Ed ora la Vibonese dovrà essere riammessa in C con due mesi di ritardo

Abbiamo voluto incorniciare la vergogna delle vergogne. E non è solo un caso che si perpretano a pié talmente spinto che tali dabbaggini passino quasi inosservati. Oggi è stato stato discusso il ricorso della Vibonese avverso la declaratoria di inammissibilità del precedente ricorso proposto ex artt. 30 e 32 CGS nei confronti del Messina. In sintesi il comunicato della Corte Federale d’Appello a Sezione Unite, recita che  “in accoglimento del ricorso come sopra proposto dalla società Vibonese Calcio S.r.l. di Vibo Valentia (VV), ha disposto il posizionamento della società A.C.R. Messina all’ultimo posto in classifica del Campionato di Lega Pro, Girone C, nella Stagione Sportiva 2016/2017″. Cosa succederà ora è facile prevederlo, con la Vibonese che dovrà essere riammessa al campionato, con conseguenza di caos  nelle giornate di campionato, visto che probabilmente si può immaginare che sparisca il turno di riposo ora previsto, ma che la Società calabrese possa chiedere il rinvio delle prime giornate. Quello che è certo è l’ennesima figuraccia per i vertici della Lega che hanno ”deliberatamente coperto” i problemi finanziari del Messina, portandolo fino alla salvezza ottenuta sul campo in cui non aveva titolo a giocare. Adesso le cose si complicano maledettamente perché Serie C e Serie D avranno delle ripercussioni con la composizione dei gironi così come avevamo spiegato qualche giorno fa.

Annunci