PANTA REI MISTER. PANTA REI!

vicenzo-vivarini

Che l’organico del Latina sia carente e che Vivarini abbia poche frecce nella sua faretra non è un mistero. Così come è facile scoprire l’arcano relativo ad un “imbambolimento tecnico consequenziale” dell’allenatore nerazzurro quando è chiamato ad operare dei cambi in corso d’opera. Contro il Carpi, ad esempio, sarebbe stato utile togliere del campo già all’inizio del secondo tempo un giocatore come Daniele Corvia costretto a fare reparto da solo perché, purtroppo altro non sa fare. Ci spieghiamo meglio: ad un certo punto il numero sette nerazzurro aveva la possibilità di mandare in porta Insigne e invece ha preferito cincischiare, spalle alla porta, fintantoché Gagliolo non gli ha soffiato la sfera. E qualche minuto più tardi, ha mandato per vie orizzontali la sfera anziché lanciare il meglio posizionato Buonaiuto. Corvia è visibilmente l’ombra di sé stesso. Ma non per colpa sua: agendo da boa per i più mobili Insigne e Buonaiuto e non avendo il passo, la velocità e l’astuzia dei compagni, soffre la pressione dei difensori che, nella maggior parte dei casi, lo sovrastano. Le soluzioni sarebbero due. O viene relegato in panchina per far posto all’uomo misterioso (Marko Jordan, si legga Iordan e non Giordan, mi raccomando) ma il ragazzo venuto dalla terra delle scarpe “Bata” non viene visto da Vivarini. E allora? Giuliano Regolanti starà fuori per un bel po’ di tempo ma crediamo che il ragazzo non sia troppo smaliziato per questa serie B. E non possiamo neppure pretendere che ci sia il solito Brosco a togliere le castagne dal fuoco all’allenatore di Ari. Con il Carpi quella sorta di 4-3-3 riproposto poco scientemente è subito diventato inidoneo per scardinare quella “Linea Maginot” issata da Castori negli ultimi venti metri di campo con due linee a pochi passi l’una dall’altra che bloccavano – specialmente nel corso della ripresa – tutte le iniziative nerazzurre. In un’occasione abbiamo visto Insigne dare inizio alla fase offensiva addirittura dalle parti di Bruscagin e, dall’altra parte, De Giorgio scendere fin dalle parti di Pinsoglio per dare il là all’azione. Questo significa squadra lunga, sfilacciata e senza idee che, dopo aver fatto mille passaggetti orizzontali per arrivare ai sedici metri, si trova come sulla Pontina alle otto di mattina. E cosa dire delle sostituzioni tardive che hanno – ovviamente – fatto il resto rendendo tutto molto più facile agli avversari. Cosa fare allora? Non siamo dei tecnici e lungi da noi dal farlo anche se io personalmente ho più di qualche anno di calcio giocato sulle ginocchia (dalla terza categoria alla C2 e come grande maestro l’indimenticato e indimenticabile Franco Scoglio). Insigne scevro da ogni schema. Corvia fuori per qualche settimana tanto per rifiatare. Dentro l’esperienza di De Giorgio. Buonaiuto arretrato sulla linea di Bandinelli. Rolando e Bruscagin sulle linee esterne. De Vitis a ridosso di Insigne a svariare e lanciare una volta Bonaiuto, una volta De Giorgio ed una volta “o scugnizz”.   “Tutto scorre“, diceva Eraclito.”Non si puo discendere due volte nel medesimo fiume, e non si può toccare due volte una sostanza mortale nel medesimo stato. A causa dell’impetuosità e della velocità del mutamento, essa si disperde e si raccoglie, viene e va.”Un discorso molto chiaro, il suo: tutto cambia, tutto si trasforma, niente resta immutato. Azzeccatissimo, dunque, anche l’esempio del fiume: non possiamo pensare di scendere in campo con lo stesso schema a prescindere, poichè su quel campo sopraggiungeranno acque sempre nuove, ossia un gioco diverso, un modo di disposizione differente, una mentalità opposta. Tutto scorre, appunto. E tutto cambia. “Panta rei”. Meno che per Vivarini evidentemente…wp-image-1351645607jpg.jpg

 

Annunci

IL LATINA GIA’ AL LAVORO MENTRE IL MATERA BATTE CASSA…

Risultati immagini per LATINA - CARPI

Archiviata l’amara sconfitta con il Carpi, il Latina pensa già alla sfida di sabato prossimo contro il Pisa. Oggi pomeriggio il gruppo è tornato ad allenarsi all’Ex Fulgorcavi agli ordini di Mister Vivarini. Tutti presenti meno che l’attaccante Giuliano Regolanti fermo per un intervento chirurgico a cui dovrà sottoporsi mercoledì prossimo.

Risultati immagini per LATINA IN ALLENAMENTOPer preparare nel migliore dei modi la gara dell’Arena Garibaldi, la squadra si allenerà all’Ex Fulgorcavi martedì con una doppia seduta e poi a partire da mercoledì lavorerà allo stadio Francioni. Questo il programma completomartedì ore 10 e ore  15 (Ex Fulgorcavi a porte aperte) – mercoledì  ore 15 (Francioni test con la Primavera a porte aperte) – giovedì ore 15 (Francioni a porte chiuse) – venerdì ore 10 (Francioni a porte chiuse)

Immagine correlata

E passiamo ai biglietti riservati al settore ospiti dello stadio “Arena Garibaldi” per assistere all’incontro Pisa-Latina, in programma sabato alle ore 15. La Società Latina Calcio, attraverso il sito ufficiale, rende noto che saranno disponibili presso tutti i centri autorizzati del circuito Bookingshow della provincia pontina dal pomeriggio di mercoledì 15 marzo fino alle ore 19 di venerdì 17 marzo. I tagliandi saranno in vendita, per i soli possessori di tessera del tifoso, al prezzo di 10  euro + 1.50 euro di diritti di prevendita. Il Pisa Calcio comunicherà nella tarda mattinata di mercoledì, a seguito della riunione del GOS, se sarà attiva o meno l’iniziativa “Porta un amico allo stadio”. Per le forze di polizia, quindi, Pisa-Latina è una partita a rischio incidenti visti i precedenti che interessano le due tifoseria.

paponi-750x400.jpgE chiudiamo con un’ennesima tegola caduta sulla testa del Latina. Attraverso un Comunicato Ufficiale diramato in data 10 marzo, il Tribunale Federale Nazionale – Sezione Vertenze ha accolto il ricorso presentato dal Matera Calcio in merito alla gara di Coppa Italia, del 7 agosto del 2016, disputata tra i nerazzurri pontini e gli azzurri materani. In quell’occasione, il sodalizio di Piazzale Prampolini non ha corrisposto a quello lucano il saldo della quota di partecipazione in virtù dell’incasso conseguito nella gara in questione, per cui adesso è obbligato a risarcire gli avversari la somma di 9674,25 euro oltre alle spese processuali. Questo il comunicato: “Il Tribunale Federale Nazionale – Sezione Vertenze Economiche, accoglie il reclamo della Matera Calcio Srl e per l’effetto dichiara la Latina Calcio Srl tenuta a corrispondere alla reclamante la somma di € 9.674,25 (Euro novemilaseicentosettantaquattro/25) a saldo della quota percentuale di partecipazione all’incasso della gara Latina- Matera di TIM CUP del 7.8.2016, oltre agli interessi legali dalla data dell’incontro al soddisfo. Liquida le spese di lite in favore della Società reclamante in € 300,00 (Euro trecento/00), oltre accessori, ponendole a carico della Latina Calcio Srl. Ordina restituirsi la tassa”. Insomma, piove sul bagnato…

BOXE LATINA, LA VISITA DELLA FPI

Presente D’Ambrosi, consigliere nazionale e presidente del CR Lazio. Bella manifestazione avvenuta una settimana fa

Risultati immagini per palestre di pugilato a latina

La Federazione Pugilistica Italiana in visita alla Boxe Latina 1956. Al Palaboxe di via Aspromonte il presidente Mirco Turrin ha ricevuto Flavio D’Ambrosi, il più votato nel nuovo consiglio federale al termine della XXXVII Assemblea Nazionale Ordinaria, che all’Lyrick Theatre di Santa Maria degli Angeli ad Assisi, ha eletto Vittorio Lai nuovo presidente della FPI.

D’Ambrosi è venuto a Latina anche come attuale presidente del Comitato Regionale Lazio per rendere merito alla società pontina, che ha festeggiato la ricorrenza dei sessant’anni dalla fondazione con il quinto posto regionale e 34esimo nazionale nella classifica di merito stilata dalla FPI per le attività risultati conseguiti nel 2016, come organizzazione e partecipazione a riunioni e Criterium giovanili.

Quindi è stata l’occasione per la consegna di un trofeo, un pugile stilizzato, da parte del presidente Mirco Turrin a Flavio D’Ambrosi, che ha incontrato lo staff della storica società delineando gli obiettivi in vista della nuova carica che andrà a ricoprire in Federazione, non prima però di aver affidato il Comitato Regionale ad un successore che dia seguito al cammino intrapreso. Il movimento laziale infatti tra il 2009 ed il 2017 è stato in grado di portare a casa qualcosa come 134 titoli italiani, segno di un buon lavoro complessivo che deve sempre partire dal vivaio. Ecco perché nel corso dell’incontro, in qualità di componente della Commissione Amatoriale e Attività Giovanile, il presidente Turrin ha rappresentato la necessità di un ulteriore impulso delle attività di Criterium, ovvero le gare riservate ai baby pugili dai 6 agli 11 anni, fermo restando la componente ludica nella pratica della disciplina in questa fascia di età. Dal settore giovanile alla formazione, il passo è breve e quindi discorso incentrato anche sulla figura del tecnico federale, della necessità di aggiornamento professionale, al passo con i tempi e le nuove esigenze di questo sport.

Obiettivi che escono dai confini regionali e rappresentano la meta del pugilato nazionale, che ha intrapreso la via del nuovo quadriennio sotto la presidenza Lai. Elezioni alla quali ha preso puntualmente parte la Boxe Latina, uscita arricchita dal confronto con il panorama federale, di cui mira a costituire un punto di riferimento su base territoriale, secondo un percorso di lavoro e confronto periodico tra società, CR Lazio e FPI.

L’ultima classifica di merito ha confermato come il margine con le società storiche e più blasonate si sia sensibilmente ridotto, logico quindi pensare che un ulteriore impegno possa portare in un tempo non lontano a risultati di maggior prestigio, in cui crede il team della Boxe Latina.

DAL RING

Notizie dal ring. Altra vittoria, la settima nel record personale, per Giovanni “Lambo” Paolo Tafuri. L’81 kg della Boxe Latina ha battuto ai punti Franco De Mita, padrone di casa nella serata del I Trofeo Trofeo Roma Nord, organizzato dalle società Bodymind & Fight.Co. Più sfortuna e verdetto decisamente avverso, per il 64 kg Paolo “Pablito” Venerucci, contro Mohamed Ahmed Shaban della Boxing Arcesi. Match, e saprà di rivincita, che comporrà il cartellone della serata del quarto Memorial “Alessandro Radicioli”, domenica 2 aprile al Palaboxe “Città di Latina” in via Aspromonte. La stessa location che il 9 aprile ospiterà il torneo di boxe competition e il 23 aprile il Criterium giovanile.

Lai-con-Turrin-e-Rocco-Prezioso-576x1024
Mirco Turrin – Vittorio Lai – Rocco Prezioso

Fonte: http://www.boxelatina.it/boxe-latina-la-vista-della-fpi/