I CONVOCATI PER LATINA-CITTADELLA 

Per la gara contro il Cittadella, l’allenatore dei nerazzurri, Vincenzo Vivarini, ha convocato 23 giocatori: Pinsoglio, Grandi, Bandinelli, Brosco, Bruscagin, Buonaiuto, Coppolaro, Dellafiore, De Giorgio, De Vitis, Di Matteo, Di Nardo, Garcia Tena, Insigne, Jordan, Mariga, Maciucca, Negro, Nica, Pinato, Rolando, Rocca, Varga.

Tra gli indisponibili annoveriamo Regolanti mentre Corvia è stato squalificato per una giornata e quindi salterà il delicato match di domani. Vivarini ha quindi dovuto convocare i ragazzi normalmente utilizzati nella selezione primavera.

Anche Roberto Venturato, trainer degli euganei, ha convocato 23 giocatori per la trasferta di Latina. 

Portieri: Alfonso, Paleari

Difensori: Benedetti, Martin, Pascali, Pedrelli, Pelagatti, Salvi, Scaglia, Varnier

Centrocampisti: Bartolomei, Iori, Maniero, Paolucci, Pasa, Valzania

Attaccanti: Arrighini, Chiaretti, Kouame, Iunco, Litteri, Strizzolo, Vido

Tra gli Indisponibili: Schenetti

Annunci

VIVARINI IN CONFERENZA STAMPA: “NON E’ UNA PARTITA DA ULTIMA SPIAGGIA. HO VISTO LA SQUADRA CARICA E MOTIVATA”

 

fb_img_1473449597973.jpg

 

Stiamo lavorando tantissimo ed i ragazzi si stanno impegnando fino allo spasimo“. Esordisce Vincenzo Vivarini, allenatore del Latina visibilmente stanco e provato dopo aver guidato l’allenamento della mattinata. “Stiamo lavorando su diverse soluzioni tattiche per fare meglio rispettando, peraltro, quelle che sono le caratteristiche dei nostri giocatori. A Pisa abbiamo utilizzato il 4-3-2-1 regalandoci la soddisfazione del pareggio che è arrivato proprio perché voluto. E pure contro la Pro Vercelli abbiamo giocato con il 4-3-2-1 producendo ottime giocate soprattutto nella prima parte della gara. E’ ovvio che abbiamo altre soluzioni tattiche che metteremo in pratica da qui alla fine di un campionato. Io credo nella salvezza: se noi riusciamo a fare gli stessi punti dell’andata siamo salvi. Già con il pareggio saremmo nella media ma state certi che faremo del tutto per vincere contro il Cittadella”.

Di Giorgio? “Per noi è un calciatore importante. Bisogna vedere se tiene i novanta minuti ma vi assicuro che è un calciatore indispensabile perché ha una visione di gioco enorme”.

Di Nardo? “Ha fisico, rabbia agonistica e potenzialità importanti. Giocatore di prospettiva che potrà dare tanto a Latina ed al Latina

Il Cittadella? “La squadra di Venturato ha una buona intelaiatura ed un collettivo da far paura sebbene le individualità non siano di prim’ordine. I granata aggrediscono molto e puntano soprattutto sulle verticalizzazioni improvvise. Dobbiamo essere bravi a bloccarle perché, altrimenti, possono far male. Per tutta la settimana abbiamo lavorato su questo aspetto. Ad ogni buon conto, il Cittadella è una squadra che lavora da anni con quasi la stessa struttura”.

Partita da ultima spiaggia? “Assolutamente no. Vi dico soltanto che la condizione fisica è buona. Bisogna piuttosto costatare qual è l’entità della carica nervosa che sapremo mettere nella gara. Da questo punto di vista  sono molto fiducioso. E lo sono anche sotto il profilo delle motivazioni in relazione alla penalizzazione che ci ha colpiti ieri. Se giochiamo come sappiamo possiamo fare bottino pieno perché ho visto la squadra motivata e quindi carica”.

Le critiche della tifoseria? “E’ normale che i tifosi critichino. D’altronde, se i risultati non arrivano, le critiche sono legittime. L’importante però è che queste siano costruttive. Io accetto tutto, anche i fischi fuorché le critiche distruttive: quelle che non portano da nessuna parte. Noi ce la stiamo mettendo tutta come gruppo intenzionato a regalare la permanenza in categoria. Ma va bene così: le critiche fanno parte del gioco”.

Vincenzo Vivarini è stato un fiume in piena, dimostrando tutta la carica emotiva che lo caratterizza e che, sicuramente, saprà infondere ai ragazzi in casacca nerazzurra. Da questo punto di vista “Don Vincenzo” è più di un semplice allenatore di calcio.

CLICCA QUI PER SEGUIRE IL VIDEO DELLA CONFERENZA STAMPA DI MISTER VIVARINI (traccia audiovisiva condivisa dalla Pagina Fecebook US LatinaCalcio)

CITTADELLA, PARLANO GIANLUCA LITTERI E FILIPPO SCAGLIA

di Basilio GABURIN per Latinasport.info

Ha giocato poco e male a Latina anche se era arrivato da Terni con la nomea di grande goleador. Adesso ritorna da avversario in vista della trasferta del Cittadella su quello che è stato il suo stadio per pochissimo tempo. Tempi bui, anonimi e da dimenticare per l’attaccante etneo Gianluca Litteri che si è sfogato al Corriere del Veneto : “Non ho il dente avvelenato. Diciamo che quello trascorso a Latina è stato un brutto anno. Ma non ce l’ho con nessuno: nè con la società, nè coi tifosi o qualcuno in particolare… E’ una di quelle stagioni in cui tutto gira storto. Alla fine è stato meglio per tutti che io abbia cambiato aria. A Cittadella sto benissimo e sono contento del mio campionato. Sabato non penso a segnare per togliermi qualche rivincita, voglio solo aiutare la squadra a raggiungere l’obiettivo play-off”.

Anche Filippo Scaglia parla della prossima gara con il Latina sulle pagine de Il Mattino di Padova. Cosa le viene in mente se sente la parola Latina? «Che ci sono due precedenti non proprio piacevoli», rammenta il difensore del Cittadella. «Nel 2014 al “Francioni” ho giocato la mia prima partita in coppia con Pellizzer e abbiamo perso 1-0. La seconda volta ero infortunato, ma la ricordo bene, perché è rimasta una ferita aperta per tutti noi: due anni fa abbiamo perso 3-2 a cavallo della Pasqua, e quella fu la sconfitta che probabilmente ci condannò alla retrocessione in Lega Pro. Per un’ora giocammo la nostra miglior gara della stagione e poi, come spesso ci accadeva in quel campionato, ci siamo… sciolti».

Il Latina sta attraversando un momento societario difficile, con i giocatori senza compensi da 6 mesi. Che avversario si aspetta di trovare? «Per fortuna non ho mai vissuto una situazione simile. Non ricevere lo stipendio, soprattutto per chi tiene famiglia, è un problema serio, ma questo non significa che davanti avremo una squadra distratta, anzi. Il Latina tiene bene il campo, crede nella salvezza e merita attenzione, anche perché è guidato da un allenatore molto preparato come Vivarini, che già al Teramo ha fatto bene».

 

 

 

MERCOLEDÌ SI DELINEA IL FUTURO DELLA B

Il prossimo Consiglio Direttivo della Lega di Serie B è stato convocato per mercoledì 5 aprile a Milano ed avrà all’ordine del giorno – tra  l’altro – il calendario dei play off e dei play out per l’anno corrente e le linee guida del triennio 2018/2021 dei diritti televisivi. O per meglio dire, le briciole che restano dopo la spartizione più cospicua di alcune società della serie A e di quelle di B con un vastissimo bacino d’utenza (Juventus, Milan, Inter, Napoli, Roma, Palermo, Bari, tra tutte). 

Mercoledì, insomma, si delinea il futuro prossimo della cadetteria che sta vivendo un periodo tutt’altro che florido: troppi, infatti, sono i problemi economici che attanagliano sempre più spesso le società. Non è solo il Latina a vivere lo scorcio più drammatico della propria esistenza ma vi sono realtà ancor più indebitate e quindi con il tubo del gas alla gola. Caso mai la società di Piazzale Prampolini ha pagato a caro prezzo il dilettantismo (e non solo) della passata gestione che l’ha condotta nel baratro profondissimo. Cesena, Brescia, Pisa – per fare alcuni esempi – non stavano e non stanno certamente meglio. E ancora non è nulla, ancora tante tombe dovranno essere ancora scoperchiate. Questa volta però il Latina starà alla finestra…

UN PUNTO DI PENALIZZAZIONE PER I NERAZZURRI  

In questo preciso momento (ore 17.43) è purtroppo arrivato il responso ufficiale: il Latina è stato penalizzato di un punto per il mancato pagamento degli oneri fiscali e previdenziali relativi agli emolumenti di settembre e ottobre.

“Il Tribunale Federale Nazionale – Sezione Disciplinare riservata la motivazione, adotta il seguente dispositivo: P.Q.M. rigetta le eccezioni preliminari e pregiudiziali; in parziale accoglimento del deferimento in epigrafe trascritto, infligge al Sig. Antonio Aprile la inibizione di giorni 30 (trenta); al Sig. Pasquale Maietta la inibizione di mesi 3 (tre), esclusa per entrambi la recidiva; alla Società U.S. Latina Calcio S.r.l. la penalizzazione di 1 (uno) punto in classifica da scontarsi nel campionato nazionale di Serie B, stagione sportiva in corso“.

La squadra di Vivarini scivola così a quota 32 punti in classifica, andando ad appaiare il Trapani al terzultimo posto. Questa la nuova classifica nelle posizioni di retrovia:

Pro Vercelli 35

Cesena e Vicenza 34

Brescia 33

Trapani e Latina 32

Pisa 31

Ternana 29


ANCORA NIENTE SUL FRONTE PENALIZZAZIONE 

Nella giornata odierna dovrebbe arrivare  la decisione del Tribunale Federale sulla penalizzazione spettante al Latina per il mancato versamento dei contributi lo scorso dicembre. Il 3 aprile, invece, è attesa la decisione circa il ritardo di un pagamento effettuato durante l’aprile 2016. 

Una vera e propria mannaia sulla testa del Latina Calcio che non passa di certo un bel periodo neppure guardando la classifica. Nonostante ciò, in considerazione della tesi proposta dalla difesa, è auspicabile che alla società pontina non venga calcata la mano: l’Avvocato Di Cintio, infatti, fa leva sul “fallimento” per giustificare il ritardo nei pagamenti degli stipendi e dei contributi.

Ovviamente vi terremo informati sugli sviluppi. Per il momento non è dato sapere ulteriori informazioni

MARTINELLI PER LATINA-CITTADELLA 

L’AIA attraverso il proprio sito ha reso note le designazioni arbitrali per la 33^ giornata di Serie B:

Ascoli-Carpi: Marini

Avellino-SPAL: Abbattista

Brescia-Virtus Entella: Piccinini

Cesena-Frosinone: Ros

Latina-Cittadella: Martinelli

Novara-Ternana: Baroni

Perugia-Vicenza: Marinelli

Pisa-Salernitana: Chiffi

Pro Vercelli-Bari: Pinzani

Spezia-Benevento: Saia

Trapani-Verona: La Penna

Sarà quindi Daniele Martinelli a dirigere la sfida del Francioni in programma sabato 1 arile 2017 alle ore 15.00. A coadiuvare il fischietto della sezione di Roma 2 saranno gli assistenti Giuseppe Opromolla di Salerno e Manuel Robilotta di Sala Consilina, con Federico Dionisi (L’Aquila) quarto uomo.