REGGINA, CI SIAMO PERSI QUALCOSA?

Tempo di mercato. Il più delle volte questo periodo magico oppure paranoico – a seconda da come vanno le cose – offre opportunità che vanno colte al volo. Una di queste chance potrebbe essere rappresentata da Marco De Vito, uno dei tanti protagonisti dell’ultima salvezza della Reggina. Se non è stata un’impresa poco ci è mancata. Arrivato a gennaio in prestito dal Monopoli, il centrale di Soverato è stato inserito da Zeman nella nuova difesa a tre e, da allora, gli amaranto hanno blindato una retroguardia altrimenti ballerina.

L’agente di Marco, il fratello Giovanni De Vito, ha parlato ai microfoni di TuttoReggina.com per una possibile conferma del suo assistito: “Marco ha un feeling particolare con la piazza di Reggio, in pochi mesi si è creato un legame importante. Anche con la dirigenza c’è una stima reciproca, in primis con il presidente Praticò che è una persona davvero straordinaria. Ho saputo che c’è stato un cambio in dirigenza, con il direttore Martino che è stato rilevato da Salvatore Basile. Ammetto che con il dg Martino c’era stato qualche discorso preliminare per confermare Marco, soprattutto perché Marco ha spinto per la conferma in maglia amaranto e noi abbiamo dato la massima disponibilità per la conferma”.

Ma il telefono da Reggio non ha mai squillato: “Non è arrivata la chiamata del nuovo direttore e questo mi ha lasciato profondamente amareggiato: la nostra volontà era da tempo nota. Siamo però già a metà giugno e oramai dobbiamo guardarci intorno, perché evidentemente i progetti su Marco sono altri”.

  

    

Si chiude con la commovente lettera aperta ai tifosi amaranto, l’avventura alla Reggina di Claudio Coralli. Il 34enne attaccante nato in Toscana, è stato l’uomo simbolo della salvezza in Lega Pro della squadra dello Stretto.

Sin dal suo arrivo in Calabria, Coralli è stato subito nominato capitano e il suo carisma e il suo peso specifico è stato essenziale per cementificare un gruppo, certamente  caratterizzato dal legame tra i reggini del gruppo, Porcino, Cucinotti su tutti. Coralli che si è subito affezionato a Reggio Calabria, dalla maggior parte del tifo amaranto ricambiato, ma che ha risposto sul campo alle attese della società e dei supporters.

Dodici gol, cinque assist, tanto lavoro per la squadra, anche a dispetto di una condizione fisica non proprio al top (causa vari infortuni e problematiche fisiche). Coralli ha certamente onorato la casacca amaranto, ha dato e ha avuto molto affetto: le strade si separano, ma il bel ricordo resta! 


Fonte: TuttoReggina.com 

Ora, non vogliamo certamente insegnare nulla a nessuno ma ci permettiamo di dissentire su alcune scelte operate dal Presidente Praticò. De Vito e Coralli, Kosnic e Bangu, Botta e Porcino – per fare esempi semplicissimi – sono stati autentici eroi che meritavano la riconferma in una squadra oramai coesa. Maurizi ha un suo credo mentre Praticò deve friggere il pesce e stare attento al gattone. Ci aspetta per caso un altro anno di sofferenza? È una domanda che ci poniamo dopo aver sbirciato sulla Pagina Facebook del tecnico di Colleferro. La parola ”salvezza” ci ha alquanto irretito. Eravamo rimasti alle ambizioni con l’occhio rivolto al bilancio. Ci siamo persi qualcosa in questi ultimi quattro giorni?

Questo il messaggio che Capitan ”Cobra” Coralli ci ha voluto lasciare. 

”Queste sono le mie ultime parole che potrò scrivere X Voi Reggini, mi avete regalato tanto, mi avete fatto sentire subito a casa mia, e voglio farvi una confidenza che fino ad ora ho fatto solo a poche persone, il 18 agosto 2016 sono sceso dall’aereo x venire a far parte di questa meravigliosa squadra e adesso ve lo posso dire che ho pianto, come mi sto commuovendo x scrivere queste due righe, dire addio a questa società x me è molto difficile, è stato un anno fantastico ricco di emozioni, ho conosciuto persone fantastiche, voglio ringraziare x primo il direttore GABRIELE MARTiNO, la famiglia PRATICO’ che hanno creduto in me, io ho onorato questa maglia come fosse parte di me, me la sono sentita addosso come fosse una mia “seconda pelle”! non c’è cosa più sincera dello sguardo del CAPITANO che guarda la CURVA SUD, ogni volta che vi guardavo il cuore mi batteva forte perché essere il Vostro CAPITANO è stata una cosa che mi porterò x sempre con me, mi avete regalato emozioni fortissime, mentre salivo le scale x entrare in campo la mia emozione si faceva sempre più forte, venire ad esultare sotto a VOI è un ricordo che mi fa scendere le lacrime perché vorrei ancora poterlo fare, ma invece rimane solo una fantastico Sogno… quindi non mi rimane altro che chiudere gli occhi e ricordare, ricordare tutti VOI…! ed è proprio vero che chi viene al sud piange due volte quando arriva e quando parte❤️! x sempre il vostro capitano coralli9”

VISITA PALINURO E LE SUE GROTTE. 

Gite in barca, della durata di circa 2 ore, lungo il promontorio di Capo Palinuro, adatte a tutti, e comprendenti la visita alla Grotta Azzurra e una sosta bagno.

Telefona al numero di Latinasport.info per saperne di più 

Annunci