REGGINA: LE VOCI CONDUCONO IN CENTROAMERICA. LATINA TRA INCERTEZZE E PAURE

di Salvatore Condemi per Latinasport.info – RegginaClubLatina

INTERESSI AMERICANI PER LA REGGINA? – Mimmo Praticò, Presidente della società amaranto, non ha mai nascosto la necessità di far entrare nuovi soci per impinguare quella che ogni sodalizio di calcio ha veramente bisogno: linfa economica e liquidità finanziaria per affrontare le tante spese ed onorare i vari impegni. I messaggi sono stati tanti in questi ultimissimi mesi. Anzi, in un’intervista rilasciata ad una importante testata giornalistica calabrese, ha espressamente richiesto l’ingresso di nuovi soggetti per lo scopo: ”Il futuro della Reggina dipende da questo aspetto. La mancata ricapitalizzazione potrebbe ridimensionare le nostre ambizioni…

Per tale motivo, in un futuro molto prossimo, potrebbe concretizzarsi l’interessamento di un ricco gruppo imprenditoriale che opera nel centro America disposto a fare le fortune del sodalizio amaranto. Altro non ci è dato sapere. D’altronde, in questo momento – che potremmo specificare con il temine embrionale – non si riesce a capire in che modo e con quali termini la cordata ”centroamericana” intenderà impegnarsi all’interno della gloriosa società di Reggio Calabria. Sta di fatto che la calma apparente che sta avvolgendo la Reggina in queste ultime ore, nasconde chissà quali attività tra cui intavolare una regolare trattativa. In questi casi, però, la prudenza è d’obbligo. Almeno fino a quando le parti non paleseranno le loro intenzioni.

Sulla pelle dei tifosi amaranto, infatti, brucia il nulla di fatto con gli italo-australiani di due anni fa che portò, molto concretamente, al fallimento della società di Lillo Foti dopo tanti successi e dopo tanta gloria. Quella di Mimmo Praticò non rischia il ”tracollo” ma è chiaro non possa permettersi voli pindarici e programmi troppo ambiziosi in una categoria che costa come e quanto la Serie B ma con le entrate di una Serie C.

Ecco allora arrivare in soccorso della Reggina – seguita, amata e venerata in tutto il mondo – questo ”gruppo” d’oltre Oceano che da Città del Messico piuttosto che da George Town capitale dell’Isola di Cayman (un nome ed una garanzia…) starebbe producendo gli incartamenti utili ed i carteggi (burocratici) idonei e necessari a presentare una congrua offerta all’attuale proprietà. Strill Sport rivela inoltre che ”si starebbe informando anche su altre questioni come quelle relative al S.Agata e al fitto d’azienda che permette l’uso del nome Reggina, esclusiva della Reggina Calcio in mano ancora alla curatela”.

 

Immagine correlata

LATINA, SI VA VA AVANTI CON MOLTE PAURE E TROPPE INCERTEZZE – E passiamo alle vicende legate al Latina. Sul fronte nerazzurro pochissime sono le possibilità di rivederlo giocare in Lega Pro. La giornata di domani rappresenta il crocevia del futuro di una società che tutti vogliono ma che nessuno ha il coraggio di prendere. Come risaputo, le possibilità sono due. Da una parte la sopravvivenza in Lega Pro attraverso l’offerta di cinquantamila euro per acquisire il titolo sportivo e quel che resta della società con tesserati, debiti e scadenze comprese. Dall’altra la scomparsa definitiva dell’U.S. dal panorama calcistico professionistico e la contemporanea rassegnazione di ritornare ai campionati dilettantistici grazie al gruppo convocato dal Sindaco Coletta che si impegna a rilevarne il titolo sportivo.

Con tutto il rispetto per il Primo Cittadino pontino e per i componenti della sua cordata, non crediamo che Latina ed il Latina possano risollevarsi in tempi brevissimi e non crediamo altresì che la Serie D possa rappresentare la rampa di lancio per la società di Piazzale Prampolini. La quarta serie è una ”gran brutta bestia” da cui è difficile difendersi. Se poi consideriamo che ripartire da questa categoria significa azzerare tutto – tra cui il parco giocatori – significa andare incontro a difficoltà di gestione ed alle ingentissime spese per assemblare l’ossatura della squadra ”condannata” per forza di cose a vincere subito (così come hanno fatto Parma, Salernitana, Reggina e Triestina). Vincere in queste condizioni vuol dire allestire una squadra da serie D con giocatori da B pagandoli da C. E allora non sarebbe meglio acquistare in toto la società ora? Le paure e le incertezze continuano a farle da padrone e non può essere altrimenti.

Risultati immagini per Latina calcio

 

 

 

 

 

Annunci