Latina, il più è fatto

Che la burocrazia sia fastidiosa, opprimente, lenta, labirintica, imperscrutabile, insomma cattiva e perfino dannosa, è un’affermazione che non ha bisogno di troppe spiegazioni. Chi non ha mai “sbattuto nel muro” perché una amministrazione ottusa opponeva alle sue legittime richieste? Che la burocrazia sia buona, utile, produttiva è molto meno evidente. Anzi, non se parla neppure. Ed è, appunto, per colpa di cavilli burocratici che non si è svolto nella giornata di ieri il tanto auspicato ”Consiglio d’Amministrazione” che, nelle intenzioni, avrebbe dovuto modellare l’organigramma del ”Latina 1932”. Ma tant’è. E quindi sarà procrastinato di qualche giorno benché la neonata Associazione Sportiva Dilettantistica avrebbe tutte le carte in regola per poter dare il ”la” alla sua regolare attività calcistica. Infatti, nella giornata odierna è prevista l’affiliazione alla Federazione Gioco Calcio che ottempererà ad assegnare un numero di matricola all’affiliata Latina 1932. Nei prossimi giorni si provvederà alla regolare iscrizione al massimo torneo dilettantistico passando per il vaglio della Co.Vi.So.D con tutti gli annessi ed i connessi del caso. C’è una data da rispettare: il 3 agosto come data improcrastinabile. Il costo dell’operazione – come abbiamo anticipato nel corso di queste interminabili settimane – si aggira sui 200mila euro. Ma non è finita. Anzi cominciano proprio in quel preciso momento le spese della nuova società che deve scovare lo staff tecnico e sanitario nonché 50 giovani che siano capaci di dare un calcio ad un pallone, che corrano da matti su e giù per circa 115 metri quadrati di manto erboso e sappiano dare un seguito all’entusiasmo (per la verità sopito dalle preoccupazioni e dai timori della piazza) che si è respirata dopo la notizia della rinascita calcistica del Latina. Ribadiamo che dovranno essere almeno 50 perché le società di Serie D hanno l’obbligo di varare almeno due formazioni: una per la prima squadra e l’altra relativa alla rappresentativa Juniores. A proposito di staff tecnico, questa mattina alcuni giornali locali hanno dato notizia che potrebbe essere Pasquale Luiso – ex tecnico del Vicenza Primavera ed ex ”asfaltatore” dei portieri quando di professione faceva l’attaccante – il nuovo allenatore dei nerazzurri. Per il momento è tutto campato in aria. Così come sono solamente voci quelle che si susseguono a proposito dello staff dirigenziale che pare sia costituito da Nando Leonardi e Pino Selvaggio nelle vesti di Presidente e Vice Presidente e poi dai soci Napolitano, Cavaricci, Fierro e Morazzano che avranno uno specifico compito all’interno della società. Chi vivrà vedrà ma il più è fatto.

received_1499116013432474.jpeg

 

Annunci