Fondi – Nonostante tutto si riprende con Pezone Presidente

 

 

L’idea dell’Azionariato Popolare non è stato un flop. Tutt’altro. Non come a Latina.


Dopo le peripezie vissute dal Fondi Calcio a seguito del possibile passaggio del titolo sportivo a Latina, comincia a rischiararsi il cielo sulla capitale dell’Agropontino. Oramai tutta l’Italia sportiva – grazie a Calciomercatolive e Latinasport – conosce la diatriba che aveva portato nubi piene di guai e tantissimo scetticismo sul cielo fondano. Successivamente all’intervento del Presidente della FIGC Tavecchio e del Presidente della Lega Pro Gravina, quelle nuvole si sono spostate sul cielo del capoluogo pontino laddove, fino a qualche mese addietro, se la vedeva con gli squadroni di serie B e che oggi, invece, può portare alla definitiva sparizione del ‘’leone alato’’ dalla scena calcistica dopo ben 11 anni di successi alternati a grossi bocconi amari.

 

La notizia che giunge in queste ore da Fondi e che potrebbe – conseguentemente – regalare un “lieto fine” a tutta la vicenda per i rossoblu, è quella di un incontro informale avvenuto tra una parte della dirigenza del Racing ed una parte di esponenti fondani vicini alla dirigenza rossoblu. Da quello che è trapelato, sono state gettate le basi per un proseguo del cammino insieme che metta, in primis, come unione di intenti, il bene del Fondi Calcio. Voci di corridoio parlano anche di una sorta di mano tesa alla tifoseria rossoblu, troppo delusa ed amareggiata da tutte le ultime vicende societarie, da parte del presidente Antonio Pezone. Nei prossimi giorni dovrebbe esserci una riunione tra il presidente della Racing ed il sindaco di Fondi, Salvatore De Meo per ripristinare definitivamente un rapporto che sia di cooperazione e di sostegno da ambo le parti a seguito della quale sarà indetta una conferenza stampa in cui si farà chiarezza su tutto ciò che è stato e sugli obiettivi della stagione. Intanto la prima squadra, resa ancora più competitiva dall’arrivo del ‘’maltese’’  Mario Fontanella (l’abbiamo data in esclusiva dalle pagine di Latinasport e Calciomercatolive) continua ad allenarsi nel ritiro di Chianciano Terme agli ordini del tecnico Giuseppe Giannini per farsi trovare pronta sui nastri di partenza del prossimo campionato e, prima ancora, della Coppa Italia.

 

Resta da vedere come si comporterà la tifoseria rossoblu. Nella giornata di domenica, c’è stato un rendez-vous popolare – nato come una sorta di tam tam sui canali social – e che ha visto una cinquantina di tifosi tentare di costituire una colletta popolare che facesse da preludio a quello che in gergo si chiama ‘’azionariato popolare’’ volto a rilevare le quote del Fondi Calcio attualmente in mano al presidente del Racing Roma, Antonio Pezone. Per ragioni burocratiche, tutto ciò non è ovviamente possibile considerando che anche le norme vigenti non lo prevedono in tale contensto e in questa situazione. Nonostante ciò, questa sorta di ‘’assemblea popolare’’ non è stato un flop, tutt’altro. Quello che ha destato sicuramente più clamore e che da tanti è stato apprezzato e riconosciuto, è stata la ritrovata “fondanità” di tante persone che si sono mosse sia fisicamente sia via social che fisicamente.

 

In parole povere, i tifosi del Fondi non si sono comportati come i latinensi allorquando la testata giornalistica ‘’www.latinasport.info’’ aveva aperto una sottoscrizione volta alla ‘’fan ownership’’ per salvare il Latina Calcio dalla catastrofe. Il latinense non solo l’ha snobbata, ma ha addirittura schernito chi, come noi, avevano previsto la scomparsa del Latina Calcio da lì a breve tempo. Il ‘’tifoso da tastiera del Latina’’ ha preferito scrivere interminabilmente ‘’#salviamoillatina’’ senza però scomodarsi più di tanto allo scopo di chiedersi perché s’era indetto un’iniziativa così ‘’corposa’’. O forse non riuscendo a comprendere che le cose erano talmente gravi da far precipitare la situazione nel breve volgere di qualche giorno. Cosa che è puntualmente avvenuta. Amen.

immagine1

 

 

Annunci