AUGURI DA UN ”FRATELLO REGGINO”

Carissimi fratelli di Latina, sono le ore 06:34 di giovedi 25 maggio 2017. Ho letto da poco la notizia secondo la quale è andata deserta l’asta per salvare il calcio a Latina. Capisco la vostra amarezza perché noi reggini abbiamo provato gli stessi sentimenti due anni fa, quando la società presieduta da Lillo Foti non si è iscritta in Lega Pro per mancanza di fondi, pur avendo vinto i play out con il Messina. Noi, fortunatamente, abbiamo trovato un mix tra imprenditori e professionisti di Reggio che hanno messo le mani in tasca e sono partiti dalla Lega Nazionale Dilettanti, conquistando – se non ricordo male – il quarto posto con allenatore la bandiera amaranto, Ciccio Cozza, lo stesso che quest’anno ha portato la Sicula Leonzio in Lega Pro. Anche noi abbiamo affrontato squadre contro le quali, in altri tempi ,avremmo mandato a giocare i pulcini, ma…tutti i mali non vengono per nuocere. La regular season dell’anno calcistico da poco concluso, ci ha visti ripescati in Lega Pro, ed una salvezza messa in dubbio fino all’arrivo della primavera meteorologica. Grazie alla fiducia accordata alla nuova Società da alcuni grandi club (Inter,Milan,Fiorentina) abbiamo avuto dei prestiti importanti per formare la squadra.

Vi ho, in sintesi, tracciato un esperienza che potreste fare anche vostra. Spero che anche il calcio a Latina possa, pian pianino, riemergere dalle macerie e per fare ciò, aspettatevi tante polemiche o bisticci alla ricerca di qualunque “capro espiatorio”. Tenete duro: meno polemiche ci sono e meglio è. Da noi si erano formate due cordate che con l’intervento dell’amministrazione comunale si è tutto appianato. AUGURI DA UN FRATELLO REGGINO.

Firmato: Franco Cleopadre

L'immagine può contenere: una o più persone e spazio al chiuso


 

L'immagine può contenere: 1 persona, primo piano

Da Reggio Calabria continuano a piovere attestazioni d’affetto. Carmine Quartuccio, storico – nonché indiscusso e indiscutibile – Capo Ultrà della Curva Sud reggina fin dagli anni 80, è stato contattato telefonicamente dal ”sottoscritto” Salvatore Condemi, reggino purosangue e sfegatato tifoso della Reggina (il mio motto è: ”jeu a Rrriggina l’haju ‘nto cori” e non può essere altrimenti…). Riporto qui di seguito le parole di Carmine: <<Faccio un ”in bocca al lupo” agli amici fraterni di Latina. Ero poco più di un ragazzino quando ci fu il gemellaggio tra le due tifoserie, fatti un po’ i conti di quanto tempo è passato… Sarbaturi: mbecchjammu!>> La battuta fatta con il dialetto ”rriggitanu” non può mancare per mettere a suo agio l’amico di tante battaglie. <<Io sono sicuro che vi risolleverete perché quella di Latina è una tra le più calde e colorite tifoserie d’Italia. Tra i dilettanti ci starà poco e ritornerà presto a calcare terreni più idonei. Io seguo le vicende dei nerazzurri – prosegue Carmine –  grazie a Latinasport dell’amico Salvatore. Il gemellaggio non significa gridare in Curva ”Forza Latina” ma coltivarlo giorno dopo giorno attraverso la solidarietà e non solo. Ricordo quanto ci è stato vicino il popolo di Latina quando noi della Reggina siamo piombati tra i dilettanti. Ora tocca a noi e speriamo che per entrambi sia l’ultima volta>>.


 

Annunci