Benedetto Mancini all’assalto del Taranto

Benedetto Mancini all’assalto del Taranto

 

 

Benedetto Mancini non demorde. Dopo Latina e Catanzaro, eccolo pronto con le carte in mano per tentare il colpo del secolo. Questa volta si tratta di roba grossa. Stiamo parlando del Taranto, squadra di calcio che, da dieci anni a questa parte, non riesce ad avere più pace. Dopo essere stato ripescato in Lega Pro dalla serie D – grazie al secondo posto ottenuto nell’unico anno di serenità – nello scorso campionato è arrivato ultimo in Lega Pro ritornando negli inferi del dilettantismo. E con un fallimento in atto può anche darsi che non riesca a mettere insieme una squadra all’altezza del proprio blasone.

In questo momento al capezzale della gloriosa società sembra esserci solo una persona, ossia quel Benedetto Mancini che a Latina non è riuscito ad esprimere al meglio le sue potenzialità manageriali. ‘’In tre o quattro anni riporto il Taranto in Serie B ossia nella categoria che più le compete’’ avrebbe promesso al popolo rossoblu. Più o meno le stesse parole pronunciate a Latina. Con la differenza che mentre nella città pontina parlava di serie A, di cittadella dello Sport e della Champions League, in riva allo Jonio si è tenuto basso, memore – magari – dell’esperienza precedente.

Sebbene abbia formulato la manifestazione d’interesse per rilevare quel che resta del Taranto ed abbia le carte in regola e nonostante abbia (soprattutto) l’Euro in tasca, il Sindaco si ostina a non dargli ascolto.

Proprio per questo motivo ha fatto redigere dai suoi avvocati una dura nota di protesta dove si legge: ‘’Con estremo rammarico mi accingo a scrivere questo comunicato per spiegare in poche parole, l’atteggiamento incomprensibile di chi, ad oggi, ha in mano le sorti del Taranto calcio. Nei termini stabiliti e rispettando le richieste, avevo formulato una manifestazione d’interesse per l’acquisizione del Taranto calcio. Ad oggi i miei legali, non hanno avuto alcuna formale risposta. Credevo e credo fortemente in questo progetto sportivo, e nella città di Taranto. Ritengo ci siano tutti i presupposti per dar vita ad un ciclo, che in tre, quattro anni porti il Taranto in serie B, categoria idonea per ciò che la città rappresenta nel panorama italiano. Non avendo avuto alcun riscontro, faccio appello a tutte le istituzioni, ai tifosi, ai mezzi stampa, affinché il mio interesse ad acquistare il Taranto calcio, diventi realtà“.

Con il mio gruppo di lavoro siamo pronti a chiudere la trattativa anche nei prossimi giorni – continua il comunicato – Siamo disposti a valutare la somma debitoria pregressa e prendere in carico la gestione attuale. Convinto in un immediato riscontro, invio un caloroso abbraccio a tutta la città ed ai suoi meravigliosi tifosi, nella speranza di incontrarli allo Iacovone per festeggiare i futuri successi insieme.”

In fede,
Benedetto Mancini”.

 

 

Annunci