LATINA, UN PARI CHE LASCIA L’AMARO IN BOCCA

Latina e Pisa si affrontano nella 31° giornata del campionato di Serie B in una gara fondamentale per uscire dalla bassa classifica, nonostante i proclami dei due tecnici i quali, in coro, avevano detto di non considerarla da “dentro o fuori”. 

Il primo tempo è una vera delusione per lo spettacolo: le due squadre non hanno effettuato un tiro in porta che sia uno ed il gioco è risultato farraginoso, poco fluido e noioso. Nella ripresa il Pisa trova il vantaggio con una rete di Manaj che fa illudere la tifoseria; Corvia poi di testa trova il pari e sull’Arena cala il gelo. Sul finale ci provano Gatto e Cani ma senza incidere ma le occasioni migliori sono state dei Pontini che sfiorano il gol con Bonaiuto, Jordan e Insigne. Sia per il Pisa sia che per il Latina si tratta di un pareggio che non basta più alla luce della penalizzazione in arrivo. 

Primo Tempo

4′ Primo tiro della gara da parte degli ospiti con Insigne, ma è debole e Ujkani blocca con facilità;
8′ occasione per il Pisa con Longhi che entra in area e passa a Manaj il cui tiro è murato daDellafiore;
10′ Masucci entra in area, può tirare ma aggancia solo quando la palla ormai è out;
19′ Primo calcio d’angolo della gara guadagnato dal Latina: dalla bandierina Buonaiuto cerca in area qualche compagno ma la difesa nerazzurra è attenta e riparte;
22′ Anche il Pisa guadagna il primo angolo della gara: dalla bandierina ci prova Mannini alla ricerca del colpo vincete di un compagno in area, ma l’azione sfuma;
34′ Difficile giocare in una gara spesso interrotta per piccoli falli o presunti tali, con diverse decisioni arbitrali errate in entrambi i fronti;

Secondo Tempo
3’ Cross di Angiulli ma Masucci non riesce a colpire a rete visto che Bruscagin protegge il pallone che termina in angolo;


5’ Il goal del Pisa è nell’area infatti non si fa attendere: Longhi crossa in area e Masucci intercetta e effettua un passaggio a Manaj che realizza la rete del vantaggio;

17’ Oltre Corvia subentrato dal primo minuto a Rolando è il momento di De Giorgio che sostituisce Mariga;
22’ Anche il Pisa effettua il primo cambio ed esce proprio colui che ha siglato la rete del vantaggio al posto di Lores Varela;
28’ Da una rimessa laterale di Mannini la palla torna di nuovo tra i piedi del capitano pisano che scodella in area una palla per Angiulli il cui tiro è intercettato da Dellafiore;
30’ Tabanelli cede il posto a Gatto per il secondo cambio in casa nerazzurra pisana;


34’ Insigne in un rapido rovesciamento di fronte potrebbe pungere ma Ujkani salva la propria porta, ma nel minuto successivo Corvia accorcia le distanze di testa con una palla perfetta che gela l’Arena;

38’ Terzo e ultimo cambio per i nerazzurri di casa: fuori Verna ormai stanchissimo, dentro Cani alla ricerca della rete del vantaggio;

39’ Bonaiuto potrebbe beffare il Pisa con un tiro all’incrocio dei pali ma Ujkani riese a rimediare in angolo; dalla bandierina nessun pericolo per i nerazzurri che provano a ripartire;
45’ Il Pisa cerca con Gatto e Cani di velocizzare il gioco alla ricerca del guizzo vincente che non arriva a malgrado i tre minuti di recupero la gara termina in parità.

Il Tabellino

PISA (4-3-1-2):Ujkani; Mannini, Del Fabro, Milanovic, Longhi; Verna (38’ st Cani), Di Tacchio, Angiulli; Tabanelli (30’ st Gatto); Masucci, Manaj (22’ st Lores Varela). A disp. Cardelli, Lisuzzo, Cani, Birindelli, Lazzari, Peralta, Zammarini. All.: Gennaro Gattuso

LATINA (3-4-3): Pinsoglio; Brosco, Dellafiore, Coppolaro; Rolando (1’ st Corvia), De Vitis, Mariga (18’ st De Giorgio), Bruscagin; Rocca, Insigne, Buonaiuto (40’ st Jordan). A disp. Grandi, Garcia Tena, Pinato, Maciucca, Negro, Nica. All.: VincenzoVivarini
Arbitro: Livio Marinelli
Note: Giornata nuvolosa ma calda. Spettatori: 7715 per un incasso di 75095,84€
Marcatori: 5’ Manaj st (P), 35’ st Corvia (L)
Ammoniti: Tabanelli (P), Brosco (L), Coppolaro (L)
Ang.: 3-2
Rec.: 1’pt; 3′ st

Mister Gattuso: “C’è rabbia per il pareggio è stata gara difficile siamo riusciti a sbloccarla ma poi dopo il vantaggio è subentrata la fretta, non abbiamo saputo gestire il vantaggio, chi è subentrato ha dato poco, ho notato che a livello fisico stiamo calando, ma non solo chi subentra ma anche chi da dentro mi chiede il cambio. Le responsabilità me le prendo io che sono che guida la baracca, non riesco a capire vedo facce paurose che quando facciamo goal, se sono io il problema posso fare anche passo indietro, non vedo più il giusto approccio nella gara come vorrei, tanti di loro li ho portati io abbiamo vinto insieme lo scorso anno, ma non deve mai mancare la cattiveria agonistica e di questo mi mi sento colpevole. Sono deluso abbiamo fatto 34 punti sul campo non sono pochi ma non bastano più, c’è paura ora che è subentrata da Vicenza, ho sensazioni strane che non riesco più a capire, o ad interpretare. Manca la tranquillità negli occhi dei ragazzi, manca la fame, alcuni lottano e altri si accontentano e questo non va bene, mi aspetto di più da molti di loro. Io per rispetto della tifoseria e di questa società devo capire  se posso dare una mano oppure no.  Questa squadra non me la sento più mia.”

Mister Vivarini “Avevamo preparato bene la gara sapevamo che dovevamo concedere poco agli attaccanti. Nel secondo tempo abbiamo cambiato assetto per essere più incisivi in avanti ma la doccia fredda dello svantaggio ci ha inizialmente messo in difficoltà. Nello trascorrere dei minuti abbiamo preso coraggio e ci abbiamo creduto riuscendo a trovare la rete del pareggio, e poi nel finale potevamo anche portare via i tre punti, bastava un pizzico di fortuna e Bonaiuto poteva ottenere di più. Il Pisa la temevo soprattutto per la sua tifoseria avevo paura i primi 20 minuti perchè questo pubblico è molto caldo, pare di giocare al sud, credo che il Pisa ha fatto come noi pensando di buttar dentro attaccanti per vincere la gara,ma alla fine è finita in parità. Chi è subentrato ha fatto molto bene, penso a De Giorgio ci ha dato una mano importante.”

Annunci