VERSO LA LEGA PRO 2017-2018 – INCOMBE LA DOMANDA D’ISCRIZIONE AL NUOVO CAMPIONATO. E NON SOLO

di Salvatore Condemi per http://www.Latinasport.info

fb_img_1488728551806.jpg

Il campionato di B per il Latina è finito già da un pezzo mentre quello nella terza serie nazionale della Reggina si è concluso solo due domeniche fa con il grande exploit sulla Paganese ed una salvezza che lascia adito a tanti rimpianti. Con due punti in più, infatti, la squadra dello Stretto avrebbe potuto dire la propria anche ai play off. Sarà per l’anno prossimo: il sanguigno, potente, pittoresco e fantastico popolo del Granillo se lo merita. Per il Latina, invece, la stagione è stata un susseguirsi di vicende che l’hanno accompagnato ad un ignominioso fallimento. Ed ancora non si riesce a capire se ci sia disposto qualcuno a prendere le redini in mano e salvare il salvabile. L’augurio è quello di poter seguire il Latina in Lega Pro, magari nello stesso girone della Reggina. Ed ovviamente dell’Unicusano Fondi, che, da matricola terribile in un primo anno di ”professionismo vero”, ha condotto un campionato oltre le più rosee aspettative andando a centrare il traguardo storico dei playoff. I complimenti a Patron Ranucci, al tecnico Pochesci ed al D.S. Evangelisti sono più che doverosi e meritati.

Risultati immagini per unicusano fondi tifosi

Per Reggina e Fondi è già tempo di pensare alla programmazione della prossima annata, non solo dal punto di vista sportivo. Infatti, tutti i club che hanno acquisito il diritto a prendere parte al campionato 2017-2018, dovranno far fronte alle precise e numerose richieste della Lega per ottenere la Licenza Nazionale, propedeutica all’iscrizione al prossimo torneo. Per il Latina, invece, è tutto sospeso fino a quando non sarà definito il suo futuro.

Le date in calce alla documentazione, comunque, sono precise e inflessibili. Il primo appuntamento sarà quello del 31 maggio, data ultima per “depositare presso la Co.Vi.So.C., anche mediante fax o posta elettronica certificata, copia delle liquidazioni periodiche IVA relative all’anno d’imposta 2016 e, se intervenuto il pagamento, anche una dichiarazione, sottoscritta dal legale rappresentante della società e dal soggetto responsabile del controllo contabile o dal presidente del collegio sindacale o del consiglio di sorveglianza o dal revisore unico, corredata dai modelli “F24” e dalle relative quietanze elettroniche o cartacee, attestante l’avvenuto assolvimento dell’IVA di cui alle predette liquidazioni“.

Entro il 26 giugno, i club dovranno invece:

  • depositare presso la Co.Vi.So.C., anche mediante fax o posta elettronica certificata, una dichiarazione, sottoscritta dal legale rappresentante della società e dal soggetto responsabile del controllo contabile o dal presidente del collegio sindacale o del consiglio di sorveglianza o dal revisore unico, attestante l’avvenuto pagamento degli emolumenti dovuti, fino al mese di maggio 2017 compreso, ai tesserati, ai dipendenti ed ai collaboratori addetti al settore sportivo con contratti ratificati dalla competente Lega o l’esistenza di contenziosi allegando la documentazione comprovante la pendenza della lite non temeraria;
  • depositare presso la Co.Vi.So.C., anche mediante fax o posta elettronica certificata, una dichiarazione, sottoscritta dal legale rappresentante della società e dal soggetto responsabile del controllo contabile o dal presidente del collegio sindacale o del consiglio di sorveglianza o dal revisore unico, attestante l’avvenuto pagamento dei compensi, ivi compresi gli incentivi all’esodo, dovuti ai tesserati, fino al mese di maggio 2017 incluso, in forza di accordi, depositati presso la Lega competente, direttamente e/o indirettamente collegati al contratto economico, fatta salva l’esistenza di contenziosi per i quali andrà allegata la documentazione comprovante la pendenza della lite non temeraria;
  • depositare presso la Co.Vi.So.C., anche mediante fax o posta elettronica certificata, una dichiarazione, corredata dagli accordi contrattuali delle figure sottoindicate, sottoscritta dal legale rappresentante della società e dal soggetto responsabile del controllo contabile o dal presidente del collegio sindacale o del consiglio di sorveglianza o dal revisore unico, attestante l’avvenuto pagamento degli emolumenti, ivi compresi i compensi professionali assoggettati ad IVA, dovuti dall’1 luglio 2016 al 31 maggio 2017 al Medico Responsabile Sanitario, Operatori Sanitari prima squadra, Preparatori Atletici prima squadra, Delegato e Vice Delegato alla sicurezza, Delegato ai rapporti con la tifoseria, Dirigente Responsabile della Gestione, Segretario Generale/Sportivo, Responsabile Amministrazione, Finanza e Controllo, Responsabile Ufficio Stampa, Responsabile Marketing/Commerciale, Responsabile del Settore Giovanile, Team Manager, Direttore Sportivo o l’esistenza di contenziosi allegando la documentazione comprovante la pendenza della lite non temeraria. Nel caso in cui dette figure siano state acquisite in outsourcing, il deposito riguarderà i contratti conclusi con le relative aziende di outsourcing e la documentazione attestante il pagamento del servizio per il periodo 1° luglio 2016-31 maggio 2017 o, sussistendo contenziosi, la documentazione comprovante la pendenza della lite non temeraria. 

L’inosservanza del suddetto termine, anche con riferimento ad uno soltanto degli adempimenti previsti dai precedenti punti  costituisce illecito disciplinare ed è sanzionata, su deferimento della Procura Federale, dagli organi della giustizia sportiva con la penalizzazione di un punto in classifica da scontarsi nel campionato 2017/2018.

 

received_1499116013432474.jpeg

 

Annunci