato, forte e consapevole delle proprie capacità che si porta a casa l’intera posta in palio a conclusione di una partita che il Latina non poteva che vincere ma che ad un certo punto della prima frazione di gara ha rischiato anche di perdere. Tutto è bene quel che finisce bene e sul campo del Quartiere di San Basilio di Roma per il Latina è finita nei migliori dei modi grazie ai gol di Rabbeni e Iadaresta. E ora, sotto con il Flaminia che oggi è stato “asfaltato” a domicilio dal Rieti…

Pubblichiamo di seguito i risultati che riguardano il Girone G di Serie D:

Albalonga – Budoni 2 – 1

Anzio – Lanusei 1 – 1

Aprilia – Trastevere 3 – 2

Flaminia – Rieti 0 – 4

San Teodoro – Nuorese 1 – 2

Latte Dolce – Ostia Mare 0 – 1

Atletico SFF – Monterosi 4 – 1

Tortoli – Cassino 2 – 4

Lupa Roma – Latina 1 – 2

In base a questi risultati, l’Atletico è sempre in vetta con 18 punti, seguito dal Rieti a 16. L’Ostia Mare va a 13 punti scavalcando il Trastevere che resta a 12 insieme all’Albalonga ed allo stesso Latina che però non entra nel giro playoff per una peggiore differenza reti rispetto sia a Trastevere (+5) e che alla stessa Albalonga (+4)

Risultati immagini per iadaresta latina

 di Basilio Gaburin di http://www.latinasport.info

Foto: tuttolatina.com

 

Annunci