Sta nascendo la Reggina. Lasciamo lavorare Agenore Maurizi.

images-4.jpg.jpg

di Salvatore Condemi per http://www.latinasport.info

Si sta sempre più delineando la Reggina 2017/18 targata Maurizi-Basile. E’ di oggi la notizia del possibile arrivo di un giovane esterno che può giocare indifferentemente sia a destra che a sinistra. Proveniente dalla Primavera della Lazio, il 19enne Daniel Bezziccheri, sarebbe alla sua prima esperienza professionistica.

Dopo l’arrivo del portierino ‘’Cucchietti’’, dell’attaccante Sciamanna, dei difensori Gatti e Auriletto, del centrocampista Laezza, della riconferma di Bianchimano, nonché dei possibili arrivi riferiti ai vari Di Livio, Mazzocchi, Armeno e Luperini, si ha una prima inquadratura della squadra che andrà a dar battaglia sui campi di un ‘’girone infernale’’ quale può essere quello meridionale che, a buona ragione, si può chiamare ‘’B2’’ senza che ci si mozzichi la lingua.

Giovane, sbarazzina, veloce, umile ma inesperta e leggerina: questa è l’impressione momentanea che suscita il cantiere aperto amaranto, Risulta però innegabile pensare che il D.G. Basile stia concretamente tentando di consegnare a Mister Maurizi quanti più Under possibili per poi andare alla ricerca di profili Over quanto più consoni al credo calcistico del trainer di Colleferro. Maurizi vorrà duttilità, impegno, corsa, polmoni, rigore tattico e tanto altro ancora. Chi viene dal mondo del Calcio a 5 sa cosa si intenda per impegno e sudore, per non parlare della disposizione in campo che dev’essere perfetta onde evitare di rompere i delicati equilibri in campo. Agenore Maurizi non è uno stupido. Maurizi è il miglior allenatore di Calcio a 5 in circolazione. Ed al Latina si era pensato a lui per sostituire Basile, stando a qualche indiscrezione. Stiamo parlando del Futsal d’élite, mica bruscolini. Sono due discipline diverse – per carità – ma se il sanguigno Agenore metterà la sua grinta e la sua fame di dimostrare la sua bravura, condurrà un ottimo campionato. Capozzi, un mito del Futsal latinense lo considera ‘’un innovatore senza pari’’. Anche Graziano Marracino ha avuto parole di elogio: ‘’Bravo, bravissimo, uno dei pochi che sa dare del tu al movimento futsal’’. Addirittura Cundari si è espresso in modo lusinghiero: ‘’Ha fatto sempre bene nel calcio a 5, saprà fare benissimo anche a Reggio Calabria’’. Come si evince da queste testimonianze, non è da scartare a priori per i suoi turbolenti trascorsi. Ci stiamo riferendo ai suoi esoneri: tanti, tantissimi. Chissà poi perché? Che sia una questione di tempo? Che sia questione di modulo? Che sia questione caratteriale? Probabilmente saranno state le tre cose messe insieme. Come per ogni cosa bisogna dare tempo al tempo. Lui applica un metodo di gioco ‘’copiato’’ dal mondo futsal per cui, come per ogni cambiamento, necessita di tempo affinché i calciatori lo assimilino. Lasciamolo lavorare.

istituzionale-def-1.jpg.jpg

 

 

 

 

Annunci