FURTO AL FRANCIONI NELLA NOTTE: VIVARINI NEL MIRINO DEI VANDALI.

In conferenza stampa sabato, dopo la partita persa contro il Vicenza, mister Vivarini aveva parlato della necessità di un qualche evento positivo in settimana che potesse dare carica alla squadra. Di certo quello che è successo la scorsa notte non può esserlo. Nella notte tra martedì e mercoledì, dei vandali sono riusciti ad entrare all’interno del Francioni, ma non per un semplice furto. Di mira è stato preso lo spogliatoio del mister pontino, così come confermato anche dal team manager Lucchesi ai microfoni di Lazio Tv. Tablet rubato insieme ad altri oggetti personali e spoiatoio messo in subbuglio. Quindi pare che nelle mani degli intrusi siano finiti anche dei palloni, scarpini ed altri oggetti d’uso calcistico. Il dato però che fa pensare ad un gesto nei confronti del mister, oltre all’ingresso nel suo spoiatoio, è l’aver disposto delle sagome usate di solito per creare la barriera sui calci piazzati o usate negli esercizi di dribling e non solo in giro per il campo secondo un modulo di gioco. Voleva essere questa una rappresentazione della squadra messa in campo dal mister, ovvero di una squadra statica e ferma? Voleva essere di conseguenza una critica rivolta ai giocatori? Di questo ancora non si sa nulla, di certo si sa solo che la società, attraverso i curatori, ha esposto denuncia e saranno usati tutti i video registrati dalle telecamere interno dello stadio per fare chiarezza sull’avenimento. Una faccenda che va di certo a non aiutare una squadra in una situazione di certo non facile. Anche la seconda asta infatti andrà deserta e la classifica è quella che è. Vivarini è stato lasciato da solo in una situazione simile e sta facendo da totale parafulmine ad una questione più grande di lui. Lasciamo di seguito le foto pubblicate dalla pagina “Pianeta Neroazzurro Lazio TV”, portale Facebook dell’ononima trasmissione di Lazio Tv, riguardo al furto notturno avvenuto al Francioni.

Annunci

LA SETTIMANA SANTA DEL LATINA.

LA SETTIMANA SANTA DEL LATINA.

Il lunedì di pasquetta vedrà protagonista tutta la serie B, con il Latina impegnato a Salerno contro la squadra di Bollini, ormai salva e senza più grandi obiettivi, e reduce dalla sconfitta in casa della Ternana che ha interrotto una striscia positiva di 10 risultati utili consecutivi. La salvezza invece per il Latina sembra oramai una chimera dopo la sconfitta con il Vicenza di sabato: sprofondato all’ultimo posto a 31 punti, e in attesa di altri punti di penalizzazione da aggiungere ai due già combinati, la squadra di piazzale Prampolini si trova ora a 4 punti dal quart’ultimo posto occupato attualmente dal Brescia, ultimo slot valido per disputare gli eventuali play-out. Situazione ormai complicata, ma mister Vivarini ha affermato che la squadra ce la metterà tutta per onorare questi colori. Mister pontino che spera in risponsi positivi dall’infermeria: oltre a Regolanti e Brosco che hanno finito la stagione, sono usciti malconci dalle ultime prestazioni anche Rocca, Bandinelli, Corvia e un De Vitis sempre claudicante mettendo in pura emergenza il centrocampo che vede in Mariga il solo in piena forma fisica ma che in partita ancora non continua a dare l’apporto sperato. Anche Bonaiuto sabato ha ricevuto un colpo al braccio che gli ha comportato tanto di fasciatura ma non dovrebbe essere a rischio per la trasferta in terra campana. Intanto il Latina continua il suo lavoro, e come leggibile direttamente dal sito della società pontina, la squadra di Vivarini andrà in scena domani, giovedì 13 aprile, alle ore 15.30 nel solito test con la primavera. La matematica ancora non fa fuori il Latina e la speranza deve essere l’ultima a morire anche se oramai la fiducia di molti tifosi è andata perdendosi viste le ultime prestazioni dei pontini che hanno fatto scivolare il Latina all’ultimo posto in classifica mettendo a rischio la permanenza nella serie cadetta. In più la prima asta è andata, come di previsione, deserta. Ancora rimane un interrogativo il futuro del Latina al di fuori del campo. I giorni passano e ancora stentano ad arrivare i nuovi acquirenti, mentre tutti aspettano Benedetto Mancini, ultimo presidente del Latina, sparito del tutto dai riflettori e dalla scena una volta giunto il giorno dell’entrata dei curatori in società. Arriverà la pasqua anche per questo Latina?

Questo intanto il programma completo da oggi fino alla sfida con la Salernitana di Lunedì: mercoledì ore 10 e ore 15 (Francioni a porte aperte) – giovedì  ore 15.30 (test con la primavera al Francioni) – venerdì riposo – sabato ore 15 (Francioni a porte chiuse) – domenica ore 10 (Francioni a porte chiuse)

AVELLINO, 3 PUNTI DI PENALIZZAZIONE. LATINA, PRIMA ASTA DESERTA

di Basilio Gaburin per Latinasport.info

Mentre nella giornata di ieri la squadra dell’allenatore Vincenzo Vivarini  è tornata al lavoro in vista del match contro la Salernitana, è andata deserta, come previsto, la prima asta per l’acquisizione del titolo sportivo del Latina Calcio. Non è infatti giunta alcuna offerta al Tribunale Fallimentare, dove il prezzo di base per la società era di 1 milione e 280 mila euro. Molto probabilmente, andrà disertata anche la seconda asta fissata per giovedì 13 mentre resta ancora incerto l’esito dell’asta del 18 per la quale il prezzo di partenza per l’acquisto del Latina è di circa 780mila Euro. Sicuramente le schermaglie più “roventi” si stabiliranno per l’ultima asta del 23 Aprile dove la “valutazione” è stata fissata per “soli” 270mila Euro. Due sarebbero le “cordate” che si potrebbero dare battaglia per accaparrarsi la società.

Risultati immagini per DAMIANO COLETTA LATINA

Da una parte l’ultimo Amministratore Unico della società nella persona di Benedetto Mancini e del suo entourage che dovrebbe gravitare, a quanto pare, intorno al Presidente della Lazio, Claudio Lotito. Queste le voci che giungono dalla strada, naturalmente. Le fonti veritiere lo indicano come manager più o meno di successo, di provata esperienza e professionalità. Altri elementi – quali ad esempio il fallimento della Lazio Basket – non ci interessano. Sappiamo inoltre sia proprietario nonché amministratore delle “Acque Minerali San Faustino”, della “Tione di Orvieto” e di alcuni plessi di ricezione turistica. Il resto non conta, anzi basta e avanza.

Risultati immagini per benedetto mancini imprenditore

Dall’altra un fantomatico gruppo “sponsorizzato” dal Sindaco pontino Damiano Coletta del quale, però, non è dato sapere da quali facoltosi impresari latinensi sia formato. C’è chi parla di Deodati, ex Presidente per qualche mese negli anni scorsi; c’è chi indica Del Prete quale capitano di questa cordata; e chi, invece, è sicuro che dietro questa operazione finanziaria ci possa essere addirittura la famiglia Francia. Insomma tante chiacchiere e null’altro di definito. L’unica notizia più o meno “probante” sarebbe (e usiamo il condizionale perché ci sembra doveroso in questo caso) quella relativa al finanziatore romano impegnato nel campo della sicurezza ma, fino al momento, non è né certo né accertato.

Intanto è giunta voce che, nell’ambito del “calcio scommesse” all’Avellino siano stati comminati tre punti di penalizzazione. Prosciolti il Presidente Walter Taccone ed i calciatori Luigi Castaldo, Fabio Pisacane e Mariano Arini. Sono 18 i mesi di squalificati per Armando Izzo, ex giocatore irpino, ora al Genoa. Con i tre punti di penalizzazione la squadra irpina passa da 44 a 41 punti in classifica.

Risultati immagini per walter taccone presidente avellino