Racing Fondi o Racing Latina?

Molte sono le novita’ venute fuori in questi giorni dopo che i colleghi di Sportpontino.it hanno redatto un articolo datato 6 Luglio in cui preannunciavano la morte del calcio a Fondi. A quanto pare, invece,  il tutto potrebbe essere smentito dai fatti e dalle normative federali.

Ma facciamo un po di ordine. L’accordo verbale tra il sindaco Coletta e Patron Pezone e’ rimasto tale visto che lo stesso primo cittadino di Latina, in un incontro con i tifosi latinensi, ha parlato di una “possibilità”  di creare calcio a Latina. Nel contempo, sembra ce ne siano altre in ballo per un Latina Calcio che potrebbe nascere nel campionato di Serie D. Ad ogni modo, la naturale scadenza da rispettare e’ il prossimo 12 Luglio, ultima data utile per l’iscrizione al campionato.

Detto questo e stanti le cose – scrive il collega di Sportpontino – possiamo tranquillamente affermare che il Fondi Calcio è regolarmente iscritto al campionato di serie C con sede sociale a Fondi con campo ufficiale il “Domenico Purificato”.

Nel contempo – continua – le voci circolate nei giorni scorsi sul trasferimento del titolo sportivo a Latina si sarebbero verosimilmente  bloccate per una serie di norme federali che proibiscono di spostare il titolo sportivo nell’anno in corso da una citta’ all’altra.

In tutto questo, Antonio Pezone, il Presidente del Fondi Calcio che probabilmente diventerà FC Racing Fondi, ha sempre smentito categoricamente questo trasferimento dal Purificato al Francioni ed ha smentito (sempre categoricamente) di volersi trasferire a Latina per abbracciare la causa portata avanti dal Sindaco Coletta. Mentre il Sindaco di Latina ha più volte dichiarato di aver avuto pressanti richieste circa l’uso dello stadio Francioni da parte dello stesso presidente Pezone. Quale sia la verità non la sapremo mai.  Resta il fatto che durante quelle frenetiche fasi, mentre le voci si rincorrevano aritmo forsennato e incontrallato, sarebbe risultato opportuno indire una regolare conferenza stampa per smentire il tutto oppure per confermare il tutto.

In queste ore è Nicola Ciarlone che, tramite un articolo uscito sulla testata locale ”Latina Oggi”,  cerca di fare un po’ di chiarezza anche se, pure questi ultimi, intende attendere gli eventi che possano venir fuori in questi giorni. Nell’articolo menzionato – proseguono su Sportpontino.it –  pure Ciarlone riferisce che Pezone lo ha rassicurato che non intende andar via da Fondi. Ci sarebbero addirittura delle dichiarazioni rilasciate agli organi di stampa in cui si paventano contatti anche con il Sindaco De Meo per organizzare la presentazione ufficiale della squadra presso il castello baronale. Da qui – si domandano a Sportpontino – quali sarebbero le vere motivazioni che hanno spinto Coletta a dire certe cose ai tifosi del Latina?

La maggiore preoccupazione di Ciarlone è (comunque) quella di tutelare non tanto la prima squadra quanto le compagini giovanili che tanto bene hanno fatto la scorsa stagione con il marchio l’Unicusano e che rimangono un patrimonio del territorio sudpontino. Peccato per questa mancanza sia di sicurezza che – soprattutto – di chiarezza intorno alla vicenda che ha dell’inverosimile.

In questi giorni – conclude il collega di sportpontino.it – si leggono nomi di giocatori in predicato di passare al Racing Fondi. Va da sè che l’interesse del tifoso fondano è assolutamente scemato e verosimilmente non ci sarà più visto il rischio che la squadra  possa giocare lontano dal Purificato e che, quindi, non sia più un bene di Fondi.

Aspettiamoci doverosi aggiornamenti nei prossimi giorni.

received_10208060166516841.jpeg

wp-1481114153126.jpg

F.G.P.

Fonte: http://www.sportpontino.com?p=62860

Annunci

L’editoriale di Salvatore Condemi

L’editoriale di Salvatore Condemi

L’editoriale di Calciomercatolive.net

Facciamo il punto della situazione in casa amaranto

 

Vediamo brevemente come si sta comportando sul mercato la Reggina targata Basile-Maurizi. Oggiano è rientrato dal prestito al Lumezzane ma, a quanto è dato sapre, non rientrerebbe nei piani e nei programmi societari; Bianchimanonon ha prolungato con il Milan preferendo la società di Via Petrara che adesso detiene per intero il suo cartellino. Stessa cosa succede per Sciamanna che arriva in via definitiva dalla Correggese. Per ultimo di tempo, è giunto Gatti in prestito dall’Atalanta.

Bianchimano è voluto rimanere a Reggio Calabria. Si spera nei suoi gol.

Giustamente i soli Licastro, Maesano, De Francesco e Porcino unitamente a quelli arrivati in questi ultimi giorni non posson bastare per condurre in porto un campionato all’altezza delle aspettative benché bisogna pur vedere cosa vorrebbero ‘’fare da grandi’’ coloro che risultano in scadenza di contratto con la società di Mimmo Praticò. La rosa, caso mai, dev’essere impolpata ed impreziosita con elementi validi e d’esperienza.

Alan Matropietro, 22 anni, proveniente dalla Lupa Roma. Per lui sei reti in due campionati

E’ vero che Basile sta trattando i portieri Cucchietti e Iannarilli ma è pur vero che sono entrambi giovanissimi e senza alcuna esperienza pratica tra i professionisti. Stessa cosa vale per i difensori Auriletto, Solerio e Di Filippo per non parlare dei centrocampisti Ranelli, Kouakou, Di Livio, Luperini, Baldassin  e degli attaccanti in erba Mastropietro, Galuppini e Serra.

Le contemporanee uscite dei vari Sala (ritornato a Terni per fine prestito), Knudsen, Romanò e Tommasone (rispediti all’Inter dopo il prestito annuale), Tripicchio (che spera di ritagliarsi uno spazietto del Crotone in A), Lo (ridato al Milan per fine prestito ma soprattutto perché è tutto rotto), Lancia (che va alla Sampdoria per fine prestito), Mazzone(che avrà qualche chances al Pescara, dopo essersi fatto le ossa in Lega Pro), Leonetti(dopo questa esperienza rientra a Lumezzane senza alcuna lode e senza lode), Carpentieri(che si è svincolato) non fa certamente dormire sonni tranquilli alla straripante moltitudine di tifosi amaranto che sperano si possano trattenere elementi come Bangu (che aspetta da Firenze una chiamata dalla serie B) e quel De Vito (che rientra a Monopoli con le lacrime agli occhi).

Il D.S. Basile ha già fissato l’obiettivo: “Squadra più giovane di quella dell’anno scorso”

Finora Salvatore Basile, ‘’sgamato’’ D.S. chiamato da Mimmo Praticò a sostituire quella vecchia volpe che ha un nome ed un cognome abbastanza ingombranti (Gabriele Martino) siamo sicuri stia facendo il suo lavoro nel migliore dei modi, ma svolgendo un’attenta analisi (la presente), abbiamo l’onere e la pretesa di chiedere un maggiore sforzo da parte sua andando a ‘’sfriculiare’’nel sotterraneo mercato degli svincolati con un maggiore bagaglio d’esperienza, i quali, pur di giocare non hanno grandi rivendicazioni economiche da porre sul tavolo delle trattative. La squadra finora allestita, infatti, ci sembra abbastanza rabberciata ed incompleta sia dal punto di vista numerico che da quello dell’esperienza. Urge quindi una svolta che rimetta sulla giusta ‘’rotta’’ la nave che rappresenta il calcio a Reggio Calabria. C’è ancora tempo. Ma soprattutto confidiamo su Mimmo Praticò, crediamo nel progetto di Agenore Maurizi e siamo sicuri della bontà del lavoro di Salvatore Basile. Nonostante ciò, non vorremmo neppure pensare che i tifosi amaranto possano continuare ai trascorrere ogni santa domenica col patema d’animo. Non se lo meritano.

 

Salvatore Condemi per:

http://www.regginaunicoamore.com

http://www.calciomercatolive.net

http://www.latinasport.info

istituzionale-def-1.jpg.jpg

LORENZO VASCO PREFERISCE FONDI

LORENZO VASCO PREFERISCE FONDI

di Salvatore Condemi per http://www.calciomercatolive.net

Vasco preferisce Fondi, Di Livio Reggio Calabria

Fumata completamente nera per l’affare che avrebbe portato Lorenzo Vasco a vestire la gloriosa casacca della Reggina. Seguito per almeno una settimana dalla società amaranto, l’ex capitano della selezione Primavera della Roma che detiene il suo cartellino – con sporadiche apparizione tra Andria e SudTirol– avrebbe rifiutato la destinazione Reggio Calabria, preferendo il Racing Fondi, società di Antonio Pezone nata dalla fusione dal Fondi e la Racing Roma che, verosimilmente – e stando a quanto sostenuto dal Sindaco di Latina, Dottor Damiano Coletta – da qui a breve cambierà la sua ragione sociale in Racing Latina con l’intento di far ritornare il calcio a Latina dopo il fallimento della società della città pontina. Trattativa sfumata, dunque ed i tifosi amaranto emettono un sospiro di sollievo vista l’età e la manifesta inesperienza del ragazzo.

Intanto, la società amaranto sarebbe sul punto di chiudere per un altro Lorenzo. Questa volta si tratta del figlio di Di Livio, ex campione di Juve e Fiorentina che arriverebbe in riva allo Stretto dalla Roma con la formula del prestito dopo la proficua esperienza nelle fila della Ternana. Il regista e trequartista – chi lo ha visto giocare ha rivisto il mitico Ciccio Cozza – ha alle spalle una presenza in A e ben sette in serie B.

istituzionale-def-1.jpg.jpg