Niente da fare per l’Axed all’esordio

Dopo un buon primo tempo, l’Axed si disunisce e viene battuto con il punteggio di otto gol a cinque

L'immagine può contenere: 4 persone, campo da basket

Un vero e proprio trionfo, per una prima storica in Serie A alla quale di meglio non avrebbe potuto chiedere, il nuovo Kaos Reggio Emilia C5 che comincia la sua avventura nella massima serie piegando 8-5 l’Axed Group Latina, nel match andato in scena davanti al gran pubblico del PalaBigi (oltre 500 spettatori per la prima dei granata).

Un match di qualità e maturità al tempo stesso, quello che i ragazzi di mister Juanlu Alonso hanno gestito specialmente in una ripresa nella quale si è deciso tutto nel giro di 8 minuti, dal 3-3 sino al 7-3 granata che ha spaccato il match.

“Sono contento per l’atteggiamento proposto dai ragazzi, anche se non possiamo essere ancora perfetti come vorrei – ha dichiarato a fine gara il tecnico madrileno – E’ la strada giusta per crescere e vincere una partita del genere ci aiuterà”.


Privi di Dian Luka, Pulvirenti e Vinicius, i padroni di casa partono benissimo, andando a segno dopo 2 minuti di gioco con la conclusione vincente (con deviazione) di Tuli. Il Kaos Reggio tiene in mano il pallino del gioco, ma viene freddato da Battistoni nel momento migliore. Tutto da rifare? Ci pensa il grande ex Avellino a riportare avanti i suoi con ripartenza e combinazione con Kakà, prima del 3-1 firmato ancora Tuli con un gran destro al volo. Eppure, nel finale di primo tempo il Kaos finisce in bonus e paga pegno, con i liberi di Bernardez che scrivono il 3-3 all’intervallo. In avvio di ripresa ecco la sfuriata granata, con carattere e qualità: nel giro di 33 secondi, prima Fits con un gran sinistro da vero pivot, poi il balletto da giocoliere di Titon con gran botta di destro valgono il nuovo +2 che cambia la gara. Timm, una vera saracinesca tra i pali, si esalta e consente a Dudu Costa (splendido il 6-3 in ripartenza) e Fusari (a segno con Latina che ha già piazzato il portiere di movimento) di aprire la forbice decisiva, sino ai minuti finali con l’esordio in A di Amarante e pochi brividi, prima di festeggiare 3 punti che profumano di storia.

Tabellino:
KAOS REGGIO EMILIA-AXED GROUP LATINA 8-5
Marcatori: 2’01” p.t. E 14’35” p.t Tuli (K), 6’57” p.t. Battistoni (L), 10’39” p.t. Avellino (K), 16’03” p.t., 18’57” p.t. Bernardez (L), 1’33” s.t. Fits (K), 2’06” s.t. Titon (K), 9’01” s.t. Dudù Costa (K), 10’10” s.t. Fusari (K), 15’34” s.t. Battistoni (L), 18’38” s.t. Kakà, 19’53” s.t. Espindola (L)
Kaos Reggio Emilia: Timm, Tuli, Titon, Fits, Avellino, Isidoro, Fusari, Amarante, Molitierno, Schininà, Kakà, Dudu Costa. All. Juanlu Alonso
Axed Group Latina: Basile, Espindola, Bernardez, Battistoni, Paulinho, Diogo, Pilloni, Del Ferraro, Cretella, Aiello, Landucci, Saul. All. Mannino
Arbitri: Vannucchi di Prato e Oliviero di Pesaro – Crono Gandolfi di Parma
Note: ammoniti Bernardez (L)

Fonte: reggioemiliac5 (Fabio Poncemi)

L'immagine può contenere: una o più persone, persone che praticano sport e campo da basket

Annunci

Andrea Chiappini: “Con l’Ostiamare sarà una battaglia. Dobbiamo lottare senza risparmiarci’’

 

di Basilio Gaburin per Latinasport.info

LATINA CALCIO 1932 -  Conferenza Mister Chiappini -  FOTO: PAOLA LIBRALATO
LATINA CALCIO 1932 – Conferenza Mister Chiappini – FOTO: PAOLA LIBRALATO

Conferenza stampa del tecnico nerazzurro Andrea Chiappini. Incalzato dalle domande dei giornalisti, Mister Chiappini esordisce così: <<Domani troveremo il nostro pubblico ed è un fattore positivo. Sappiamo che quella contro l’Ostiamare sarà una partita difficile come lo è tutta la serie D. Dobbiamo dare tutto quello che abbiamo lottando fino al 90′. E’ vero che abbiamo avuto l’apporto del pubblico ad Anzio, Rieti e Cassino ma al Francioni ci sentiamo davvero a casa nostra, però, anche in quella a porte chiuse li abbiamo sentiti. Parliamo di esordio al Francioni, è giusto definirlo così.>>

A proposito delle difficoltà della gara di domani con l’Ostiamare, Chiappini dice: <<Ogni partita ha una sua storia. Viviamo alla giornata non solo dal punto di vista mentale: il calciatore, d’altronde, deve dimenticare velocemente le sconfitte e soprattutto le vittorie. In questa fase le certezze sono sempre poche, vai in campo e cerchi di migliorare organizzazione e preparazione. Gli episodi devono darci ragione, ad oggi da quel punto di vista siamo in forte debito. Speriamo che questa volta giri dalla parte nostra. L’Ostiamare ha cambiato qualcosa, ma la conosciamo bene. Sappiamo dove loro possono essere pericolosi e dove noi possiamo fargli male.>>

Il Direttore Generale Napolitano ha voluto la conferma sulla panchina del Latina… <<Non mi deve mettere qualcuno in discussione, mi ci metto da solo. Chi non si mette in discussione non può fare l’allenatore. A Coverciano ti insegnano che l’allenatore è un uomo solo e con la valigia pronta. La società sa quello che sto facendo in questo periodo, perché è più documentata e ha elementi in più su di me. Essere in discussione può essere strumentale, chi lo fa oggi significa che non ha voglia di pensare.>>
Molto probabilmente domani Olivera non potrà scendere in campo per la mancanza del transfer: <<So che voleva rimanere nel Latina, ha avuto delle richieste di B che lo hanno allontanato. Dopo la partita di Cassino, anche vista l’espulsione di Cittadino, ho subito pensato di chiamarlo. Non deve essere in una grande condizione per giocare: a me basta che ci sia perché ha l’umiltà per trasmettere agli altri il positivo che è. Mi spiace non averlo domani, ma era impossibile. Ci vorrà il suo tempo, su Nelson e Angelov che si è fatto male, lì speravo un po’ prima, ma la burocrazia è questa.>>

Si parla dei singoli e la discussione cade su Belvisi e Tribuzzi: <<Belvisi fa ancora fatica ad entrare nel clima campionato. Ha un leggero infortunio che non lo rende disponibile domani, ma non avrebbe fatto parte dell’undici. Deve ritrovare sé stesso: ha tutte le potenzialità per fare il calciatore. Tribuzzi, invece, diventa fondamentale per Iadaresta. Ad Anzio è stato espulso, a Rieti siamo rimasti in 10 e non si è messo in luce. Piano piano si è spento, è giovane. Adesso ha ritrovato, al pari di altri compagni, una condizione fisica eccezionale. A Cassino si stava scaldando dopo un quarto d’ora, ha spaccato la partita. Domani è riproponibile, al di là dell’infortunio di Caputo. Comunque, Barone domani giocherà a destra.>>