AVELLINO, CHE STANGATA!

La Procura Federale si è espressa sui presunti illeciti delle partite ModenaAvellino risalente al 17/5/2014 e AvellinoReggina del 25 aprile 2014. 

Queste le richieste: 6 anni di squalifica più preclusione e 20 mila euro di ammenda per Armando Izzo, 7 punti di penalizzazione e 145 mila euro di ammenda per l’Avellino

Stessa sanzione richiesta anche per l’ex calciatore dell’Avellino, Francesco Millesi e per Luca Pini  quest’ultimo all’epoca dei fatti tesserato per l’A.S.D. Atletico Torbellamonaca – entrambi accusati dello stesso tipo di illecito. 

Per il calciatore del Cagliari, Fabio Pisacane, e per il calciatore irpino Raffaele Castaldo e per gli altri ex Avellino, Mariano Arini e Raffaele Biancolino, la richiesta è stata di 6 mesi di squalifica e 30 mila euro di ammenda “per aver violato il dovere di informare la procura federale”. 

Per l’ex presidente e ora amministratore unico dell’Us Avellino, Walter Taccone, la sanzione richiesta è di 9 mesi di inibizione più 45 mila euro di ammenda. 

A riportarlo è La Gazzetta dello Sport.

“Non mi aspettavo la richiesta di alcun punto di penalizzazione”. Così Gubitosa, presidente onorario dell’Avellino, ai microfoni della stampa e delle televisioni irpine subito dopo il processo che si è tenuto oggi a Roma, al Tribunale Federale Nazionale. Per l’Avellino sono infatti stati richiesti sette punti di penalizzazione.

Ecco le sue parole: “Richiesta pesante, ma resto fiducioso nelle persone che ho visto in quest’aula. Oggi è solo una richiesta, vedremo come andrà a finire, i nostri legali hanno fatto un lavoro eccellente”.

Annunci

LATINA, 22 CONVOCATI. TRAPANI, QUANTE ASSENZE!

Per la gara contro il Trapani, Vincenzo Vivarini ha convocato 22 giocatori

I CONVOCATI – Pinsoglio, Grandi, Rausa, Bandinelli, Brosco, Bruscagin, Buonaiuto, Corvia, Coppolaro, Dellafiore, De Giorgio, De Vitis, Di Matteo, Garcia Tena, Insigne, Jordan, Mariga, Maciucca, Nica, Regolanti, Rolando, Rocca.

Come si evince dalla tabella, manca all’appello solo Marco Pinato. 

Al Provinciale di Trapani saranno presenti non più di 30 sostenitori pontini.

E passiamo al Trapani che oggi effettuerà una seduta di rifinitura pomeridiana, in vista del match di domani pomeriggio contro il Latina

Nelle varie sedute di allenamento è stato tenuto sotto osservazione il centrocampista Fausto Rossi che sta proseguendo con il lavoro e potrebbe rientrare presto in gruppo. Difficile la sua presenza domani al Provinciale. Come scrivevamo qualche giorno fa, in dubbio il terzino Simone Rizzato. Il giocatore era stato fermato in settimana dall’influenza e verrà riproposto per la seconda volta consecutiva Pietro Visconti.

Assente anche il difensore Matteo Legittimo squalificato per un turno dal giudice sportivo . Non ci sarà nemmeno l’altro difensore Tiago Casasola. La Corte ha respinto il ricorso del Trapani contro le tre giornate di squalifica inflitte al difensore argentino.

È SOLO UNA SCERMAGLIA DOVUTA…

LatinaPress ha appena battuto questa notizia: <<Fallimento Latina Calcio, la Procura boccia il piano finanziario presentato dal presidente Benedetto Mancini per l’esercizio provvisorio: “Non ci sono garanzie…”>>. La notizia è stata da poco rilanciata anche da Lazio Tv.

La parola – ovviamente – a questo punto deve passare al Giudice della sezione fallimentare del Tribunale di Latina. 

Quella della Procura di Latina è un’ovvia schermaglia – quasi un atto dovuto – per mezzo del quale tenta di “racimolare” quanto più possibile nei confronti dell’attore fallito come  un qualsiasi creditore fallimentare . Lo sottolinea il diritto commerciale. In caso di esercizio provvisorio dell’impresa del fallito ( art. 114 l.f.) i creditori hanno il diritto di essere soddisfatti per l’intero credito alle scadenze stabilite e prima degli altri creditori concorsuali. 

Si comprende, quindi, perché la legge vuole, per l’esercizio provvisorio, il parere vincolante del comitato dei creditori. In questo caso la Procura.

TRAPANI LATINA: L’AVVERSARIO E LA CONFERENZA STAMPA DI VIVARINI.

Dopo la Ternana e il Cesena, ecco il terzo scontro salvezza per il Latina in una settimana: domani per i pontini sarà ora della trasferta di Trapani, contro una squadra che nonostante la sconfitta di Cittadella ha dimostrato di essere in forma. 

Qui Trapani. 25 i punti per i siciliani che con l’arrivo di Calori hanno cominciato una difficile risalita. Peggior difesa del torneo con 40 gol subiti, nonostante il cambio di tecnico ha mantenuto i limiti difensivi. In fase offensiva sono 25 i gol siglati, 16 dei quali nelle ultime 10 partite di campionato, cioè da quando è giunto Calori sulla panchina in sostituzione di Cosmi, con il quale la squadra aveva siglato 9 gol in 17 partite. Trasferta quindi da non sottovalutare per i pontini, anche perché i siciliani si sono dimostrati più vittoriosi in casa che fuori, e venderanno di sicuro cara la pelle. Igor Coronado è l’uomo da tenere più sotto osservazione per la squadra di Vivarini: seconda punta e all’occorrenza trequartista,  l’italo brasiliano classe 92 con il trapani ha siglato 8 gol in 42 presenze la scorsa stagione e quest’anno, contando anche un gol in coppa Italia, ha già raggiunto quota 7 gol in 23 presenze stagionali. 

Qui Latina. Latina reduce dal secondo risultato utile consecutivo, ovvero dal pareggio casalingo contro il Cesena. Vivarini in quell’occasione ha preferito usare Insigne e De Giorgio come “armi tatticche” per il secondo tempo, la sensazione alla vigilia però è che per il primo ci potrebbe essere una situazione diversa, forse con il rientro dal primo minuto. Decisive potrebbero essere le ripartenze in velocità e le situazioni da palla inattiva, situazione quest’ultima sulla quale Vivarini ha insistito. Il mister pontino si esprime così a riguardo della sfida di domani in conferenza stampa prima della partenza per Trapani: ” È uno scontro diretto di un importanza molto alta. Sarà molto combattuta e troveremo una squadra in salute che con il mercato di gennaio ha rinfrescato la rosa con giocatori di gamba. Ci saranno difficoltà sul campo sintetico e quindi dobbiamo curare tutti i particolari. Sarà una battaglia e dobbiamo essere bravi. Abbiamo avuto due partite con grande dispendio di energia, ma la fortuna è che abbiamo una rosa di giovani e a livello fisico riescono a recuperare, riguardo quello mentale un po’ meno ma l’ho fatto notare ai giocatori. A centrocampo cambierà poco, ma toccherà vedere qualche acciaccato come Bruscagin e anche De Vitis. Non dobbiamo fare confusione fuori e in mezzo al campo, quindi cambiare troppo porterebbe confusione in un momento che abbiamo equilibrio. Finalmente ieri abbiamo curato bene la fase di finalizzazione, rivedendo anche la partita con il Cesena dove abbiamo fatto alcune scelte sbagliate in fase offensiva e c’è stata una risposta positiva del gruppo. Il Trapani ci verrà a prendere alti e ci sarà grande agonismo. Hanno attaccanti di gamba e Coronado dietro le punte fa la differenza. Dobbiamo fare una partita di grande intensità con una prestazione sopra le righe. In questa settimama ho pensato solo a colmare i limiti della squadra e pensare giornata per giornata senza fare tabelle.” 

Domani a Trapani quindi la voglia è quella di fare altri punti per continuare il percorso alla salvezza che passa per forza di cose, e soprattutto, anche da queste partite.