LATINA BLOCCATO IN CASA DAL CESENA. PAREGGIO CHE NON SERVE A NULLA. 

LATINA BLOCCATO IN CASA DAL CESENA. PAREGGIO CHE NON SERVE A NULLA. 

Si scrive Latina Cesena ma si legge scontro salvezza quello che va in scena al Domenico Francioni valevole per la 28° giornata di serie B. Entrambe le squadre si trovano a 29 punti in classifica, ma con un inizio di 2017 differente: i pontini di Vivarini vengono da 2 vittorie e 4 sconfitte, con l’importante ultimo successo in quel di Terni. Per il Cesena di Camplone invece una sola vittoria in 6 partite, con 10 gol siglati e 10 gol subiti. Tra i pontini confermati gli 11 iniziali vittoriosi di Terni, con le esclusioni quindi di Mariga e del rientrante Insigne, partenti dalla panchina. 

Latina 3-4-3: Pinsoglio; Brosco, Dellafiore, Garcia Tena; Bruscagin (88° Rolando), De Vitis, Rocca, Di Matteo (53° Insigne); Bandinelli, Corvia, Bonaiuto (69° De Giorgio) . All Vivarini. 

Cesena 3-5-2: Agliardi; Donkor, Rigione, Perticone; Setola, Konè, Crimi (81° Schiavone), Garritano (89° Laribi), Renzetti; Ciano (86° Panico), Cocco. All Camplone. 

Primo tempo. Partita subito a ritmi alti: il Cesena prova a dominare il Latina grazie alla sua qualità, i pontini pero sono pronti a scatenarsi in contropiede. Ecco quindi che al nono minuto Bandinelli recupera un pallone sulla sua tre quarti. Combinazione con De Vitis e Bruscagin che portano rapidamente Bandinelli a metà campo e permette al centrocampista di lanciare Bonaiuto a campo aperto verso la porta avversaria. Il numero 10 pontino arriva alla conclusione disturbato da Donkor, sulla quale Agliardi è attento e respinge in uscita. Pronta risposta del Cesena al 11° con Ciano che cerca la conclusione dalla trequarti ma Pinsoglio vola e respinge lateralmente la sfera. Altra occasione per il Cesena al 14° con il solito Ciano che con il suo sinistro disegna una traiettoria insidiosissima da una punizione dalla tre quarti sinistra. Sulla palla  arriva Donkor che riesce nella sponda aerea per Perticone che tira al volo. Sembra tutto fatto per il vantaggio bianconero ma la palla trova l’opposizione di De Vitis con il corpo. Al 21° Brosco è il primo ammonito della partita per un fallo su Garritano. Al 26° si fa vedere di nuovo il Latina: Corvia aggressivo su Donkor riesce a recuperare il pallone per poi cercare un uno due con Bonaiuto, ma la punta pontina è chiusa all’ultimo da Setola. Sull’azione seguente pericoloso il Cesena con un tiro cross di Garritano deviato leggermente da Pinsoglio. La palla arriva dalla parte opposta a Setola che tenta la conclusione con il destro ma manda alto. Al 31° protagonista De Vitis che recupera un ottimo pallone in mezzo al campo a Kone e serve Bonaiuto che giunge fino al limite dell’area prima di tentare un destro che però finisce fuori di molto. 5 minuti dopo altra ripartenza ben impostata del Latina che porta alla conclusione dal limite dell’area Bandinelli che però non trova lo specchio della porta. Al 38° però il Cesena trova il vantaggio: sulla fascia sinistra Ciano inventa per la corrente Renzetti che al volo riesce a mettere  una gran palla al centro dove Cocco si fa trovare pronto e di testa insacca sul secondo palo il suo quarto gol in 7 partite con il Cesena, quinto stagionale. Il Latina cala di ritmo e al 43° si affida a una conclusione al volo di De Vitis dalla lunghissima distanza che non può però trovare impreparato Agliardi. Dopo un minuto di recupero finisce il primo tempo che vede il Cesena in vantaggio per uno a zero. Bel primo tempo con il Cesena che ha fatto valere la sua maggiore qualità ma con un Latina che quando è ripartito in contropiede e con palla a terra è riuscito a creare problemi a un Cesena non di certo perfetto nella fase difensiva, dove si è visto un Donkor in grande difficoltà su Bonaiuto, ancora una volta tra i migliori. Male Corvia, non capace di dare il solito apporto alla squadra. Perfetto Dellafiore in chiave difensiva così come Rocca e De Vitis ancora positivi in mezzo al campo. Nel Cesena in cattedra Ciano, Renzetti e Garritano che hanno creato problemi ai pontini. Cocco poi si è dimostrato di essere quel bomber che al Latina servirebbe cone il pane.

Secondo tempo. Secondo frazione che ricomincia con gli stessi 22 giocatori del primo tempo. Primi 8 minuti che passano senza pericoli creati da nessuna delle due squadre e quindi ecco il primo cambio nel Latina: Insigne sostituisce Di Matteo, di conseguenza Rocca va largo a sinistra e Bandinelli torna in mezzo al campo. La scintilla non c’è e anzi il Cesena va vicino al due a zero al 13° della ripresa: Bonaiuto perde palla sulla fascia con la squadra scoperta. Kone spinge sulla destra e serve Ciano al limite dell’area. Il numero 10 cesenate inventa un pallone splendido per servire la corrente Garritano che a tu per tu con Pinsoglio cerca un pallonetto ma il portiere latinense riesce in una leggera deviazione che manda il pallone in calcio d’angolo. È un Latina che nei primi 15 minuti della ripresa però soffre solamente senza riuscire a creare pericoli agli avversari. Al 24° momento chiave del match: nel Latina esce Bonaiuto per far spazio a De Giorgio. Il Latina riprende il gioco con una punizione dalla fascia destra vicino al vertice corto dell’area di rigore. Palla tesa di Insigne sul secondo palo, Agliardi sbaglia l’uscita e Dellafiore svetta di testa per il pareggio del Latina. 4 minuti dopo la reazione del Cesena è affidata al grande ex Crimi che si cordina per un destro al volo dai 25 metri, ma il suo tiro viene leggermente deviato e finisce al lato di un soffio. Al 33° ammonito anche Bruscagin per il Latina. Primo cambio per il Cesena al 36° con Schiavone che prende il posto di Crimi. Quindi 5 minuti dopo è il turno di Panico che prende il posto di Ciano. Nel Cesena ammonito Rigione mentre nel Latina Rolando prende il posto di Bruscagin. La grande occasione però è per il Cesena all’89°: Panico lanciato in profondità vince lo scontro fisico con Brosco. Cerca quindi un destro a giro che, a Pinsoglio battuto,  si infrange sulla traversa. Ultimo cambio per il Cesena con l’altro ex Laribi che sostituisce Garritano. Minuti di recupero che vedono uno scatenato Insigne: prima da una sua azione si arriva alla conclusione dalla distanza di De Vitis ma è facile per Agliardi la presa a terra. Quindi si conquista una punizione dal limite dopo un’azione travolgente sempre sulla fasce destra, ma dalle seguente Corvia centra la barriera e sfuma l’occasione per il Latina. Non succede più nulla e la partita si chiude sull’1 a 1 che non serve a nessuna delle due squadre dopo un secondo tempo giocato a ritmi più bassi rispetto al primo tempo. Entrambe le squadre muovono leggermente la classifica e salgono a 30 punti. Secondo risultato utile per il Latina che comunque continua la sua ripresa di risultati dopo le 4 sconfitte consecutive. Adesso a Trapani sarà un’altra battaglia per continuare la corsa alla salvezza.

MARATORI: 39° Cocco, 69° Dellafiore

AMMONITI: Brosco, Bruscagin, Rigione

ARBITRO: Saia di Palermo.

aviary-image-1475332468570.jpeg

ristorante-ci-ro-logo

Annunci