IL FONDI GETTA LE BASI PER IL FUTURO

di Salvatore Condemi per http://www.latinasport.info

redazione_cover_home

Il Presidente dell’Unicusano Fondi, Stefano Ranucci, non sarà presente al “Giovanni Paolo II” di Francavilla, in occasione della prima fase dei play-off, perché gravemente infortunatosi durante un evento di beneficenza, ma col cuore sarà accanto alla ”sua creatura”. Il presidente, attraverso i microfondi di Radio Cusano Campus, non si è limitato a caricare i suoi ragazzi sulla strada verso il sogno Serie B. Ha infatti anche parlato del futuro e in modo categorico: “A prescindere dalla categoria, il prossimo anno ripartiremo dall’unico vero punto fermo. Il direttore sportivo Luca Evangelisti“.

Intanto, a pochissime re dalla sfida di play off, parla Mister Pochesci che fa un’analisi a 360 gradi: “La differenza tra noi e la Virtus Francavilla è che loro hanno vinto un campionato, noi – grazie a patron Bandecchi – siamo stati ripescati. E’ una differenza da non sottovalutare. Noi inoltre abbiamo fatto la squadra il 7 agosto, quindi il merito va a chi l’ha costruita: a Luca Evangelisti e al nostro presidente Stefano Ranucci. Per quanto riguarda le amarezze, posso dire che dal primo giorno ad oggi è stata solo gioia. Il nostro primo obiettivo era la salvezza e in un girone di ferro siamo arrivati davanti a società come Catania, Reggina, Messina e Catanzaro. E’ merito di una grande organizzazione. I miei hanno fatto un campionato eccellente. Solo a marzo abbiamo avuto un momento sciagurato, ma non dobbiamo dimenticare che abbiamo anche perso due giocatori importanti come Mucciante e Bombagi. Andiamo avanti, ringraziando la società che non ha mai avuto alcun problema a livello economico. Le contestazioni dei tifosi? Ci sono abituato, nella mia vita nessuno mi ha mai regalato niente. Loro mi vedono così, come un nemico. Ma io li vedo come i tifosi della mia squadra e coi risultati e il gioco cercherò di far cambiare loro idea. Sono strumentalizzati da ex allenatori e da falliti in giro per Fondi, che però non hanno mai voluto avere un confronto con me perché loro fanno pallone e io faccio calcio”.

Sull’avversario ai play-off conclude: “La Virtus Francavilla? Sappiamo tutto di loro, andremo a giocarcela. Sono andato là due volte: in Serie D e ho perso 1-0 su una punizione e poi il nulla. Quest’anno ho perso 3-1, su un cross sbagliato e su una mezza papera. Abbiamo incontrato squadre molto più forti, facendo grandi risultati e grandi prestazioni. Noi dobbiamo pensare che siamo l’unica squadra che ha tolto quattro punti al Foggia. Noi già abbiamo fatto un miracolo calcistico”.

wp-1488730839069.jpg

Annunci