COME VOLEVASI DIMOSTRARE: IL BENEVENTO SI È SGONFIATO

Continua il “momento no” del Benevento di Marco Baroni che, dopo le batoste con Bari e Novara ed i pareggini con Salernitana ed Entella, viene schiaffeggiata anche dal Perugia di Bucchi nella gara che ha aperto la 31esima giornata del campionato di Serie B.

Si tratta dell’ottavo ko stagionale per i campani che vedono allontanarsi i piani alti della classifica, occupati da Frosinone, Hellas Verona e SPAL (attuale prima forza del torneo). Se gli stregoni si stanno lentamente sgonfiando, il Perugia di Bucchi ne approfitta per portarsi a quota 47 punti, a -1 proprio dal Benevento. E il bello deve ancora venire.

Uno scontro diretto che gli umbri stravincono per 3-1: reti di Nicastro al 1′ (per il Perugia), Ceravolo al 25′ (per il Benevento), Di Carmine al 36′ (per il Perugia) e Acampora al 66′ (sempre per il Perugia). Gli ultimi dieci minuti di gara sono stati giocati dai padroni di casa in inferiorità numerica, poiché all’80’ Chiffi di Padova ha ammonito per la seconda volta Nicola Belmonte del Perugia.

Quarto risultato utile consecutivo per il Perugia che fa sognare il pubblico del Renato Curi.

Ecco, di seguito, la classifica aggiornata del campionato di Serie B:

SPAL 55

Hellas Verona e Frosinone  53

Benevento 48*

Perugia 47*

Bari 46

Spezia, Novara, Cittadella 44

Entella e Carpi 43

Salernitana e Avellino  36

Ascoli 35

Pro Vercelli e Vicenza 33

Pisa 32

Cesena, Latina, Brescia 31

Trapani e Ternana 26

*una partita in più

Annunci

GATTUSO: “NON PARLATE DI PARTITA DA ULTIMA SPIAGGIA”

“Sarà sicuramente una partita molto complessa. Vivarini è un tecnico preparato contro il quale non ho mai vinto. Non voglio parlare di finale per la partita di domani anche perché da qui alla fine lo saranno tutte. Ho passato una settimana dura dopo Vicenza, è stata una bella mazzata anche se come sapete vivo meglio le sconfitte delle vittorie. Il mio auspicio è che, sopratutto i giovani, imparino dagli errori ed a volte non vedo questo. Non gli chiedo di essere come ero io da calciatore, probabilmente di Gattuso ce n’è uno solo, ero un pazzo senza hobby che viveva h24 per il calcio, ma di lavorare sull’essere per non ripeterlo invece si. Il pubblico? Capisco l’incazzatura per le ingiustizie e gli sono vicino ma abbiamo bisogno della loro spinta per riuscire a fare questa impresa” Queste le parole del tecnico Rino Gattuso nella conferenza stampa di oggi pomeriggio 

I CONVOCATI DI MISTER VIVARINI

Insigne recupera. Di Matteo e Regolanti sono out. Ancora fuori Antonio Di Nardo: per lui continua l’avventura al “Viareggio” 




Ecco la lista dei giocatori che andranno a Pisa:

  • Portieri: Pinsoglio, Grandi
  • Difensori:Brosco, Bruscagin, Celli, Coppolaro, Dellafiore, Garcia Tena, Maciucca, Nica, Pinato.
  • Centrocampisti: De Vitis, Maciucca, Mariga Rocca, Rolando
  • Attaccanti:Buonaiuto, Corvia, De Giorgio, Insigne, Jordan, Negro.

Come si evince dalla lista, il paventato utilizzo di Di Nardo, giovane punta centrale (e bomber) della selezione Primavera nerazzurra, attualmente impiegato nel torneo di Viareggio, non c’è stato. Può anche darsi che, una volta terminata la kermesse viareggina, Antonio Di Nardo, nato a Napoli il 30 settembre 1998, buon fisico (alto 183 centimetri per 72 di muscoli) possa entrare gradatamente nella rosa della prima squadra. Nonostante la ritrosia di Fabriano Lucchesi.

    TUTTI GLI INCONTRI DELLA B DI QUESTA GIORNATA 

    La 31ma giornata della serie cadetta comincia stasera alle 20.30 con l’incontro clou tra Perugia e Benevento. I grifoni sono ancorati nel gruppone che aspira ad un posto playoff  con 44 punti mentre gli stregoni beneventani veleggiano al 4° posto con 48 anche se negli ultimi tempi le prestazioni dei giallorossi non sono né costanti né sbalorditive come nella prima parte del torneo.


    La giornata di domani 18 marzo prevede nell’ordine:

    Ascoli – Cittadella con gli ospiti che occupano stabilmente la zona nobile della classifica ed con i marchigiani che tenteranno la scalata verso posizioni più sicure

    Avellino – Novara: gli irpini aspettano la mazzata della pesante penalizzazione e quindi hanno bisogno di impinguare i suoi attuali 36 punti. Il Novara è una splendida realtà del campionato e pian pianino è riuscito a trovare la condizione migliore 

    Brescia – Spezia: gli ospiti hanno più di tutte disatteso le aspettative di tifosi e addetti ai lavori. Le Rondinelle dovrà sudarsi la permanenza in B

    Carpi – Spal. Entrambe vanno forte. I ferraresi sono primi in classifica mentre i biancorossi hanno un leggero ritardo in classifica ma alla luce di quanto fatto vedere a Latina, anche i ragazzi di Castori lotteranno per un posto al sole.

    Frosinone – Vicenza. Uno fisso ma i vicentini sono tutt’altro che morti. Un eventuale sconfitta dei veneti sarebbe salutare per le altre pericolanti.

    Pisa – Latina. Entrambi le formazioni domani saranno attesi dall’amletico dubbio: “in B o non in B”? Questo è un vero dilemma: chi perde, ammesso che domani ci sia una perdente, potrà salutare la serie B nel 40 per cento dei casi.

    Pro Vercelli – Verona con i piemontesi a caccia di una vittoria di prestigio che potrebbe significare salvezza anticipata del 35 per cento.

    Trapani – Bari. I siciliani chiudono la classifica ma ultimamente hanno dato segni di ripresa. I pugliesi sono sempre sul chi va là. Siamo sicuri che il Bari andrà in A direttamente se domani ricerca a battere a domicilio i trapanesi.

    Domenica 19 marzo alle 17.30 va in scena un incontro drammatico quale può essere Cesena – Ternana che può valere la permanenza in B

    Lunedì alle 20.30 chiudono il programma Entella – Salernitana con i campani con ancora intatte le motivazioni di restare in cadetteria.

    Insomma da stasera ne vedremo ancora delle belle.

    ​PASSA UN POMERIGGIO CON LATINASPORT.INFO… “PERCHÉ NOI CI CREDIAMO”!

    Anche domani, sabato 18 marzo 2017, si rinnoverà l’appuntamento dal Ristorante “Da Giovannino” sito in via Sabaudia di San Felice Circeo per commentare, discutere, disquisire e parlare del Latina Calcio impegnato sul difficile campo di Pisa in uno scontro salvezza da “dentro o fuori”. 

    Dalle 14.30 alle 17.45 ancora una volta insieme a: Marco Fiorini, Alessio e Federico Ginanneschi,  Maurizio Casumaro, Matteo Giovanni Troiani, Gabriele Michelazzo, Salvatore Condemi, Pino Pagliaroli e tanti altri amici che interverranno dal ristante della ridente località rivierasca pontina. Da Pisa, inoltre, costanti collegamenti dall’Arena Garibaldi con Gennaro De Donato, Daniele Santamaria Maurizio ed una lietissima sorpresa…

    “Noi ci crediamo”. E voi?

    Potrete interagire tramite Whatsup con il numero 3803558042 oppure col numero 3334546917.

    … FORZA LATINA …

    LA CONFERENZA STAMPA DI VIRARINI ALLA VIGILIA DI PISA LATINA.

    6 vittorie (una in più del Latina), 15 pareggi (uno in meno dei pontini) e 9 sconfitte come la squadra di Vivarini. A questo però va anche considerato un punto di penalizzazione ed ecco che la classifica vede il Pisa diciassettesimo a 32 punti, sopra di una sola lunghezza rispetto al Latina. I soli 20 gol subiti ne fanno la migliore difesa del torneo, si pensi che la seconda, ovvero il sorprendente Benevento, si ritrova con 25 gol al passivo. Anche l’attacco della squadra di Gattuso è da primato, ma in negativo: la miseria di 17 gol siglati in 30 gare fa capire il motivo della classifica deficitaria del Pisa. I secondi peggiori attacchi (Vicenza e Ternana) contano 25 gol all’attivo e ancora il Latina nonostante i suoi limiti negli ultimi 30 metri ha raggiunto quota 30 gol stagionali. Avversario pertanto non difficile da contenere nella sua fase offensiva, ma allo stesso tempo difficile da perforare. Numeri e difetti che si sposano con quelli del Latina, che la settimana scorsa contro un’altra squadra capace a chiudersi in difesa (cosa avvenuta solo nel secondo tempo però) come il Carpi, ha trovato serie difficoltà a creare occasioni da gol nella ripresa e subendo le ripartenze che hanno portato al gol decisivo di Mbakogu, vanificando così tutto quello che di buono era stato fatto nel primo tempo. Masucci tra i padroni di casa è l’uomo da tenere più sotto osservazione con i suoi 8 gol stagionali. 

    Virarini arriva alla conferenza stampa della vigilia del match che deve riscattare la sconfitta casalinga con il Carpi, in una sfida decisiva in chiave salvezza. “Questa settimana abbiamo lavorato tantissimo soprattutto sulla testa perché sarà una partita pesante a livello psicologico anche dopo l’esito della scorsa partita. Ci è stato un lavoro per ridare entusiasmo e penso abbiamo fatto un buon lavoro vedendo la squadra convinta sulle cose che dobbiamo fare. I nostri avversari corrono tanto e quindi c’è da lavorare molto per fare risultato in quello che è uno scontro diretto che non dobbiamo perdere e li dobbiamo mettere in difficoltà con le nostre qualità. Mariga sta in una buona condizione, aveva accusato il contraccolpo di qualche errore ma questa settimana e la scorsa l’ho visto bene e si candida per una maglia di titolare. In questo momento di cerca di dare attenzione a tutti per non sottovalutare nessuna opportunità che possa aiutare questa squadra. Insigne ha recuperato e sta bene. Sugli esterni Nica è un buon giocatore e in questo momento è sacrificato, gli ho dato attenzione ma ieri ha avuto un problema al tendine e sarà fuori. Abbiamo Rolando lì che ci dà freschezza e ripartenze ed è un’arma che dobbiamo usare a Pisa, quindi  anche Bruscagin e Rocca, ci sono soluzioni. Ritengo che Di Nardo ha qualità e che ci possa essere d’aiuto. Non ci possiamo considerare il lusso di non usare tutte le forze che abbiamo a disposizione. Quando le cose non vanno bene quelli che stanno fuori diventano i migliori, ma io do attenzione a tutti, perché tutti possono e devono dare una mano a questa causa. Il Pisa ha 7 attaccanti di valore, noi siamo corti e dobbiamo affidarci a qualche giovane sperando che esploda. Ieri abbiamo avuto un incontro con Tommasi e il sindaco, io non posso stare sempre a dire le difficoltà in cui stiamo, la società è fallita ma abbiamo l’esercizio provvisorio e alla salvezza si arriverà alle ultime giornate e dobbiamo andare in questa direzione. Non dobbiamo tralasciare nulla e nessuno, dando l’anima in tutto quello che possiamo fare. Ho visto la faccia dei giocatori dopo l’ultima sconfitta, hanno a cuore questa città e questa società e vogliono raggiungere quell’obiettivo che però ha bisogno dell’aiuto di tutti. Quando tutti hanno in mente un obiettivo l’unione fa la forza. Ognuno può dire la sua, rispetto molto i tifosi, ma io ho a caro le sorti di una città e so quanto può essere importante se tutti ci uniamo in questo lavoro. Noi al di là della sconfitta, con i Carpi abbiamo vinto sotto tutti i punti: sui contrasti, sulle palle alte, non c’è stato un qualcosa che abbiano fallito, e nelle partite prima di noi il Carpi non aveva subito nulla, contro di noi invece ha subito 4 occasioni nitide da gol. Non abbiamo un attaccante da doppia cifra, ma la strada è quella che stiamo percorrendo anche con un pizzico di fortuna in più, speriamo di averlo a Pisa anche perché la squadra ha recuperato dalla batosta di sabato ed adesso è pronta per un’altra battaglia.”