Tavecchio, se ha firmato batta un colpo!

Silenzio o voci sibilate a denti strettissimi. A Latina, da sabato pomeriggio, non si parla più di calcio se non per i cinesi-milanisti che stanno facendo razzia, per il possibile rinnovo di Keita alla Lazio, del prolungamento di Conte, di Cassano che fa le sue solite Cassanate e di Scick che la Juve ha rimandato al mittente dopo le visite mediche.

E’ vero: il silenzio è d’oro ma il troppo silenzio è ridondante. Dopo il secondo incontro avvenuto tra il possibile (e futuribile) Presidente del Latina ed i Gruppi organizzati del tifo nerazzurro presso l’attrezzatissimo centro sportivo di San Lorenzo, sull’argomento è sceso un silenzio di tomba che preoccupa benché crediamo non si debba esagerare. Infatti, c’è chi giura che, nella giornata di venerdì scorso, il Presidente Tavecchio avrebbe firmato il dispositivo di autorizzazione del trasloco del titolo sportivo da Fondi a Latina. Chi ha visto il dispositivo di autorizzazione alzi la mano, per favore.

Nel primo incontro tra Pezone ed i rappresentanti del tifo c’era stata una rottura insanabile tanto da far saltare il tavolo della concertazione. Nel summit avvenuto il giorno dopo – Sabato 15 luglio – la dirigenza del Racing è, invece, andata incontro alle richieste della tifoseria dichiarando che tenterà di acquisire il nome di Latina Calcio e, nel contempo, di recuperare il vecchio stemma oppure a crearne uno che rispecchi quanto più possibile le richieste dei tifosi.

Nel comunicato diramato dai gruppi organizzati, c’è il passaggio finale che suscita più di qualche preoccupazione: ”Speriamo che a tutte queste parole seguiranno fatti concreti e che sia messo nero su bianco. Vogliamo che ci sia data l’opportunità di poter avere una squadra che ci rappresenti, che sposi le tradizioni e la storia calcistica della città e se così non sarà non ci faremo problemi a stare a casa…a difesa della nostra dignità”. Ma tutto ciò significa per caso che nonostante una stretta di mano tra gentiluomini c’è ancora troppa distanza tra domanda e offerta? A noi, però, interessa piuttosto sapere se ”realmente” è stata firmata questa benedetta autorizzazione: non vorremmo che Antonio Pezone, universalmente conosciuta quale persona onorevole e seria, possa cambiare idea. Una volta ancora. Alias: Presidente Tavecchio se ha firmato batta un colpo!

 

 

 

 

 

 

 

Annunci