NON VORREMMO NEPPURE PENSARCI…

Immagine correlata

di Redazione Latinasport.info

wp-image-1351645607jpg.jpg

Niente di niente, nessuna nuova, neppure un rumore. Dell’avvenuto bonifico non c’è traccia e Benedetto Mancini finora non ha battuto alcun colpo. Il popolo latinense, i tifosi nerazzurri del Latina ed il normale uomo della strada, giustamente, sono sulle spine: oggi è il giorno della ”conta”, il giorno del ”o dentro o fuori”, il giorno che potrebbe segnare definitivamente la storia del sodalizio di Viale Prampolini.

Finora nulla di nulla, dicevamo. E la ”faccenda” si tinge di giallo. Giallo mistero e giallo livore. Il primo riferito ovviamente a Benedetto Mancini che versando il dieci per cento della somma imposta dal Tribunale Fallimentare, ha alimentato più di qualche speranza assicurando, in tal senso, la continuità alla Società che non si chiamerà più Latina Calcio bensì Mens Sana Latina. E, vieppiù, garantendo un cambiamento epocale, una vera e propria svolta e quella trasformazione che può (e deve) cancellare definitivamente il passato prossimo intriso di tinte fosche, di colori cupi e di toni chiaroscuri. Tale radicale cambiamento imporrebbe però l’esborso economico di 648mila Euro da pagare tramite bonifico entro la data odierna. Bonifico che, fino al momento (e speriamo che mentre si scrive sia diramata la lieta novella) non è stato mandato all’incasso sebbene abbia tempo fino a mezzanotte.

In questi giorni l’ultimo Amministratore Unico ha parlato poco ma le sue poche esternazioni sono state incisive: ‘‘Finora ho buttato 250.000 euro e sarei uno scemo a non presentarmi alla data dell’11 maggio. Nessuno si rende conto dei costi che ci sono stati fino ad oggi. L’imprenditore fa l’imprenditore e sceglie quotidianamente gli obiettivi per l’azienda. È inutile continuare con la storia del bonifico perché va fatto entro quella data. Non voglio i ringraziamenti, ma almeno non diciamo stupidaggini”. Una persona che parla in questi termini sa quello che fa e a cosa andrebbe incontro nell’eventualità di un ”dietrofront” che suonerebbe al pari di disfatta, di cancellazione, di sparizione, di negazione. Mancini non è uno sprovveduto, non è nato ieri, non è un ragazzino svampito. Per questo motivo, quindi, la situazione si è nel frattempo tinta di giallo: a noi Mancini è parso una che sa il fatto suo per cui non sappiamo dare una spiegazione a tutto questo tergiversare.

E c’è il giallo dell’ansia e della paura dei tifosi che non osano pensare a nefaste eventualità. E noi non osiamo pensare ai posti di lavoro che si taglierebbero, alle possibilità che non si potranno più fornire, alla visibilità che una Lega Pro proporrebbe, alle ali che si tarperebbero. Ma i soldi non sono nostri e non possiamo certamente obbligare il Dottor Mancini ad effettuare un pagamento al posto nostro. Noi, quale organo di informazione, possiamo tutt’al più esortarlo caso mai ci fosse ancora tempo, modo e maniera. Attendiamo un comunicato ufficiale. Purtroppo possiamo fare questo e soltanto questo.

Intanto, il Sindaco Damiano Coletta, durante un’intervista ad una Tv locale, ha riaffermato che una cordata di imprenditori pontini sarebbero interessati a prelevare il sodalizio qualora Benedetto Mancini non completasse l’offerta per rilevare la società nerazzurra. ”C’è il termine dell’undici maggio per cui dobbiamo aspettare. Io avevo cercato di formare un tavolo al quale avevano partecipato numerosi imprenditori di Latina, ma con molta attenzione sui conti e sui costi. Era un piano C che avevamo messo in considerazione. È chiaro che ripartire dalla quarta serie azzerando i debiti potrebbe essere un’opzione possibile, il gruppo di imprenditori che stava lavorando al progetto ora è in stand by, se ha le possibilità e le potenzialità per sostenere un ripescaggio in D, ben venga. Il mio compito è solo quella di sostenere il Latina. Se andasse in porto la soluzione di Mancini, questo progetto finirebbe qui, qualora invece diventasse concreta l’ipotesi Serie D come soluzione di emergenza, allora si riaprirebbe il tavolo, al quale stava partecipando anche un imprenditore non di Latina, che ha comunque ribadito la sua disponibilità per il futuro”. Non vorremmo neppure pensarci…

Risultati immagini per damiano coletta sindaco di latina

 

Annunci