”Uagliò, facimm caccos’e sord…”

Sarebbe dovuta essere una normale e tranquilla ”partitella” tra due squadre che stanno preparandosi al campionato ed invece l’amichevole tra Axed Latina e Lollo Caffé Napoli ha avuto un censurabile epilogo. Infatti, un durissimo contrasto ai danni di un giocatore pontino e la susseguente reazione, ha scatenato un parapiglia sedato dopo alcuni istanti e che ha indotto gli ospiti ad abbandonare il campo. In seguito entrambi i club hanno trasmesso un comunicato per fornire la propria versione dei fatti.
“In merito agli episodi odierni che hanno determinato la sospensione anticipata della gara tra Latina e Napoli C5, il nostro club – ha detto il Capo Ufficio Stampa della Lollo – ritiene doveroso stigmatizzare il comportamento del nostro tesserato autore di un fallo di reazione spropositato ai danni di un avversario. Al contempo, però, pur apprezzando l’atteggiamento distensivo da parte della dirigenza del Latina, sottolineiamo che il comportamento di alcuni tesserati locali è stato tutt’altro che corretto ed ha contribuito ad esacerbare gli animi a seguito di un contrasto di gioco occorso dopo soli sei minuti e che poteva essere certamente sedato senza l’accumulo di ulteriori tensioni. Un plauso al direttore di gara, che ha cercato di riportare ordine sul campo di gioco, trovandosi tuttavia costretto a porre fine anzitempo alla gara. L’episodio citato, a seguito di una trasferta che ha comportato oneri e costi, ci ha impedito di portare a termine un test probante in vista dell’ormai imminente avvio di campionato. Il club, pertanto, si riserva azioni a tutela della sua immagine e di quella del giocatore“.

In risposta al comunicato della Lollo Caffè Napoli Calcio a 5, a seguito dei fatti accaduti durante la partita amichevole di ieri che ha determinato l’interruzione della gara, il presidente La Starza precisa quanto segue: “Sono molto dispiaciuto per quello che è successo, non vorrei mai vedere in campo certe situazioni, i nostri rapporti con il Napoli spero non siano rovinati da quest’episodio. Non voglio sottovalutare l’accaduto, tanto che ci sono state delle riunioni tra ieri e oggi per valutare con tutto il direttivo le decisioni più opportune da prendere, di certo, quindi, non lasceremo correre la cosa. Mi preme però sottolineare, e con questo ribadisco non per giustificare certi atteggiamenti, che veniamo già da un episodio analogo successo la settimana precedente in cui un nostro giocatore Michele Raubo ha subito una violenza inaudita dal signor Botta che lo ha costretto ad un mese di stop. Ieri contro il Napoli è successa la stessa identica cosa con un fallo violento e gratuito che nulla ha a che vedere con lo sport. Pubblicheremo entrambi i video sulla nostra pagina per far riflettere tutti gli sportivi veri in modo tale da combattere certi interventi in campo che, oltre a poter provocare lesioni anche gravi ad un giocatore, possono poi scatenare reazioni sul campo e fuori incontrollabili.
Tengo a precisare in ultimo che tutta la dirigenza si è adoperata per sedare gli animi e che la decisione di non riprendere la partita è stata tutta del Napoli e non dell’arbitro. Noi abbiamo pregato il mister e i giocatori del Napoli a riprendere la gara perché credo che con un po’ di buon senso da entrambe le parti la gara sarebbe stata portata a termine con una stretta di mano finale. Rispetto la decisione del Napoli e mi auguro che episodi del genere non possano mai piu’ verificarsi nello sport in generale”. I signori sono signori.

Fonte – Video: LATINA CALCIO A 5 (www.facebook.com/pg/latinacalcioa5/community/?ref=page_internal)

Annunci

Colpo di mercato per la Top Volley Latina

L’OPPOSTO FRANCESE CORTEGGIANI ALLA TAIWAN EXCELLENCE

La Taiwan Excellence piazza un altro colpo di mercato. Arriva dalla Francia, fresco vincitore dello scudetto transalpino, Jordan Corteggiani. Opposto di 198 centimetri di altezza, è nato a Nogent sur Marne, cittadina alla periferia di Parigi, ventisei anni fa. La sua carriera pallavolistica inizia al Centro Nazionale di Volley (una sorta di nostro Club Italia) dove disputa tre stagione, si trasferisce nel 2012 al Montpellier, centro universitario anche federale, dove disputa un biennio nella lega professionistica. Nel 2014-15 si sposta a st. Briec dove vince il campionato d’elite e la coppa federale, per tornare nella PROAM con l’Ajaccio dove alza al cielo nel 2015-16 la Coppa di Francia; lo scorso anno era alla corte di Silvano Prandi nello Chaumont dove raggiunge la finale della Challenge Cup e vince lo scudetto.
Jordan Corteggiani: “Sono davvero felice di far parte di questa famosa squadra di Latina. Giocare in Italia è il sogno di un pallavolista, perché è il miglior campionato del mondo, quindi sono molto orgoglioso di questo. Poter giocare in una grande squadra, con atleti molto famosi, è una grande opportunità per migliorare il mio gioco e sono molto motivato nel poter aiutare la squadra, dare il massimo per il gruppo e per questo simbolico club. Cercherò al più presto di migliorare il mio italiano”.

Corteggiani

Fonte – foto: http://new.top-volley.it/in-evidenza/ingaggiato-lopposto-francese-corteggiani/

Fondi, esonerato Giuseppe Giannini

di Redazione Latinasport.info

Dopo Rizzo nel Lecce e Matrecano nella Paganese, nel girone meridionale della Serie C prosegue lo stillicidio di allenatori: il Racing Fondi ha infatti esonerato l’allenatore Giuseppe Giannini. Al posto del ”Principe” promosso il suo vice Antonello Mattei. Soluzione momentaneamente interna per provare a dare una scossa alla squadra che in classifica, finora, ha raggranellato solo un punto nelle prime quattro giornate di campionato.

Sabato prossimo, il Fondi sarà chiamata ad una gara difficile contro la Reggina che, dopo la vittoria nel derby col Catanzaro, il pareggio a Pagani e quello al Granillo con il temibile Matera, viaggia alla volta della capitale dell’agropontino per conquistare l’intera posta in palio.

La Terra: “Con la Lupa una sconfitta immeritata, ad Aprilia per il riscatto”

 

Bruschini stregato per l’Anzio, incapace di vincere nel proprio stadio dal 30 aprile scorso, quando il successo di misura contro la Vultur valse la matematica salvezza nel Girone H. Tre gli incontri casalinghi disputati in questa stagione dai ragazzi di Rughetti e tre le sconfitte rimediate anche se, quella contro la Lupa Roma, è la più difficile da digerire come sottolinea Giacomo La Terra, autore del gol da tre punti a San Teodoro nel turno precedente: “È stata una gara molto fisica, non particolarmente tecnica, nella quale abbiamo tenuto il pallino del gioco per ottanta minuti. Avremmo meritato di segnare almeno un altro gol mentre la Lupa Roma non ha mai tirato in porta fino al pareggio. Dispiace non aver raccolto nemmeno un punto alla fine, ma non c’è tempo per recriminare, bisogna guardare avanti”. Il futuro prossimo si chiama Aprilia, uno dei tanti derby in programma in questa stagione: “A prescindere dal fatto che sia un derby, dobbiamo andare al Quinto Ricci per fare la nostra partita e cercare di vincere, perché è uno scontro diretto e a noi occorrono punti”.
Fonte e Foto Matteo Ferri – Anzio Calcio

 

Latina, le parole di Mr. Chiappini: ‘’Per adesso i punti li dobbiamo fare in casa’’

LATINA CALCIO 1932 -  Conferenza Mister Chiappini -  FOTO: PAOLA LIBRALATO

Di Basilio Gaburin

Nel dopo partita di Cassino-Latina, Andrea Chiappini, ha fatto una serena disamina dell’incontro perso con il Cassino: ‘’Siamo stati poco furbi: nonostante l’uomo in più, non siamo riusciti non solo ad essere incisivi ma a giocare. Basti dire che nell’ultima mezzora abbiamo giocato solo otto minuti. Belvisi? Non è riuscito ancora ad entrare nel vivo del campionato.’’

Alla domanda circa il fatto che il Latina non s’è ancora calato nel cuore della categoria, il trainer nerazzurro si è espresso con la solita tiritera: ‘Abbiamo dei giocatori chiamati a fare la differenza ma che, per struttura fisica e ritardo di condizione, non sono al livello che gli appartiene. La squadra è stata fatta in pochi giorni, mi prendo io le responsabilità. Abbiamo finito gli acquisti dopo il 20 agosto, dobbiamo amalgamarci e dobbiamo cercare di partire meno lenti soprattutto in avanti. Sono fiducioso perché tra pochi giorni avremo due rinforzi in difesa. Poi sarà un’altra storia e diventeremo competitivi. Per il momento i punti li dobbiamo fare in casa, fuori casa facciamo una fatica enorme’’.

Fa piacere, quindi, l’assunzione totale della responsabilità di un Chiappini che, consapevole della scarsa levatura del suo undici, ammette (ma soprattutto spera) di fare i punti che servirebbero per salvare la categoria almeno tra le mura amiche. D’altronde, cosa volete che dica una persona che deve cantare e nello stesso tempo portare la croce? Cosa vorreste che dimostri un uomo di sport che – non sappiamo se astutamente o meno – spiattella la verità in faccia? Chiappini, purtroppo non può farci niente e non può inventarsi null’altro: questi sono i protagonisti che determinano la situazione. E se è vero com’è vero che la squadra è stata rabberciata in fretta e furia e molti elementi sono scesi in campo senza preparazione e senza allenamenti è parimenti sacrosanto che il Manager nerazzurro abbia sposato a prescindere e a scatola chiusa la causa con molte, anzi troppe incognite che stanno trasformandosi in realtà disastrose.

Il Cassino del D.S. Patini, nella fattispecie, non è uno squadrone ma ha dimostrato di essere molto più squadra a cospetto di un Latina apparso non all’altezza della contesa. Così come esattamente una settimana fa, beatificavamo la dea bendata per i tre punti letteralmente piovuti dal cielo contro un modestissimo Budoni. E in quella prima, il Rieti ha letteralmente passeggiato sui resti di una compagine imbarazzata e imbarazzante. Le prime tre uscite stagionali hanno quindi dimostrato che senza programmazione, senza studio e senza progetti ogni tipo di ‘’salvamento’’ è fine a sé stesso. Chiappini spera, tra l’altro, di avere presto in squadra Angelov e Nelson che, dall’alto della loro esperienza, possano diventare i salvatori della patria e registrare una difesa che fa acqua da tutte le parti.

In tutto questo, però, bisogna esaltare il portiere Andrea Bartolameotti che sta facendo la parte del leone nonostante abbia dovuto già raccogliere 9 palloni finiti in fondo al sacco. Il ragazzo, infatti, è riuscito ad evitare tra Rieti, Budoni e Cassino la bellezza di altrettante reti.