LATINA, LAVORO DURO IN VISTA DELLA CORAZZATA VERONA 

Verona è oramai vicina. Tra cinque giorni si ricomincia a fare sul serio con la dura e difficile trasferta nel covo dei veneti propensi a lasciare il segno in questo campionato che li vede con i favori dei pronostici. In tutti sensi. A Verona, contro l’Hellas dei vari Coppola, Caracciolo, Gonzalez, Helander, Pisano, Fossati, Laner, Valori,  Viviani (un ex), Ganz, Gomez, Pazzini, si dà inizio al quarto anno consecutivo di Serie B per il Latina. Un Latina giovane, sbarazzino, veloce e coriaceo. Una squadra che fino al momento ha lavorato tanto agli ordini di un allenatore in grado di dimostrare di saperci fare e di preparare al meglio i nuovi arrivati che si sono splendidamente integrati nel gruppo già esistente. Quello che si presenta ai nastri di partenza, sarà un Latina praticamente nuovo e tutto da scoprire. Tantissimi i volti nuovi e tantissime le incognite. Però, se il gioco è quello intravisto nel primo tempo con il Matera oppure durante la seconda parte del l’amichevole disputata con la Roma, c’è da alimentare speranze e quindi da essere ottimisti. Sul piano della corsa questa è una squadra sicuramente migliore rispetto ai due precedenti esordi targati Beretta e Iuliano: sia con l’uno che con l’altro, infatti, la manovra era macchinosa, lenta e impacciata. Con Vivarini, invece, abbiamo visto trame di gioco interessanti ancorché essenziali ed efficace con la palla che viaggia spedita. Riconosciamo che il calcio d’agosto – ad ogni buon conto – è da prendere con le pinze e siamo in ogni caso pervasi dalla consapevolezza che c’è ancora tanto lavoro da fare per un allenatore che attua un gioco totale e quindi dispendioso sia dal punto di vista fisico che da quello mentale. Per questo motivo vogliamo e dobbiamo essere cauti. E guai se non fosse così. Lavoro, sudore e lacrime da qui a venerdì mattina: questo è – e dovrà essere – il tema conduttore dei prossimi giorni e in quelli a venire fintanto che i movimenti non saranno sincronizzazioni perfette. O giù di lì. 

 E passiamo alla giornata odierna. All’ex Fulgorcavi un lavoro a parte per Di Matteo, Marchionni, Shainas, Corvia e Varga. Gli altri hanno lavorato alla clemente sotto il sole cocente di un’estate che pare non voglia andar più via. Assente Bandinelli alle prese con il problema al ginocchio. 

E sarà così per tutta la settimana secondo la scaletta che la società ha reso nota attraverso il proprio sito web: 

  •  Martedì 9.30 e 17.30 (Ex Fulgorcavi a porte aperte) 
  • Mercoledì  ore 17.30 test con la Primavera (Ex Fulgorcavi a porte aperte) 
  • Giovedì ore 17.30 (Ex Fulgorcavi a porte chiuse) 
  • Venerdì ore 9.30 (Ex Fulgorcavi a porte chiuse)

Si ricorda che l’incontro è fissato per le ore 20.30 di Sabato 27 Agosto 2016 e lo scenario è davvero suggestivo in quanto si giocherà allo Stadio Bentegodi di Verona, un vero gioiello di architettura sportiva.

Annunci