VIVARINI AD UN PASSO DALL’ESONERO. I CURATORI FALLIMENTARI: “NON È POSSIBILE”

Il Latina aveva progettato l’esonero di Mister Vincenzo Vivarini per via del rendimento poco “incisivo” degli ultimi mesi. La società, secondo l’autorevolissimo sito di Alfredo Pedullà, aveva pensato di affidare la squadra a Giuseppe Giannini, attuale Responsabile del Settore Giovanile, ma per esonerare Vivarini bisognerebbe pagare una penale di 50mila euro. I curatori ovviamente non avrebbero dato il via libera ad un’operazione del genere anche perché il futuro Presidente Benedetto Mancini deve completare l’iter prima di rilevare il club. E così Vivarini resta al suo posto per il momento – tanto la stagione sembra irrimediabilmente segnata – e Giannini può essere un’idea per il futuro. 

Queste le parole a caldo del tecnico della Spal Leonardo Semplici dopo la vittoria di Latina. “La gara di oggi ci ha dato grande convinzione, ci siamo complicati la vita da soli e nonostante l’inferiorità numerica abbiamo trovato la vittoria. Questa è una vittoria troppo importante, devo fare un grande plauso a questo gruppo di ragazzi. Continuiamo a lavorare a testa bassa, cerchiamo di fare tutto per realizzare questo sogno. Non faccio tabelle, sono tre punti importanti soprattutto per la sconfitta del Frosinone. Non ci aspettavamo questo vantaggio, le prossime due partite saranno decisive per il nostro futuro. Ancora non abbiamo raggiunto il traguardo”.

Annunci

IL PAGELLONE DI LATINASPORT.INFO. 

IL PAGELLONE DI LATINASPORT.INFO. 

Sempre la solita storia: un primo tempo molto positivo della squadra di Vivarini, che va in vantaggio con Corvia ma subito recuperata da Bonifazi un minuto dopo. È un Latina che però continua a creare e Insigne spreca una grande occasione a tu per tu con Meret. Lo stesso effettuato da Antenucci che non supera Pinsoglio. Primo tempo divertente ma poi solito infortunio, ancora Dellafiore e cambi così compromessi. Il Latina della ripresa poi è come al solito inconcludente e la Spal passa con il minimo sindacale e in 10 uomini non soffre minimamente.

I VOTI

PINSOGLIO 5,5 , meno super eroe del solito. Nel primo tempo da un suo errore rischia di regalare alla Spal il 2 a 1, incolpevole comunque nei due gol.

COPPOLARO 5,5 buona la sua prestazione ma male nella marcatura decisiva su Antenucci nel gol.

DELLAFIORE 5,5 Buona la sua prestazione, ma poi abbandona il campo al minimo contatto alla spalla che adesso è da valutare per Chiavari. (30° NICA 5, prima largo a destra, poi largo a sinistra, ma la sostanza non cambia e non riesce ad aiutare i suoi)

GARCIA TENA 5 Sulla sinistra soffre totalmente Lazzari e quando si spinge in avanti non riesce ad essere d’aiuto.

BRUSCAGIN 6 Inizia molto bene largo a destra ed è uno dei più propositivi. Poi viene retrocesso in difesa dove comunque fa la sua figura.

DE VITIS 6 Bene nel primo tempo, cala nel secondo di dove come al solito finisce la sua autonomia intorno al 70°.

BANDINELLI 6 Come al solito corre per due in mezzo al campo e nel primo tempo mette da solo Insigne con un gran lancio davanti il portiere in una occasione che poteva cambiare il match.

PINATO 5, torna nel suo ruolo naturale ma incredibilmente è quello dove sorprende meno. In continua balia di Rocca. (70° Rolando 5,5, Entra dando la solita freschezza ma cerca troppo il dribling)

INSIGNE 5, Ottimo l’assist a Corvia insieme ad un altro gran pallone per De Giorgio, tutto il resto però è da dimenticare. (60° Bonaiuto 5,5 prova a dare qualità con il suo ingresso ma non incide)

DE GIORGIO 5,5 qualità che però non riesce ad essere utile in nessuna azione offensiva.

CORVIA 6.5 unico lottatore nelle lande desolate dell’attacco neroazzurro. Pesa il giallo che gli fa saltare la trasferta di Chiavari. 

VANTAGGIO E SCONFITTA, SOLITA STORIA.

VANTAGGIO E SCONFITTA, SOLITA STORIA.

37° giornata di serie B che mette in scena il testa cosa della classifica della cadetteria, con la Spal prima in classifica a quota 67 contro il Latina ultimo a con 31 punti. Tra i Pontini di Vivarini si rivedono Garcia Tena e Bandinelli tra i titolari, negli ospiti ancora Floccari assente per infortunio. La curva del Latina intanto mostra questa contestazione prima del match.


Latina 3-4-3: Pinsoglio; Coppolaro, Dellafiore (30° Nica), Garcia Tena; Bruscagin, De Vitis, Bandinelli, Pinato (70° Rolando); Insigne (60° Bonaiuto), Corvia, De Giorgio. All Vivarini

Spal 3-5-2: Meret; Bonifazi, Vicari (67° Gasparetto), Cremonesi; Lazzari, Schiattarella, Arini, Mora, Costa; Antenucci (79° Schiavon), Finotto (62° Zigoni). All Semplici.

ARBITRO: Abisso di Palermo.


Primo tempo. Cantano i tanti tifosi arrivati da Ferrara per la capolista, ancora fuori invece il cuore della curva nord. Minuto di silenzio per Michele Scarponi, campione del ciclismo scomparso questa mattina a causa di un incidente stradale. Nel Latina Pinato torna nel suo ruolo naturale di esterno sinistro. Dopo un minuto Corvia si libera dal limite e tenta la conclusione che però sporcata da un difensore finisce docile tra le mani di Meret. Al terzo bel uno due sulla destra di Lazzari con Schiattarella che poi cerca in mezzo Finotto ma provvidenziale è l’intervento di Dellafiore in scivolata. “Scusate il ritardo, stamo già a perde?”, con questo striscione ironico gli ultras della curva nord fanno questo ingresso sugli spalti, ma vengono smentiti al 12° con il Latina che passa in vantaggio: sul centro destra Insigne riesce con il suo mancino a servire il bel taglio di Corvia che con il destro supera in diagonale Meret con il pallone che bacia il secondo palo e si insacca. Gruppo che si unisce intorno al suo mister in un abbraccio collettivo, simbolo di vicinanza a Vivarini. Un minuto dopo però pronto pareggio della Spal con Bonifazi che su cross su angolo di Schiattarella riesce nella deviazione aerea che si insacca sotto il sette alla sinistra di Pinsoglio. Al 18° clamoroso errore di Pinsoglio in impostazione che va a regalare il pallone ad Antenucci, ma la punta avversaria spreca tentando un pallonetto che finisce fuori di un soffio. Al 21° Corvia è il primo ammonito della partita per un fallo da dietro su Mora, lui che diffidato salterà quindi la trasferta di Chiavari del 25 aprile contro l’Entella. Un minuto dopo è Insigne a non trovare il gol del nuovo vantangio: gran lancio di Bandinelli, Insigne si ritrova solo contro Meret, non cerca la conclusione con il destro e cerca invece di saltare il portiere avversario che in tuffo riesce a rubare la sfera al numero nove pontino. Al 27° altra gran invenzione di Insigne che pesca in area De Giorgio che cerca il colpo di testa, ma Meret è ancora una volta bravo e blocca sul primo palo. Al 30° deve alzare bandiera bianca Dellafiore per un problema alla spalla, entra Nica con Bruscagin, ottimo fino a quel momento sulla fascia destra, che scala nei tre di difesa per permettere al Romeno di agire tutta fascia a destra. Allo scadere tentativo di Corvia dal limite ma il numero 7 non trova lo specchio della porta. Finisce così il primo tempo. Solito Latina agguerrito della prima frazione, che trova il vantaggio ma subito viene recuperato dalla capolista. Primi 30 minuti frizzanti, poi ultimi 15 minuti a ritmi un po’ più bassi ma è rimasto un Latina concentrato che non ha fatto notare la differenza con la prima in classifica.

Secondo tempo. Si rientra in campo senza ulteriori cambi nelle due squadre, Nica rimane l’unico subentrato. Al 49° ammonito Bonifazi per un fallo su De Giorgio sulla fascia destra. Primi 10 minuti che vedono tentativi sterili di entrambe le squadre, ma con entrambe che comunque provano a costruire gioco. Al 56° Antenucci cerca il destro dal limite che finisce alto. Un minuto dopo lo stesso numero 7 della Spal serve Finotto decentrato sulla sinistra, ma il suo sinistro vede l’opposizione di Pinsoglio. Al 58° la possibile svolta del match: Bonifazi entra in ritardo su Pinato rimediando così il secondo giallo di giornata e lascia i suoi in 10 uomini. Al 60° esce Insigne, male nella ripresa, e al suo posto entra Bonaiuto. Nella Spal esce Finotto ed entra Zigoni, attaccante per attaccante. Al 65° Corvia recupera il pallone a Vicari, appoggia per De Giorgio che prova a servire dall’altra parte Bonaiuto solo in area, ma il pallone è troppo lungo e Meret in uscita è provvidenziale. Nella Spal fuori al 67° lo stesso Vicari per infortunio, e al suo posto Gasparetto e la Spal passa in vantaggio: sulla destra Lazzari arriva sul fondo e mette in mezzo per Antenucci che con il destro supera Pinsoglio. Al 70° dentro Rolando per Pinato, con Nica che va a sinistra. Ultimo cambio nella Spal al 79° con Schiavon che sostituisce Antenucci. Spal che nonostante l’inferiorità numerica riesce a difendersi con ordine. All’86° ci prova Bonaiuto in acrobazia su cross di De Giorgio, ma ancora attento Meret sul primo palo. 5 minuti di recupero. Ammonito anche Mora nella Spal. Il Latina ci prova dalla lunghissima distanza con Bruscagin che però non trova la porta. Finisce qui la partita, anche la Spal supera le ceneri del US Latina Calcio.